Irlanda, ma che ansia!

10 giorni fra Dublino, Belfast e Galway, rigorosamente senza auto
 
Partenza il: 03/07/2018
Ritorno il: 12/07/2018
Viaggiatori: 2
Spesa: 1000 €

ORGANIZZAZIONE: voli prenotati 3 mesi prima sul sito Ryanair, soggiorno di 6 notti a Dublino prenotato su AIRBNB, di 3 notti a Galway su Booking.

GUIDE UTILIZZATE: guide Touring e Lonely Planet, pagina Facebook Ireland travel tips per info pratiche, foto e consigli.

INFORMAZIONI UTILI

TRASPORTI: bene il servizio di autobus, DART e LUAS nonché il collegamento ferroviario Dublino-Belfast. Poco puntuali gli autobus a lunga percorrenza es. BusEyreann o Expressway: calcolate sempre dai 20 ai 40/50 minuti di ritardo negli arrivi.

LEAP VISITOR CARD: assolutamente necessaria per spostarsi a Dublino se alloggiate in zone periferiche. Esiste da 1, 3 o 7 giorni, il calcolo delle ore parte dalla prima timbratura. Acquistabile in aeroporto oppure negli uffici turistici di Suffolk street / O’Connell street, la ricarica si può effettuare in qualsiasi esercizio commerciale ove compaia il simbolo verde della rana. Diverse le modalità di obliterazione a seconda dei mezzi di trasporto. La Leap visitor card consente l’accesso anche agli AIRBUS da e per l’aeroporto, non inclusi i bus Hop-on, hop off.

CORRENTE ELETTRICA: 220, con presa a 3 fori, necessario l’adattatore.

ORARIO: – 1 rispetto all’Italia, il sole nel mese di luglio tramonta alle 11 p.m.

GUIDA A SINISTRA: se non guidate l’auto, attenzione comunque agli attraversamenti stradali ed anche a salire/scendere le scale: noi italiani sbagliamo sempre!!!

Bene, esaurite le premesse passiamo a descrivere i nostri 10 giorni un po’ troppo ansiosi in terra d’Irlanda

DAY 1: THE NIGHTMARE

È il primo mattino del 3 luglio quando prendiamo il treno dalla nostra città, Forlì, diretti all’aeroporto di Rimini. E’ l’1.30 a.m. del 4 luglio quando arriviamo davanti alla porta del nostro Airbnb di Rathmines, Dublino. Tutto quello che è successo “in between” è da dimenticare.

Per risparmiare qualcosa avevamo pensato di spezzare il nostro volo d’andata in Irlanda prenotando le singole tratte Rimini-Stansted e Stansted-Dublino: grandissimo errore!

Il nostro volo, invece di partire alle 13.35 come previsto, parte alle 16, impedendoci di prendere il volo Ryanair Stansted-Dublino delle 17.30. Ciò che succede durante le 5 e passa ore che trascorriamo nell’aeroporto londinese è talmente assurdo che adesso ci fa sorridere, sul momento molto meno.

Per prima cosa ci mettiamo in fila al desk reclami di Ryanair dove una hostess simpatica come un pugno nello stomaco ci spiega che il ritardo del nostro volo da Rimini è inferiore alle 2 ore, quindi non verremo re-imbarcati sul volo successivo. Se vogliamo raggiungere Dublino dovremo acquistare un nuovo biglietto. E’ però possibile farlo dall’Ipad del banco informazioni, posto davanti all’uscita. Peccato che al momento della conferma del volo non vengano riconosciute le mie password, me le sono trascritte nel portafogli per non dimenticarle…niente. Fra parentesi il costo della stampa del biglietto è di 5 £ a foglio, vabbè quando si è alle strette non si bada a queste cose, ma è comunque un furto.

Senza speranza torniamo al desk della Ryanair, dove adesso la fila è lunghissima. Acquistiamo i biglietti per il volo di Dublino delle 22.30 e ci mettiamo il cuore in pace. Mangiamo qualcosa poi entriamo nella zona delle partenze ed iniziamo ad aspettare. Aspetta aspetta del nostro volo non si hanno notizie, ormai nella hall di attesa non ci sono tantissime persone, ho il terrore di non riuscire a prendere neanche questo volo e comincio a rompere le scatole ai vicini di posto. Ed è così che conosciamo Hettie, una simpatica signora dublinese che sarà il nostro angelo custode per questo interminabile viaggio. Le spiego cosa ci è successo (fra parentesi anche i nostri smart phones non funzionano, visto che siamo in Gran Bretagna e il wifi dell’aeroporto non esiste proprio) ed evidentemente le nostre espressioni parlano per noi. Per prima cosa ci fa telefonare all’host del nostro Airbnb, poi consultandosi con la sorella ci indica il modo migliore per arrivarci, offrendoci anche di farci venire a prendere ed ospitare dalla sorella stessa nel caso il nostro alloggio non fosse stato più disponibile. Una volta sbarcati a Dublino, Hettie ci accompagna passo passo, dal controllo passaporti al nastro del ritiro bagagli, per poi depositarci davanti al posteggio dei taxi. Grazie dolcissima Hettie, sei stata per noi preziosissima!

