San Pietroburgo, per gli amici “Peter”

In Russia per motivi non turistici, io e mio marito abbiamo deciso di ritagliare tre giorni all'interno del nostro viaggio per visitare San Pietroburgo. Una decisione quantomai azzeccata vista la bellezza unica di questa città ricca di storia e fascino

  • di Rubina76
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Qualche info pratica...

Per entrare in Russia sono necessari il visto (molto costoso!) e ovviamente il passaporto. Viaggiare in questo Paese non è economico, ma le città come “Peter” (così la chiamano in amicizia i Russi) offrono molte opportunità sia per dormire che per mangiare ed è quindi possibile soggiornare senza spendere cifre astronomiche. La cucina è semplice ma di buon livello e San Pietroburgo vanta una vastissima gamma di locali molto belli. Dai più tradizionali a quelli trendy, il turista ha davvero un'ampia scelta di ristoranti e può gustare tanti tipi di cucine diverse. Per quanto riguarda l'alloggio, noi abbiamo prenotato un buon albergo, molto centrale (a due passi dall'Hermitage), su booking.com, spendendo una cifra ragionevole (Petro Palace Hotel, 3 notti a 215 € senza colazione). Soggiornare in centro è molto importante poiché si possono raggiungere a piedi tutte le attrazioni principali della città senza dover ricorrere ai non agevolissimi mezzi pubblici!

La lingua può essere un problema poiché i russi, salvo rare eccezioni, non parlano granché inglese e l'idioma locale è per uno straniero totalmente incomprensibile e illeggibile. Le città turistiche come San Pietroburgo utilizzano però cartelli scritti anche in caratteri occidentali per cui tutto sommato è possibile viaggiare in autonomia senza grosse difficoltà. La valuta locale è il rublo, l'euro non è accettato da nessuna parte. Le carte di credito sono invece accettate ovunque e i bancomat funzionano in qualsiasi sportello. I servizi della città sono buoni anche se la nostra fida Lonely Planet ci ha messo in guardia su alcuni accorgimenti importanti da adottare (ad esempio come prendere i taxi o fare attenzione in alcune zone).

Il clima non è dei migliori nel senso che essendo San Pietroburgo stata costruita su una palude è caratterizzata da un elevatissimo tasso di umidità e durante l'inverno le temperature sono molto rigide. A fine agosto noi abbiamo trovato però un clima abbastanza mite, per lo più soleggiato e non particolarmente afoso... ma occhio alle zanzare!!

23 agosto

In arrivo da una cittadina del nord della Russia (Arkhangelsk) siamo atterrati all'Aeroporto Pulkovo di San Pietroburgo intorno alle due del pomeriggio e appena scesi seguiamo il primo consiglio della Lonely Planet prenotando in tempo reale il taxi per il centro città presso la compagnia pubblica che ha il desk prima dell'uscita dal gate. In circa una mezzora di tragitto raggiungiamo l'albergo situato in pieno centro, esattamente di fronte alla Cattedrale di Sant'Isacco che svetta, con la sua cupola d'oro, su Piazza Isaakievsky. La cupola dorata della Cattedrale domina lo skyline di San Pietroburgo ed è riconoscibile in tutte le foto della città. Sant'Isacco è uno degli edifici con il tetto a cupola più grandi del mondo, impossibile non notarla! Vicino all'albergo c'è un locale molto carino, lo “Schastye” (che decidiamo essere quello giusto per la colazione della mattina seguente) e dopo aver mangiato un panino veloce iniziamo la visita alla città considerata la “Venezia del nord”.

A pochi passi dal nostro albergo attraversiamo la Prospettiva Nevskij, via commerciale della città, per arrivare alla Piazza del Palazzo o Dvorcovaja Ploščad. Ci troviamo di fronte ad uno spettacolo straordinario che lascia senza fiato. Sulla enorme Piazza si affacciano edifici meravigliosi tra i quali spicca per bellezza e grandiosità il Palazzo d'Inverno, progettato dall'architetto italiano Bartolomeo Rastrelli come residenza invernale degli zar ed oggi sede di uno dei musei più famosi del mondo: l'Ermitage

  • 16890 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social