Benelux nel cuore

1°giorno Il nostro viaggio comincia in una giornata calda e soleggiata come nei giorni successivi ce la saremmo sognata. Dalla grigia Milano varchiamo il confine e siamo subito immersi nella verdissima natura svizzera; bellissime le montagne, punteggiate da paesini e chiesette, bellissimi i tre laghi che si costeggiano, di Lucerna, di Lugano e...
 
Viaggiatori: in coppia
Spesa: 1000 €

1°giorno Il nostro viaggio comincia in una giornata calda e soleggiata come nei giorni successivi ce la saremmo sognata. Dalla grigia Milano varchiamo il confine e siamo subito immersi nella verdissima natura svizzera; bellissime le montagne, punteggiate da paesini e chiesette, bellissimi i tre laghi che si costeggiano, di Lucerna, di Lugano e di Bellinzona, emozionante percorrere il traforo del S. Gottardo, più di 15 min. Nel cuore della montagna. Ottimi i confetti al cioccolato acquistati in autogrill. Poi, la più monotona Alsazia, più pianeggiante, un piacevole percorso tra vigneti (pochi, in verità, almeno lungo la strada) e campi coltivati. Infine, l’arrivo a Strasburgo. La serata si conclude con una bella passeggiata in centro, tra canali, ponticelli, case a graticcio dai balconi fioriti, stradine acciottolate. Imperdibile lo spettacolo di suoni e luci della cattedrale, una meraviglia.

2°giorno La Francia è tutta bella, e Strasburgo non fa eccezione. La luce del giorno le toglie un po’ di fascino, ma la fa apparire più verde e più tranquilla; il centro storico, praticamente pedonale, è pieno di angoli romantici, di fiori, di localini e negozietti carini. Sempre splendida la cattedrale,dedicata alla Madonna (Notre Dame) costruita con una sola torre per motivi strutturali, che ospita al suo interno uno spettacolare orologio che ogni ora, e soprattutto a mezzogiorno, si anima con i movimenti di numerosi personaggi; sosta d’obbligo anche davanti alla (modernissima) sede del parlamento europeo. Nel pomeriggio, partiamo per il Lussemburgo: la visita si rivela abbastanza deludente, non perché sia particolarmente brutto, ma perché non c’è praticamente nulla, e il tempo che vi abbiamo trascorso, circa un’ora, è stato più che sufficiente; la cosa più bella è sicuramente la veduta all’ingresso della città. Infine, in serata siamo a Bruxelles; vorremmo uscire, ma la pioggia ci fa desistere: rinviamo alla sera dopo.

