Val d'aosta

Val D’Aosta Ci sono stata due volte, per ora. La prima volta dal 17 al 19 agosto 2003. Prima fermata: Fenis e visita al castello. È una vita che sognavo di vederlo e finalmente ci sono riuscita, non prima di ...

  • di Paola Biole'
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Val D’Aosta Ci sono stata due volte, per ora. La prima volta dal 17 al 19 agosto 2003. Prima fermata: Fenis e visita al castello. È una vita che sognavo di vederlo e finalmente ci sono riuscita, non prima di aver fatto un’oretta di coda. Superato Saint-Vincent (visitato al ritorno), abbiamo cominciato a salire la Valtournanche. Abbiamo pranzato a Antey St-Andrè alla brasserie “Siride“: ottima la torta di ciliegie, bello l’ambiente tutto di legno, un po’ cari i prezzi. La meta era Cervinia. Il mio fidanzato mi aveva raccontato del Cervino, del Plateau Rosa ma il tempo non è stato buono con noi: è sempre piovuto, faceva un freddo cane e del Cervino neanche l’ombra. Neanche parlarne di prendere le funivie per il Plateau Rosà, cosa che a me non è spiaciuta più di tanto perché avevo paura, o almeno così credevo. Era anche la mia prima volta in albergo (alla bellezza di 27 anni e dopo un bel diploma da operatrice turistica!!), il Sertorelli Sport Hotel, 4 stelle. Accoglienza bellissima e, al ristorante, ho persino mangiato, cosa strana per me che mangio poco o niente e non c’è mai niente che mi vada bene. Il pasto che mi è piaciuto di più però è la colazione a buffet: dolci a non finire.

Al ritorno, nei pressi di Saint-Vincent il sole e il caldo sono finalmente tornati. Proseguiamo per Issogne, dove pranziamo al ristorante “Il Maniero”. Consiglio la torta di mele con meringa, divina. Visitato il castello. Visto da fuori sembra un qualunque palazzo dipinto di bianco ma all’interno vi sono dipinti e sale tutte da ammirare. In entrambi i castelli (Fenis e Issogne) alla biglietteria vi dicono subito a che ora sarete inseriti (i gruppi non sono mai composti da più di 20 persone), quindi è difficile che appena comprate il biglietto entriate subito. Ci vuole pazienza, ma ne vale la pena.

Per questa volta la gita è finita ma, passando per l’autostrada, ho visto un mucchio di posti, di castelli, di paesini che mi piacerebbe vedere.

Costo totale (senza benzina): 600 euro (tre giorni, due notti) La seconda visita è stata dal 30 gennaio al 1 febbraio 2004. Arrivati a Saint-Vincent verso le 16 del pomeriggio (e il freddo si faceva già sentire), non avendo prenotato, abbiamo cercato un albergo. La scelta è caduta sul “Leon d’oro”, 3 stelle, conduzione familiare. La cena era proprio come piace a me: petto di pollo ai ferri, milanese e, soprattutto, patatine fritte. Non fa per i più sofisticati ma va benissimo per me che ho gusti semplici. Vino fatto in casa come pure i croissant della colazione del mattino dopo.

Il mattino dopo siamo partiti per la Fiera di Sant’Orso ad Aosta. Cielo limpido, sole, ma un freddo da gelare: e pensare che ero vestita come un’eschimese. La fiera comunque molto bella anche se non siamo riusciti a vedere tutto data la folla. Però ho visitato la Cattedrale, la chiesa di Sant’Orso e le stradine del centro storico. Odore di vin brulè ovunque, da ubriacarsi al solo passaggio davanti a uno stand della fiera.

Verso le 12 siamo tornati alla macchina (dopo aver aspettato 20 minuti la navetta gratuita che doveva riportarci al parcheggio) e siamo partiti alla volta di Cervinia. Arrivati ad Antey ho finalmente visto il Cervino per la prima volta in vita mia. Verso le 1430 siamo arrivati a Cervinia. Neve ovunque ma un sole bellissimo e, soprattutto, il Cervino. Me lo avevano già raccontato ma non avrei mai più creduto di trovarmelo lì, davanti, sembrava quasi cadermi addosso, talmente eravamo vicini. Io abito in un vallata chiusa dal Monviso (da cui nasce il Po) ma lo vedo sempre da lontano, qua è tutta un’altra storia. Un’emozione unica, da commuoversi

  • 2433 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social