Scozia on the road

L’idea di andare in Scozia è nata grazie ai racconti di mia suocera. Nonostante fossero passati più di vent’anni da quel famoso viaggio fatto su furgoncino Wolkswagen ,in autentico stile hippie,gli occhi le si riempivano di gioia comunque, come rapita ...

  • di ale1979
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

L’idea di andare in Scozia è nata grazie ai racconti di mia suocera. Nonostante fossero passati più di vent’anni da quel famoso viaggio fatto su furgoncino Wolkswagen ,in autentico stile hippie,gli occhi le si riempivano di gioia comunque, come rapita da un ricordo recente.Così abbiamo comprato una guida per saperne di più,facendo attenzione a sceglierne una ricca non solo di foto,ma soprattutto di cartine stradali dettagliate.Una volta abbozzato l’itinerario (Edimburgo,Stirling,St.Andrew,Elgin,Inverness,Wick,John O’Groats,Dunnet Head,Ullapool,Isola di Skye e poi giù,a scendere attraversando i Trossachs),abbiamo prenotato su internet un volo Ryanair (134euro),un’utilitaria 4 posti per sette giorni presso la compagnia Sixt per 130 euro e una camera doppia in un B/B di Edimburgo.

Primo giorno:il volo è previsto per le 21:35 da Ciampino (Roma). Che bolgia! Alla meno peggioriusciamo ad imbarcarci e alle 24 ora locale arriviamo a Prestwick. Il treno che dovrà portarci a Glasgow è previsto per domani mattina presto. Conviene aspettare in aeroporto piuttosto che farci spennare in qualche alberghetto locale,così ci accovacciamo per terra e cominciamo a contare le ore. Se tornassi indietro credo sarebbe saggio portare con me un sacco a pelo. Nonostante gli abiti pesanti ci siamo morti di freddo!Fortunatamente arrivano le 5:48 abbastanza in fretta.Prendiamo il treno che ci porta a Glasgow Central, quindi un secondo per Edimburgo.Qui è ancora tutto chiuso e deserto..L’unica cosa che mi auguro è che quelli del B/B ci facciano posare i bagagli e usare il bagno.Invece,dopo un’interminabile attesa,la padrona del locale ci dice che non si ricorda minimamente di noi e blatera scuse del tipo “ho litigato con mio marito..Era talmente arrabbiato da distruggermi il pc e quindi la vostra richiesta di prenotazione”..Pazzesco!Si prospetta un’altra lunga notte appollaiati chissà dove..In questo periodo, infatti,nella capitale scozzese è tutto prenotato per via del Military Tattoo (grande spettacolo folkloristico correlato di parate militari e deliziosi balletti in kilt a ritmo di cornamusa )e del Festival di Edimburgo(kermesse teatrale abbastanza importante).Poi il miraggio..Sulla piazza principale svetta il Clarendon Hotel,un tre stelle da 70 sterline al giorno con camere accoglienti e abbondante prima colazione.Ovviamente accettiamo e,una volta sistemati,cominciamo a gironzolare per la città.Visitiamo tutto il Castello tranne il Museo della Guerra,passeggiamo per il Royal MIle,la via principale,ricca di negozi di abbigliamento e di souvenirs,infine Princes Street,nel cuore del centro storico.Siamo stremati..Per pranzo un panino,poi doccia e nanna! Secondo giorno: ci svegliamo presto stamattina.Passiamo da “Boots” per dei tramezzini e dei succhi di frutta e,sotto una pioggia battente,prendiamo un autobus che in 25 minuti ci porta all’aeroporto. Al desk della Sixt ci dicono di aspettare un servizio navetta che ci porterà in una specie di autorimessa dove,una volta sbrigate le varie formalità burocratiche (patente di guida valida anche all’estero per gli over 25,assicurazione..)prenderemo possesso della nostra quattro ruote. Guidare a destra non è poi così complicato come immaginavo..Basta prenderci un po’ la mano.. Andiamo a Stirling, dove visitiamo il Castello omonimo (che in realtà mi ha un po’ delusa..Forse perché arricchito con troppi giochini virtuali per bambini del tipo “come era cucinare ai tempi di Wallace”, “come ci si vestiva ..” o forse perché è fin troppo simile a quello già visto ad Edimburgo), mentre saltiamo a piè pari il monumento dedicato a Brave Heart (è una semplice torre..). Di nuovo su strada, arriviamo nel primo pomeriggio nella suggestiva cittadina di St.Andrew, forse la prima città “real scottish”da noi incontrata! È piccola, con una secolare tradizione universitaria e mille campi da golf perfettamente “pettinati”. Quel che a noi più interessa però sono le rovine del Castello e, soprattutto, della Cattedrale. Con questo cielo color metallo c’è un’atmosfera a dir poco mistica.. Continuiamo a salire verso nord finchè ci fermiamo a Stonehaven, minuscolo paesino portuale ,dove visitiamo il pittoresco Dunottar Castle,o,per lo meno, quel che ne rimane! E’ quasi completamente in rovina infatti, ma ancora tenacemente abbarbicato su uno scoglio a circa 50 metri sul mare del Nord. La pioggia battente, la risacca delle onde, le urla stridule dei gabbiani.. È tutto ciò che si può udire in questo angolo remoto della Terra. A questo punto ci rendiamo conto che è quasi l’ora del tramonto, ma noi non sappiamo ancora dove dormire o dove mangiare. I negozietti che riusciamo a trovare,una sorta di empori dove si vende un po’ di tutto, cominciano già ad abbassare le saracinesche! Facciamo in tempo a comprare gli ingredienti per dei panini al formaggio, ma ora c’è il problema di dove passare la notte. Tutto pieno nei B/B, da Insch fino a Keats, ci dicono, ma ad Huntly, vicino il castello omonimo, troviamo una camera libera:antiquata,con il bagno in corridoio (al quale potevamo accedere solo noi con una chiave però..)e prima colazione..22 sterline. A questo punto sorge una domanda.. Sopravvivrò al freddo?

Terzo giorno: Alleluja, stamattina c’è il sole e, soprattutto, non sono morta assiderata! Facciamo una colazione a base di cereali e toasts con burro e marmellata per poi andare a scattare qualche foto al maniero locale. Proseguiamo alla volta di Elgin, dove ci sono le rovine di un’altra splendida Cattedrale. Dopo qualche minuto in coda per via di certi lavori stradali, arriviamo ad Inverness, o meglio, a Loch Ness. Lo costeggiamo fino alle rovine del Castello di Urquhart, offrendoci dei panorami meravigliosi! Meglio non capitare all’ora di pranzo però..C’è davvero troppa gente! Ci rimettiamo in macchina e continuiamo a salire verso nord, dove la brughiera si fa sempre più viola e il mare è di un blu intensissimo! Piccolo consiglio:fate benzina appena potete,perché varcato il lago di Nessie,di distributori se ne trovano davvero pochi!Per le 19 siamo a Wick dove troviamo alloggio al Queen’s Hotel, sulla strada principale. La camera è minuscola, con delle tenui nuances rosa alle pareti..E gli scarafaggi in bagno! Ma c’è poco da fare gli schizzinosi.. Siamo stanchissimi e comunque, anche volendo, non credo ci siano altri alberghi in città.. L’atmosfera qui è stranissima..Silenziosamente è scesa una fitta nebbiolina che ha improvvisamente reso tutto inquietante, perfino il deserto parco giochi sul quale si affaccia la nostra finestra.. Sembriamo gli ultimi sopravvissuti dopo un cataclisma.

  • 3334 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social