Anversa ed Amsterdam: due città diversamente fantastiche

Tulipani, zoccoli, biciclette, mulini a vento: la magia di Amsterdam dal vivo. E se poi, en passant, si scopre la bellezza di Anversa.... la magia è completa!
 
Partenza il: 20/06/2019
Ritorno il: 24/06/2019
Viaggiatori: 4
Spesa: 1000 €

Anche quest’anno, come ormai da tradizione, ci tocca scegliere una grande città europea per la gita di primavera/estate. E finalmente, dopo tanti rinvii, abbiamo optato per una delle mete che desideravamo visitare da tempo: Amsterdam! Non trovando un buon volo per l’andata da Bari, scegliamo di prendere un Ryanair verso Bruxelles mentre per il ritorno ci avvaliamo del diretto Transavia da Amsterdam.

20/6 Anversa

Si parte il 20/6, ma avendo già visitato in passato Bruxelles decidiamo di inframezzare il tragitto con una tappa ad Anversa. La scelta, quasi casuale, più che altro per la posizione intermedia fra Bruxelles e Amsterdam, si rivela vincente: Anversa appare come una bellissima realtà a misura d’uomo. Per raggiungerla, dall’aeroporto Bruxelles-Charleroi, prendiamo i mezzi della SNCB (Società Nazionale delle Ferrovie del Belgio): autobus fino a Charleroi Sud e treno fino ad Anversa con biglietti acquistati online sul loro sito ufficiale.

E appena arrivati ad Anversa, la prima bella sorpresa: ci ritroviamo in una stazione centrale maestosa ed affascinante. Dopo aver lasciato i bagagli nel Gold Apartment (7 minuti a piedi dalla stazione, consigliatissimo) cominciamo la nostra escursione.

Anversa si visita tranquillamente a piedi. In pochi minuti ci ritroviamo ad attraversare il quartiere dei diamanti e poi di seguito il Meir, la via dello shopping che collega la stazione centrale con il centro storico lungo la quale oltre al lato commerciale fanno capolino edifici storici (come lo Stadsfeestzaal e la casa del pittore Rubens) e piazze caratteristiche (come la Groenplats, anch’essa con una statua omaggio al famoso pittore fiammingo).

Ma la parte più carina è proprio quella del centro storico. Di fronte alla Cattedrale campeggia l’originale scultura di Nello e Patrasche che rappresenta un ragazzo e il suo cane avvolti dalla pavimentazione della piazza, come se fosse una coperta. La statua celebra il legame fra gli uomini e i loro amici a 4 zampe. Poi c’è la Grote Markt, la piazza principale con il municipio e con il monumento di Brabo. Si tratta di una fontana sormontata da una statua che ritrae il soldato romano Brabo che getta nel fiume la mano del gigante: evento leggendario da cui deriverebbe il nome della città Antwerpen (Anversa), – hand (mano) e werpen (gettare) -.

Il centro si estende fino alle rive del fiume Schelda, in prossimità del quale si trova l’Het Steen, un castello medievale, ahimè in ristrutturazione.

21/6 Anversa-Amsterdam

Il mattino successivo lo dedichiamo al verde del parco Stadspark, all’orto botanico e poi, risalendo verso il centro, dopo una capatina alla chiesa di San Giacomo, ci dirigiamo verso la zona dello Zoo, famoso soprattutto per i suoi fenicotteri rosa. L’accesso allo zoo avviene dalla piazza Koningin Astridplein di fronte alla stazione centrale, piazza caratterizzata anche dalla presenza di una mega ruota panoramica e crocevia per accedere facilmente a Chinatown e alla Chocolate Nation (museo del cioccolato).

Ma è ora di ripartire: c’è un Flixbus pronto a portarci ad Amsterdam. Con un ingiustificato ritardo di 45 minuti scendiamo a Amsterdam Bijlmer Arena, a 5 minuti a piedi dal nostro hotel (l’A&O). Non è centrale ma vicinissimo alla metro e alla stazione ferroviaria: un ottimo compromesso considerando che i prezzi degli hotel ad Amsterdam sono tipicamente molto alti, per nulla paragonabili a quelli di altre capitali europee. Il tempo di lasciare i bagagli e via in metro per il centro dove prendiamo confidenza con la città con un giro in battello lungo i canali (si parte dal Lovers Canal Cruises, in prossimità della stazione centrale).

22/6 Amsterdam Centro

La giornata odierna, è dedicata alla visita del centro storico: arriviamo in metro alla stazione centrale, e di lì ci tuffiamo nell’atmosfera sui generis di questa città. La prima cosa che salta all’occhio è l’uso, quasi indiscriminato delle biciclette: ci sono parcheggi con centinaia di bici, che solo al pensiero di chi debba trovarne la propria, rabbrividisco :-). Bici di ogni tipo, incluse quelle che permettono alle mamme di portare a bordo i propri figli. Il centro nevralgico è piazza Dam su cui si affacciano il Museo delle cere Madame Tussauds, il Palazzo Reale, la Chiesa Nuova e di lì in pochi minuti si arriva ad uno degli appuntamenti imperdibili di Amsterdam: la casa di Anne Frank. Vedere dal vivo il rifugio in cui Anne e la sua famiglia erano costretti a nascondersi per sfuggire alla persecuzione nazista e sentir narrare la storia fino alla loro triste morte, ti lascia con una sensazione di sgomento e di amaro in bocca…. Qualcosa di veramente toccante recepito anche dalle nostre bimbe che quest’anno a scuola hanno trattato il tema della shoah. Attenzione: i biglietti per la casa di Anne Frank sono acquistabili solo online e vengono resi disponibili due mesi prima di ogni data e solitamente vanno a ruba in un batter d’occhio.

