Samanà da scoprire

Il mese scorso ho trascorso con due mie amiche una splendida vacanza a Samanà, in Repubblica Dominicana. Samanà si trova a est dell’isola, ed esce un po’ dai tradizionali circuiti turistici tipici di Santo Domingo. E’ una penisola tranquilla, di ...

  • di La Redazione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Il mese scorso ho trascorso con due mie amiche una splendida vacanza a Samanà, in Repubblica Dominicana. Samanà si trova a est dell’isola, ed esce un po’ dai tradizionali circuiti turistici tipici di Santo Domingo. E’ una penisola tranquilla, di notevole bellezza grazie soprattutto alla vegetazione lussureggiante: solo pochi anni fa si è aperta al turismo, ancora non definibile “di massa”. Da poco tempo è attivo un aeroporto internazionale, che permette di arrivare direttamente a Samanà provenendo dall’Europa. Ancor prima di atterrare, ci siamo potute rendere conto di quanto verde fosse questa terra, ricca di palme da cocco, banani, piante di mango, papaia e ogni altro genere di vegetazione tipica della foresta tropicale. Una volta a terra si può ammirare da vicino questo trionfo della natura, nel contesto di un paesaggio completamente diverso da quello mediterraneo che siamo abituati a vedere. I pochi villaggi attraversati durante il tragitto dall’aeroporto al resort, fatti di piccole e umili casette, raccontano molto sulla povertà della popolazione, uomini, donne e bambini (l’età media è abbastanza bassa) vestiti con abiti semplici ma sgargianti, appollaiati sulla soglia di casa o sull’unica strada del paese, a chiacchierare e a far passare il tempo all’insegna della massima tranquillità! Addio per una settimana a traffico, frenesia e stress, sono finalmente in vacanza ai Caraibi! Abbiamo alloggiato al Viva Windham Samanà, stessa catena del più conosciuto Dominicus. Ci siamo trovate molto bene sotto tutti i punti di vista: il personale è gentile e qualificato, le stanze ampie e pulite sono immerse in un immenso e curato giardino, il cibo è di buona qualità (ci sono ben tre ristoranti tra cui scegliere e un paio di bar; in più la comodissima formula all inclusive esclude solo l’aragosta e il vino in bottiglia!). La chicca del Viva Samanà è la spiaggia, lunghissima, di sabbia dorata, tutta costellata da palme che sostituiscono gli ombrelloni. Il fatto che solo il nostro villaggio vi si affacci, la rende animata ma allo stesso tempo per nulla caotica. Purtroppo devo dire che il mare non è all’altezza del resto: si tratta di oceano Atlantico, non di mar dei Caraibi, e come tale l’acqua è sempre piuttosto mossa, anche se pulita. Insomma non è il posto ideale dove stare a mollo per ore, peccato! L’animazione del villaggio è di buon livello e, per fortuna, non invadente.

La spiaggia è attraversata ogni giorno da decine di venditori ambulanti che cercano, senza insistere, di piazzare i loro manufatti in legno o in larimar (la pietra azzurra tipica del posto), i tattoo o le treccine (me le sono fatte fare anch’io, sono simpaticissime e danno un’aria molto sbarazzina che dona un po’ a tutte!).

Ovviamente, per esplorare meglio Samanà, abbiamo prenotato presso il tour operator tre escursioni, che consiglio a chi visita quei posti: il parco naturale di Los Haitises e Cayo Levantado, la gita a cavallo alle cascate del Limon e Playa Rincon.

La prima escursione (che fino all’ultimo abbiamo rischiato di saltare per il maltempo), ci ha portate dapprima al porto di Samanà città, da dove ci siamo imbarcate alla volta di un parco naturale dove la solita vegetazione lussureggiante e il mare la fanno da padroni. Si costeggiano isolotti selvaggi sorvolati da uccelli di varie specie, la spiaggia dell’Isola dei famosi, si attraversa una foresta di mangrovie, si sosta in un villaggio tipico dove i locali offrono assaggi di crostacei appena pescati, per poi arrivare alle suggestive grotte in cui si possono ammirare primitive incisioni rupestri. Da lì si riprende la navigazione, alla volta di Cayo Levantado, un isolotto di sabbia bianca e palme, che mi sento di definire un vero angolo di paradiso. Peccato che il cielo grigio non facesse risaltare gli splendidi colori del mare, della vegetazione e del cielo. Se si ha la fortuna di trovare bel tempo, credo che ci si trovi davanti a una vera visione

  • 1941 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social