Tre amiche in Vietnam, zaino in spalla

Consigli per organizzare un viaggio fai da te
 
Viaggiatori: 3

Che viaggio è stato: amiche, zaino in spalla, fai da te in autonomia

Mezzi di trasporto:

1) voli: Qatar da Milano a/r, volo interno con Vietnam airlines (se lo volete comprare all’ultimo non guardate skyscanner, ma andate nelle agenzie di viaggi dove spenderete molto meno)

2) sleeping bus per muoversi nel paese (non comprate i biglietti dove dormite, cercate negozi e agenzie dove spenderete meno) (sì, è vero che gli autisti guidano spesso come matti e i lettini sono stretti, ma resta un ottimo modo per muoversi)

3) motorini per esplorare i posti (andate piano e con mille occhi, i vietnamiti sono pazzi alla guida)

4) grab per muoversi in città senza farsi fregare dai taxisti

Dormire: da ostelli a alberghetti, spesa dai 3 ai 7 euro a notte

Itinerario: hanoi, bac ha, sapa, isola di cat ba, Tam Coc, phong nha ke bang, hoi an, hanoi

Ricordati: chiedi sempre il prezzo prima o ti lasceranno in mutande (questo non vale se sei ricco, perché per quanto ti triplichino il prezzo di tutto perché sei europeo, si tratta sempre di pochi soldi)

Racconto:

Il nostro viaggio dura 17 giorni, 2 di viaggio e 15 effettivi nel paese così da non dover fare il visto. voliamo con qatar, balliamo tanto (a mio avviso, che odio volare) sia all’andata sia al ritorno e per 3 voli su 4 non abbiamo nemmeno il caricabatterie alla poltrona! nota positiva è che gli scali a Doha durano poco entrambe le volte. l’intrattenimento a bordo è buono e le hostess cortesi anche con me che vivo nell’ansia di precipitare da un momento all’altro. Appena arrivate ad Hanoi ci spostiamo con uno dei tanti bus che partono dall’aeroporto verso la città. Qui dobbiamo raggiungere la stazione dei Bus My Dinh, dove alle 19 avremo il bus che ci porterà l’indomani a Bac ha. Per trovare questo bus sono diventata matta! online ho trovato, dopo molte ricerche, un link ad una compagnia di autobus la hasonhaivan, che va da Hanoi a Bac Ha diretta, ho provato a prenotare compilando il form ( e traducendo la pagina in inglese) ma al momento di pagare accettava solo bancomat vietnamiti ed io, casualmente, non ne possedevo. il dio dei viaggiatori indipendenti però ha premiato i miei tentativi e l’indomani ho trovato una mail dalla predetta compagnia che mi confermava la prenotazione e ho poi pagato direttamente in stazione. se voleste usarlo anche voi e questa strana coincidenza non avvenisse vi consiglio di scrivere direttamente su facebook alla pagina della compagnia che risponde velocemente… questo l’ho scoperto dopo!

Così prendiamo il primo sleeping bus del viaggio, su questo siamo solo 5 turisti e gli altri tutti locali. arrivati a Bac Ha in piena notte, scendiamo alla fermata sulla piazza, quasi sicuramente non era il capolinea, che era qualche centinaio di metri dopo, credo, ma nessuno parlava inglese perciò non lo scopriremo mai. rubiamo l’ultimo filo di wifi al bus per caricare il tragitto e poi ci buttiamo nel buio totale a cercare l’ostello in cui avremmo dovuto dormire. la strada è così buia che al primo tentativo non vediamo la svolta, abbiamo i frontalini in testa e mentre camminiamo i cani abbaiano da ogni casa, spaventandoci non poco, per fortuna sono chiusi. al secondo tentativo troviamo il posto e la prima avventura del viaggio si conclude bene per fortuna! l’indomani siamo svegliati dai rumori del mercato, facciamo colazione in albergo (bac ha boutique.. ottima scelta!) e iniziamo la vista al mercato domenicale. è stata una delle esperienze più belle del viaggio, partiamo col botto 🙂 saremo stati 15 turisti in mezzo alle migliaia di locali che affollano il mercato domenicale, tante persone arrivano vestite a festa per vendere animali ed ortaggi, molti ci sorridono stupiti della nostra presenza e del nostro pagare spropositatamente 3 banane! siamo tutte e tre convintissime di consigliare a chiunque visiti il Vietnam questa tappa… la nostra visione del paese sarebbe stata diversa e più povera senza questa esperienza.