3° giorno Oggi visita a Bruges e Gand. La cittadina di Bruges sembra uscita da un’ altra epoca, perché mancano del tutto gli edifici moderni; di veri monumenti non ce ne sono, a parte la cattedrale, che ospita una scultura di Michelangelo e un dipinto di Caravaggio, e la bellissima piazza principale; tutto il resto è un susseguirsi di di angolini ameni, come il complesso delle beghine, o quelle che ancora oggi sono case destinate ai meno abbienti (piccole ma deliziose casette, affacciate su cortiletti fioriti). Da non perdere un giro in battello, solo mezz’ora ma né vale veramente la pena; ed una visita ad un laboratorio di merletti, anche se i prezzi sono veramente alti. A pranzo assaggiamo il waffel, una specie di cialda morbida con sopra gelato e/o panna. Nel pomeriggio, invece, siamo a Gand: bellissima la veduta dal ponte di S. Michele, dalla quale si vede il canale che una volta conduceva al porto e che ora si interrompe di fronte a una schiera di splendidi edifici; molto belle anche la Grand Place e la Cattedrale di S. Bavone, che ospita una pala d’altare dei fratelli Van Eyek, l’ “Adorazione dell’agnello mistico”. In serata, di nuovo a Bruxelles, usciamo per una birra in centro: “trappiste” e “stella artois” accompagnate da stuzzichini e da un panorama mozzafiato, la Grand Place illuminata, il tutto per la modica cifra di 12 euro…Vabbè, siamo in vacanza!! 4° giorno La scoperta della città di Bruxelles si rivela un po’ deludente: un lungo giro in pullman con un paio di soste fotografiche: all’arco costruito per il cinquantenario dell’indipendenza belga, allo stadio Heysel, all’atomium, nella “piccola Manhattan” (il quartiere che ospita gli edifici della commissione europea),alla G. P., davanti alla statua bronzea che raffigura la salma del primo sindaco di Bruxelles (che va accarezzata perché porta fortuna), e naturalmente davanti al Manneken Pis, l’omino simbolo della città, quel giorno vestito in costume tipico ucraino, per omaggiare una qualche delegazione che si trovava in visita in città. Sfruttiamo la pausa pranzo per andare a fare acquisti: qualche figura di merletto da incorniciare (euro 6 l’uno, ma sono le imitazioni), un bell’arazzo da appendere alla parete con paesaggio bucolico (euro 102, originale fatto a mano con certificato di garanzia), e la squisita cioccolata belga (22’60 euro per due tavolette e circa 150g. Di praline artigianali). Né approfittiamo anche per andare a mangiare in una stradina piena di ristorantini che servono piatti a base di cozze e frutti di mare (euro 22 per due porzioni abbondanti di paella più birra). Un ultimo giro nella Grand Place e poi via verso Anversa. La campagna belga è molto verde, però piuttosto monotona, e il tempo sempre grigio non né migliora l’aspetto); notiamo anche una stranezza: tutte le strade sono fiancheggiate dai lampioni per l’illuminazione; domandiamo all’accompagnatore, e abbiamo la conferma che, di notte, le strade belghe sono tutte illuminate. Anversa non dista molto: 50 km, circa un’ora di strada; la capitale mondiale dei diamanti si rivela una città piuttosto moderna, con un centro poco esteso nel quale spiccano la cattedrale, che ospita ben quattro opere di Rubens, e, manco a dirlo, la Grand Place; alla fine della visita, ci fermiamo, su indicazione della guida, in un curioso bar pieno zeppo di statuette e immagini religiose e vicinissimo alla Cattedrale, dove gustiamo la “krik”, una buonissima birra alla ciliegia, non troppo dolce. Noto anche, con dispiacere, che i cioccolatini, pagati più di venti euro a Bruxelles, qui né costavano solo diciassette!! Infine, andiamo in hotel; l’albergo non è niente di che, e per di più è a 10 km dal centro e non servito dai mezzi pubblici: conclusione, a nanna presto.

5° giorno Finalmente in Olanda. Il paesaggio è lo stesso, ad eccezione dell’alto numero di mucche al pascolo, che qui è sono molte più che in Belgio. La prima tappa è Delft, una piccola e tranquilla cittadina, con una bella piazza dove si fronteggiano la cattedrale (brutto l’interno, niente di che) e il municipio, e attraversata da canali. Naturalmente, visitiamo una manifattura della porcellana (visita cortissima) e ci dedichiamo agli acquisti: le porcellane di Delft sono realizzate in due varianti di colore, una azzurra, quella classica, ed una colorata, a prevalenza arancione; i prezzi non sono bassi, però vengono realizzati anche piccoli oggetti, come portacandele, ciotoline, zoccoletti, sicchè è comunque possibile portare a casa qualcosa. Noi prendiamo un piattino con raffigurato, a colori, un pavone, ed un piattino piccolo e uno zoccoletto con la decorazino bianca e blu (totale, circa 90 euro). A pranzo, assaggiamo un piatto tipico olandese, l’aringa servita cruda con un po’ di cipollina: non è poi così cattiva, pero’ un po’ di pane è necessario. Nel pomeriggio siamo all’Aja, ma francamente non passarci sarebbe stato meglio: non c’è assolutamente nulla che valga la pena di vedere; c’è un interessante museo di arte fiamminga, che ospita anche il quadro “la ragazza con l’orecchino di perla”, ma noi non abbiamo avuto tempo di visitarlo. Dopo una sosta davanti al Parlamento europeo (o almeno credo che fosse quello), e dopo aver costeggiato la spiaggia piu’ famosa d’Olanda, Scheveningen, si arriva finalmente ad Amsterdam. In serata, abbiamp un primo approccio con la citta’; costeggiamo il Palazzo Reale, percorriamo una lunga strada (non ricordo il nome) che è il punto di ritrovo dei giovani per i molti locali che vi sono, ci fermiamo davanti al “bulldog”, il piu’ conosciuto coffee shop di Amsterdam, e naturalmente attraversiamo il quartiere a luci rosse: sinceramente, pensavo che avrei trovato un quartiere piu’ malfamato, invece non è nulla di piu’ che una parata di belle ragazze (veramente molto belle) che sorridono ammiccanti, o ti guardano annoiate, o nemmeno ti guardano e si fanno i fatti loro; la cosa più sconcia sono gli improponibili costumino fluorescenti che molte di loro indossano. Ci sono moltissimi turisti e pochi olandesi, che invece preferiscono dedicarsi ad “altro”… (o almeno cosi’ sembra, visti i numerosi ragazzi visibilmente su di giri che abbiamo incrociato). Inoltre, mi sento di poter dire che non è un quartiere troppo pericoloso, perche’ è pieno di gente e ben illuminato (ma è sempre meglio stare un po’ all’erta).



