Vietnam - Altopiani Centrali

Viaggio "Fai-da-te" da Hue ad Hoi An a Saigon passando per gli Altopiani Centrali e conclusione sul Delta del Mekong

  • di Lazzari
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Dopo l'esperienza del 2006 che ci ha visto visitare il nord Vietnam, stavolta decidiamo io e mia moglie Patrizia, di completare la nostra conoscenza di questo meraviglioso Paese affrontando un viaggio che dal centro (Hue-Hoi An), attraverso gli altopiani centrali (Kon Tum-Dalat) ci ha portato a Saigon e al delta del Mekong.Come allora, anche stavolta il nostro viaggio è completamente organizzato da noi due tramite internet con prenotazioni di almeno 3-4 mesi prima. Si comincia dal volo principale: Milano-Bangkok con scalo a Dubai e ritorno, con Emirates a euro 660 a testa; con Expedia prenotiamo anche l'assicurazione per un mese (euro 26 a testa). Poi si passa al volo Bangkok-Saigon (euro 100 a/r a testa con Asia Air) ed al susseguente volo Saigon-Hue (euro 22 a testa solo andata con Jetstar) prenotati anche diversi alberghi con Booking ed escursioni (altopiani centrali con Vietnam Drive e Delta del Mekong con Linh Agency).

Infine il visto con My Vietnam: (http://www.myvietnamvisa.com/) lettera di invito ottenuta in 48 ore al prezzo di 15 euro a testa: in dogana a Saigon si pagheranno i restanti 25 USD a testa.

Lunedì 17 gennaio: alle ore 8.00 si parte dall'aeroporto di Bangkok per Saigon, si arriva dopo un volo tranquillo e comodo alle 9.30. Sarà che il 17 non porta grande fortuna, fatto sta che d'ora in poi la giornata si fa grigia. Arrivati all'aeroporto internazionale, per proseguire con il volo per Hue previsto per le ore 15, dobbiamo prima passare con la nostra lettera di invito a fare i visti all'ufficio passaporti : purtroppo la fila è lunga e per farla breve, ci mettiamo 45 minuti per espletare il tutto. Usciti ci informano che, per prendere il nostro volo dobbiamo recarci al vecchio aeroporto destinato ai soli voli interni: per fortuna è a pochi minuti a piedi. Questo aeroporto, ormai in decadenza, ha pochi servizi ed i tabelloni dei voli sono fuori uso . Qui passeremo il resto della nostra giornata senza informazioni poiché il volo per Hue delle 15 è stato spostato alle 19.30. Finalmente, stanchi e scocciati, si parte con il volo Jet Star (compagnia tutt'altro che affidabile), dopo un'ora circa si arriva a Hue. Prendiamo un taxi che per 7 euro ci porta dopo 10 km al Binh Duong, alberghetto in pieno centro con camera grande e con 2 letti enormi.

Martedì 18 gennaio: finalmente inizia il nostro tour in Vietnam. Purtroppo, visto il periodo la giornata è piovosa; presi 2 impermeabili (0,40 euro a testa) ci incamminiamo verso la Cittadella; oltrepassato il Fiume dei Profumi, lungo la via, incontriamo il mercato di Dong Ba, il più grande e vario di Hue, dove le bancarelle di frutta tropicale la fanno da padrone (qui finalmente iniziamo a vedere il vero volto del Vietnam). Si cammina ancora sotto la pioggia ed in mezzo ad una moltitudine di motorini arrivando poi alle mura cupe della cittadella imperiale. Non sto a raccontare i vari monumenti della cittadella (ved. Guida Lonely planet) ma li elencherò solamente. Partiamo dalla porta Quang Duc dopo aver attraversato un vecchio ponte e ci troviamo nel piazzale della torre della bandiera. Pagati 4 euro a testa entriamo nel recinto imperiale ed iniziamo la visita alla città purpurea proibita: il palazzo Thai Hoa con la sala dei mandarini, il teatro reale, la sala di Lettura Imperiale, il tempio di To Mieu e varie altre residenze

  • 9879 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social