In zona abbiamo approfittato per vedere il museo dei tulipani (poco interessante) e il museo del formaggio (da provare soprattutto perché ti permette di assaggiare gratuitamente diverse tipologie di formaggio). Tornando indietro e rioltrepassando piazza Dam ci imbattiamo nel Red Light District, con le signorine in abiti discinti che adescano clienti. Fortunatamente è pieno pomeriggio e c’è poca domanda e poca offerta, pertanto la situazione passa quasi sotto traccia. Alle spalle della suddetta via si estende il quartiere Chinatown che anche ad Amsterdam non può mancare. Tappa successiva, con un battello gratuito che parte continuamente alle spalle della stazione centrale, è la zona dell’A’Dam Tower dove spicca una sensazionale altalena che dondola nel vuoto. Pur non salendo sulla torre, la zona merita una visita perché è un centro di aggregazione ed anche per scattare qualche foto con la celebra maxi-scritta “I amsterdam”.

Di ritorno, prima di tornare in albergo, approfittiamo della vicinanza dello stadio Amsterdam Arena, intitolato alla leggenda del calcio olandese Johan Cruijff, per scattare, anche qui, qualche foto ricordo.

23/6 Zaanse Schans-Amsterdam ad est dei canali

La gita di oggi è un’altra di quelle tappe obbligate: la visita alla cittadina di Zaanse Schans, celebre per i suoi mulini a vento. Ci arriviamo in treno da Amsterdam Bijlmer Arena (ma ci si arriva anche da Amsterdam Centrale) e dopo una passeggiata di 10 minuti sembra di essere in una fiaba olandese: casette tipiche, animali che pascolano liberamente nel verde, mulini (tra l’altro visitabili al costo di 2,50 euro l’uno), fiori e zoccoli olandesi ovunque. Fra le varie attrazioni meritano una visita il museo dello zoccolo olandese e quello del formaggio, anche qui con degustazioni di varie tipologie (ne ho provato persino uno alla lavanda!). Che dire: un’atmosfera magica.

Guarda la gallery
cultura-vv35f

I amsterdam



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Amsterdam
    Diari di viaggio
    fioritura dei tulipani in olanda

    Fioritura dei tulipani in Olanda

    L'Olanda è una di quelle tappe da percorrere almeno una volta nella vita se siete amanti dei fiori e dei colori. Il periodo perfetto per...

    Diari di viaggio
    sei giorni ad amsterdam in agosto

    Sei giorni ad Amsterdam in agosto

    GIORNO 1: 10 agosto 2021 Siamo partiti da Bologna con il volo KLM delle 6 di mattina, a bordo ci hanno dato un panino non molto buono...

    Diari di viaggio
    assaggio di primavera in olanda

    Assaggio di primavera in Olanda

    È da un po' che vogliamo andare a vedere la fioritura dei tulipani... e cosi partiamo per l'Olanda, sei giorni ad Amsterdam e tre a...

    Diari di viaggio
    amsterdam e i suoi canali

    Amsterdam e i suoi canali

    Colazione da Vince prima della partenza - 8/6/19 Sabato Ormai è diventata un classico, la colazione da Vince prima della partenza. Ore 10...

    Diari di viaggio
    breve fuga di due amiche in olanda

    Breve fuga di due amiche in Olanda

    Ciao a tutti! Mi piace pensare che questo diario possa essere utile magari a due amiche come me e Mariella, che decideranno di trascorrere...

    Diari di viaggio
    anversa ed amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anversa ed Amsterdam: due città diversamente fantastiche

    Anche quest'anno, come ormai da tradizione, ci tocca scegliere una grande città europea per la gita di primavera/estate. E finalmente,...

    Diari di viaggio
    spring break olandese

    Spring break olandese

    che meritano di essere visti se si ha un po’ di tempo da dedicargli. E ora si aspetta giugno per il nostro viaggione!

    Diari di viaggio
    amsterdam e keukenhof nel periodo più bello dell'olanda

    Amsterdam e Keukenhof nel periodo più bello dell’Olanda

    della storia del tulipano nero e di personaggi famosi che hanno dato il loro nome a nuove varietà, quando questi fiori valevano oro il...

    Diari di viaggio
    amsterdam: amore a prima vista

    Amsterdam: amore a prima vista

    rispettosi dell’ambiente.Abbiamo dedicato il terzo giorno al quartiere De Pijp, e al suo colorato mercato Albert Cuypmarkt, luogo...

    Diari di viaggio
    amsterdam e la festa del re 2

    Amsterdam e la festa del Re 2

    Ad Amsterdam tra il Giorno del Re, i mulini di Zaanse Schans, il parco Keukenhof e... patatine fritte.Circa un anno fa ho...

    Video Itinerari