Primavera in Umbria

il polmone verde d'Italia
 

Ferie ad aprile, la primavera è alle porte e così, da amante della natura, scelgo una delle regioni più verdi in cui in passato ho vissuto ed amo profondamente: l’Umbria.

Il mio Kangoo è camperizzato, ma ancora il caldo non si decide ad arrivare, in più il marito ha problemi di schiena quindi optiamo per un appartamento sperso nei boschi. E lo trovo ad un prezzo bassissimo in un posto bellissimo che scopro dopo giorni essere metà rinomata per il tartufo: Macerino, vicino ad Acquasparta.

È un punto strategico perché dista più o meno un’ora da ogni punta dell’Umbria da visitare ed è abbastanza conficcato nei boschi tanto da sentire solo il rumore degli uccellini e vedere solo verde, come piace a me!

Giorno 1 – Cacciano e Sant’Angelo

Il primo giorno tappa nelle Marche, da piccola venivo sempre in questo paesino perché ci vivevano i miei nonni. San donnino, una manciata di case nel mezzo tra Sassoferrato e Arcevia. Una volta c’era un campo da bocce, una volta c’era un pastore, una volta zia Italia e zio quinto avevano i maiali, le galline, i conigli e credo anche i tacchini, una volta a settimana facevano il pane, pizza e torte per tutti nel grande forno a legna fuori. Adesso la casa è piena di grandi e profonde crepe sia nel soffitto che nel pavimento. In paese sono rimasti in 5 tra cui Marco, scultore e lavoratore di ferro battuto, un mio lontano cugino che con suo padre Franco ha mantenuto il laboratorio li in paese. Pranzo con loro e mi raccontano la tristezza di vedere il paese vuoto. Un paese che prima era vivo che ora si anima solo con la festa che c’è d’estate, ma ormai tutti se ne sono andati.

La chiesa è chiusa, la casa del parroco è messa in sicurezza e dovrebbero metterci anche la casa dei miei bisnonni. Ma la natura si mangerà tutto se l’uomo non interverrà. Marco mi consiglia di andare a Cacciano, sa che io dipingo ed è un borgo di murales. Tanti Borghi hanno rivalorizzato le strade e i palazzi con i murales e questa è una buona cosa che porta turismo, oltre a portare colore.

Così si va a Cacciano, molto piccolo, a differenza di Sant’Angelo, il paese delle fiabe, che ha un tema specifico, qua ogni murales è a se, senza un filo conduttore. Borgo carino, si gira in poco tempo. Vale la pena se amate i murales, ma se dovete scegliere vi consiglio Sant’Angelo, forse perché amo le fiabe o forse perché le artiste sono tutte donne non so, ma li la mia bambina interiore si è innamorata!

Giorno 2 – Calcata e Gole di Narni

Secondo giorno: Calcata, il borgo delle streghe. Questo paese arroccato su una montagna di tufo sulla strada che porta a Roma è bellissimo. Pieno di gatti e magia. Visitarlo in aprile è stata la scelta migliore perché non c’era nessuno. La strada che dal parcheggio porta a Calcata vecchia sembra il sentiero dei mattoni gialli del mago di Oz, nel mezzo a piante selvatiche ed alberi, gradini infiniti, salite e discese. In un attimo ti ritrovi in mezzo alle case e se butti un occhio in un giardino o in una finestra non è difficile vedere una scultura, una pergamena, un libro, un quadro, delle piante nel vaso…un luogo senza tempo.

Guarda la gallery
senza_nomejyiu



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...

    Diari di viaggio
    sicilia on the road tra catania e trapani

    Sicilia on the road tra Catania e Trapani

    Dopo un anno e mezzo di pandemia, un viaggio on the road per il mio trentesimo compleanno è stato il regalo migliore che potessi farmi. E...

    Diari di viaggio
    da barcis a venzone, tra natura e mummie

    Da Barcis a Venzone, tra natura e mummie

    Dopo la zona di Monfalcone, l'ultimo itinerario in Friuli Venezia Giulia prima della mia partenza, prevede una parte naturalistica, visita...