Dopo un viaggio di una ventina di minuti siamo a Rathmines, periferia sud di Dublino. Sono le 1.30, noi siamo distrutti e crolliamo sul letto a una piazza e mezzo. Che ansia, però!

DAY 2: DUBLIN, AT LAST

Poche ore di sonno e alle 7 siamo già svegli. Beviamo subito un caffè solubile fornito dalla casa, poi usciamo a far colazione al Modà, un bar carino a pochi metri dall’airbnb, segnalatoci dal nostro host. Una bella colazione ce la meritiamo proprio! Francesco sceglie salmone e uova strapazzate, io scones e marmellata. Il cameriere del locale è un ragazzo italiano con cui facciamo 2 chiacchiere poi ci dirigiamo al supermercato Aldi per un po’ di spesa, giusto il necessario per la colazione a casa e qualche eventuale cena. Portiamo tutto nel nostro mini appartamento, poi via, alla scoperta di Dublino. Proprio di fronte a casa nostra c’è la Public library, così come a New York, che coincidenza, si vede che devo ricordarmi del lavoro anche in vacanza… Entriamo a dare un’occhiata, è davvero carina e ben organizzata ma non possiamo passare la mattinata qui, così ci incamminiamo lungo la vivace Rathmines road, direzione centro. Dopo circa 1 km e l’attraversamento del Grand Canal, cominciano a vedersi, ai lati dei marciapiedi, le indicazioni turistiche della città, noi proseguiamo e ci troviamo all’entrata della George’s street arcade, mercato coperto in mattoni rossi in stile vittoriano, esternamente bellissimo, tutto abbaini, finestre a bifora e torrette, dentro un po’ meno, le tante bancarelle e negozietti di paccottiglia sono abbastanza anonimi e li by-passiamo tranquillamente. Proseguiamo fino al Powerscourt centre, bellissima townhouse georgiana appartenuta ai Visconti Powerscourt, splendidamente trasformata in un centro commerciale con negozi di lusso. Bellissima la parte centrale con ristoranti e caffetterie. Ormai siamo in pieno centro, eccoci a Grafton street, la via dello shopping, già piena di turisti e di tantissimi teenagers, soprattutto italiani, in gita con le scuole di lingue. Scusate se non provo entusiasmo per questa via, ma mi sembra uguale a tante vie pedonali di tante altre città europee, nulla di più. Percorriamo Suffolk street ed arriviamo alla statua di Molly Malone, posizionata davanti alla St. Andrew church e non più in Grafton street dove l’avevo vista nel 2000.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Cliffs of Moher
    Diari di viaggio
    dieci giorni in giro per l'irlanda

    Dieci giorni in giro per l’Irlanda

    Viaggio dopo viaggio ci dicevamo che prima o poi sarebbe venuto il momento dell’Irlanda, da unire emotivamente alla Scozia come...

    Diari di viaggio
    irlanda on the road con bambini

    Irlanda on the road con bambini

    Da milano orio al serio a Dublino Kenmare: 2 notti Cosy Home (airbnb) Ennis: 4 notti Rowan Tree Hostel Londonderry: 2 notti 202 Clipper...

    Diari di viaggio
    giro dell’irlanda in 10 giorni

    Giro dell’Irlanda in 10 giorni

    quanto fa risparmiare un sacco di soldi e tanto tempo. Oltre a quasi tutte le principali attrazioni comprende un viaggio sull’airlink da...

    Diari di viaggio
    irlanda, ma che ansia!

    Irlanda, ma che ansia!

    ORGANIZZAZIONE: voli prenotati 3 mesi prima sul sito Ryanair, soggiorno di 6 notti a Dublino prenotato su AIRBNB, di 3 notti a Galway...

    Diari di viaggio
    organizzare un viaggio in irlanda. consigli pratici dalla a alla z

    Organizzare un viaggio in Irlanda. Consigli pratici dalla A alla Z

    anche qui... passo!Y - Yeats Cast a cold eye. On life, on death. Horseman, pass by! E' l'epitaffio posto sulla tomba di William...

    Diari di viaggio
    irlanda, alla ricerca di un po' di fresco

    Irlanda, alla ricerca di un po’ di fresco

    Irlanda Breve 2017: alla ricerca di un po’ di fresco tra la verde Irlanda Non a caso in questa estate torrida, tra incedi e siccità...

    Diari di viaggio
    magica irlanda 2

    Magica Irlanda 2

    Arrivati venerdì 21 agosto all'aeroporto di Dublino dopo circa 3 ore da Napoli. Prelevata l'auto dalla Dandooley e arrivati a Dublino...

    Diari di viaggio
    irlanda fly & drive 2

    Irlanda fly & drive 2

    Irlanda: perchè no? L’idea di fare un breve viaggio con mio marito prima di affrontare le ben più impegnative vacanze estive con tutta...

    Diari di viaggio
    cieli d'irlanda

    Cieli d’Irlanda

    E’ la prima volta che mi capita: sorvolandola in aereo, la sensazione è stata di immensa meraviglia: una distesa enorme di verde si...

    Diari di viaggio
    primavera in irlanda

    Primavera in Irlanda

    Avevamo sempre voluto visitare l’Irlanda, ma non con in viaggi organizzati, e non limitandoci solo a vedere Dublino. Eravamo interessati...