All’albergo chiediamo di organizzarci il trasporto a Sapa e ce ne andiamo intorno alle 13 circa, il mercato si svuota già dalle 12 in poi… il viaggio in un minibus carico di locali dura 3 ore. ci caricano vicino all’albergo e intorno a Lao Cai ci fanno cambiare bus al volo. se vi capita che vi facciano cambiare mezzo al volo state più calmi di come abbiamo fatto noi, perché noi, prese dalla fretta, forse abbiamo perso una fotocamera… i ragazzi urlano in una lingua a noi incomprensibile, ma fate un bel check di tutto perché possono aspettarvi 1 minuto in più senza problemi!

Arrivate a Sapa e recuperata la quarta amica viaggerina che ci aspettava lì, ci siamo dirette all’albergo scelto da quest’ultima (cat cat sunrise, 100k dong a notte con colazione… scelta top!) Sapa è un luogo orribile, noi non ce lo aspettavamo tanto tremendo! qui arrivano camminatori da tutto il mondo e il turismo ha fatto il boom, trasformando quello che forse era un bel paese in una cittadina brutta. ovunque si vendono prodotti North Face ai prezzi più bassi del Vietnam, locali eleganti in ogni dove che sparano musica trash a palla e spazzatura ovunque. la cosa che ci ha più colpito sono le tante signore vestite in abiti tradizionali, che si avvicinano per venderti oggettini, ma soprattutto i tanti bambini che fanno la medesima cosa anche fino a sera tardi, spesso portando sulla schiena i fratellini più piccoli. la nostra guida l’indomani ci ha spiegato che spesso queste donne vengono dai villaggi in alto sulle montagne, dove hanno un’economia inesistente poiché per il troppo freddo riescono a coltivare pochissime cose.

Il giorno seguente partiamo per due giorni di trekking con le sapa sister, il trekking di due giorni costa circa 70€, molto per il Vietnam, ma si tratta di un progetto di sviluppo femminile e locale ed alle guide vengono dati “good money”, inoltre il servizio (comunicazioni, homestay, cibo) è di ottima qualità. Se tornassi indietro cercherei un altro posto a nord per fare trekking, un po’ meno invaso dai turisti.. magari Ha giang.

Guarda la gallery
viaggioontheroad-htq52

Vietnam

viaggioontheroad-x675r

Vietnam



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Bac
    Diari di viaggio
    tre amiche in vietnam, zaino in spalla

    Tre amiche in Vietnam, zaino in spalla

    Che viaggio è stato: amiche, zaino in spalla, fai da te in autonomia Mezzi di trasporto:1) voli: Qatar da Milano a/r, volo interno...

    Diari di viaggio
    tutto il vietnam

    Tutto il Vietnam

    Un viaggio attraverso Saigon, Mekong, Phu Quoc, Huè, Hoi An, Hanoi, Halong Bay, Bac Ha Dopo aver passato pomeriggi interi in libreria...

    Diari di viaggio
    tre settimane in vietnam

    Tre settimane in Vietnam

    Viaggio di 23 giorni in Vietnam fai da te. Siamo due coppie di adulti senza figli, due sorelle con rispettivi fidanzati agenti immobiliari...

    Diari di viaggio
    un mondo ritrovato

    Un mondo ritrovato

    “Is Iraq another Vietnam?” Titolano i giornali di tutto il mondo dopo le sconvolgenti rivelazioni fatte da alcuni marines pentiti...

    Diari di viaggio
    vietnam da cima a fondo

    Vietnam da cima a fondo

    VIETNAM Volo China airlines con partenza da roma, scalo a Bangkok (1 ora), arrivo a taipei –taiwan, stop di una notte poi Vietnam...