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Amsterdam
    Diari di viaggio
    fioritura dei tulipani in olanda

    Fioritura dei tulipani in Olanda

    L'Olanda è una di quelle tappe da percorrere almeno una volta nella vita se siete amanti dei fiori e dei colori. Il periodo perfetto per...

    Diari di viaggio
    sei giorni ad amsterdam in agosto

    Sei giorni ad Amsterdam in agosto

    GIORNO 1: 10 agosto 2021 Siamo partiti da Bologna con il volo KLM delle 6 di mattina, a bordo ci hanno dato un panino non molto buono...

    Diari di viaggio
    assaggio di primavera in olanda

    Assaggio di primavera in Olanda

    È da un po' che vogliamo andare a vedere la fioritura dei tulipani... e cosi partiamo per l'Olanda, sei giorni ad Amsterdam e tre a...

    Diari di viaggio
    amsterdam e i suoi canali

    Amsterdam e i suoi canali

    Colazione da Vince prima della partenza - 8/6/19 Sabato Ormai è diventata un classico, la colazione da Vince prima della partenza. Ore 10...

    Diari di viaggio
    breve fuga di due amiche in olanda

    Breve fuga di due amiche in Olanda

    Ciao a tutti! Mi piace pensare che questo diario possa essere utile magari a due amiche come me e Mariella, che decideranno di trascorrere...

    Diari di viaggio
    anversa ed amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anversa ed Amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anche quest'anno, come ormai da tradizione, ci tocca scegliere una grande città europea per la gita di primavera/estate. E finalmente,...

    Diari di viaggio
    spring break olandese

    Spring break olandese

    che meritano di essere visti se si ha un po’ di tempo da dedicargli. E ora si aspetta giugno per il nostro viaggione!

    Diari di viaggio
    amsterdam e keukenhof nel periodo più bello dell'olanda

    Amsterdam e Keukenhof nel periodo più bello dell’Olanda

    della storia del tulipano nero e di personaggi famosi che hanno dato il loro nome a nuove varietà, quando questi fiori valevano oro il...

    Diari di viaggio
    amsterdam: amore a prima vista

    Amsterdam: amore a prima vista

    rispettosi dell’ambiente.Abbiamo dedicato il terzo giorno al quartiere De Pijp, e al suo colorato mercato Albert Cuypmarkt, luogo...

    Diari di viaggio
    amsterdam e la festa del re 2

    Amsterdam e la festa del Re 2

    Ad Amsterdam tra il Giorno del Re, i mulini di Zaanse Schans, il parco Keukenhof e... patatine fritte.Circa un anno fa ho...