WEEKEND TRA SIENA, BORGHI, CIBO E BUON VINO

La Toscana rimane nel cuore, il nostro è stato solo un assaggio, ma torneremo per continuare il percorso sensitivo e gustativo!

Diario letto 626 volte

  • di eliguer
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

SABATO 26 SETTEMBRE 2020

Finalmente dopo circa 3 anni rivedo la mia cara e splendida amica marchigiana in una cornice davvero unica: Siena e le colline senesi.

Bellissima città circondata da alte mura riabbraccio con gioia la mia amica e ci buttiamo tra la folla incamminandoci verso PIAZZA DEL CAMPO, questa gigantesca piazza ovale famosa per il palio. Circondata da palazzi d’epoca e locali eccoci apparire ai nostri occhi il PALAZZO PUBBLICO (ossia il Palazzo del Comune è il più antico edificio pubblico in Italia ad avere mantenuto la stessa funzione) dal cui portale a destra si accede al cortile dove si può accedere alla Torre del Mangia e ai vari musei. Una curiosità: da questo cortile si ha una splendida visione francobollo del cielo terso circondato dalle merlature del palazzo e la torre che spicca (la classica cartolina che si trova in internet).

La TORRE DEL MANGIA è alta 102 mt celebre simbolo di Siena soprannominata così dall’esoso campanaro detto il Mangiaguadagni. Salendo i 350 gradini ti si apre un panorama stupendo tra le bellezze della città e le crete senesi sullo sfondo.

Ci dirigiamo poi verso il DUOMO altro simbolo della città ma c’è davvero tanta coda e non avevamo prenotato quindi ripieghiamo, ma non per questo meno bello anzi, su un edificio vicino al Duomo, l’SPEDALE DI S.MARIA DELLA SCALA, istituzione assistenziale fondata tra il IX e il X secolo dai canonici del Duomo per accogliere pellegrini, malati, poveri e bambini abbandonati vanta una storia di assistenza millenaria visto che è rimasto in funzione come Policlinico universitario fino agli anni ’80.

Ora museo tuttora in restauro ha affreschi davvero stupendi: l’enorme stanza dove c’erano i letti dei malati ha questa volta stellata blu che sembra fatta ieri e che probabilmente rallegrava anche la povera gente ricoverata lì.

Decidiamo di uscire dalle mura della città e ci inoltriamo verso le famose CRETE SENESI, prossima meta l’ABBAZIA DI SAN GALGANO. Questa fantastica antica cattedrale gotica senza tetto ma ancora intatta isolata a oltre 300 mt di altitudine sulla piana dell’Alta Val di Merse spicca sulla terra rossa e nuda delle crete senesi e gioca con i suoi contrasti del blu del cielo, del bianco dellle pareti e del verde del pavimento. La natura che si riprende il suo terreno …. È bellissima la sera quando è illuminata e crea un atmosfera sospesa tra il romantico e il mistero …

Sulla collinetta lì in parte di Montesiepi si trova l’eremo del nobile Guidotti con la famosa spada nella roccia. Insomma una panorama da fiaba!!!

Ormai si è fatto buio e quindi andiamo al nostro hotel CERTOSA DI MAGGIANO, un hotel da mille e una notte ricavato dall’antica Certosa proprio sulla via Francigena alle porte della città a cinque minuti fuori dalle mura. La locatione è davvero da fiaba: tutto è rimasto come allora ben tenuto e conservato … le stanze sono nelle vecchie celle dei monaci e la nostra deluxe era fantastica: composta da due stanze collegate da un minicorridoio solo nostro trasformato in cabina armadio, era arredata con mobili antichi e la stanza da bagno era gigante con una vasca da bagno tutta in marmo!

C’erano parecchi salottini relax arredati con pezzi antichi, sala da gioco con biliardo, dama e vari giochi, piano bar il tutto circondati da libri antichi!

Gli spazi esterni molto molto grandi come solo una antica Certosa può esserlo: la chiesa visitabile e i suoi porticati ora ospitano la piscina … un uliveto con giardini immensi con tavolini e poltroncine relax sparse qua e là …

Vista l’ora tarda abbiamo cenato nel ristorante dell’hotel, un ristorante da gourmet dal cibo alla presentazione ai prezzi!

Dopo cena e dopo esserci goduti la nostra vasca gigante ci godiamo per un buon meritato riposo!

DOMENICA 27 SETTEMBRE 2020

Oggi purtroppo il tempo non ci ha assistito: ci siamo alzati e pioveva per cui dopo aver fatto una colazione pantagruelica ( qui merita un appunto … ) abbiamo tentato di andare alle terme ma erano tutte piene per cui abbiamo deciso di sfidare la pioggia e girovagare per i bellissimi borghi vicini

  • 626 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social