Mongolia

Cari Turisti per Caso, oggi vi presentiamo una meta insolita: venite con noi in <a href='/viaggi/mappamondo/menu.asp?paese=mongolia'>Mongolia</a>! Syusy c'è stata l'anno scorso, è tornata a casa entusiasta, con una tenda nomade (la yurta) e tanta voglia di <a href='/noi/tamtam/testo.asp?id=310'>far conoscere a ...

 

Cari Turisti per Caso, oggi vi presentiamo una meta insolita: venite con noi in Mongolia! Syusy c'è stata l'anno scorso, è tornata a casa entusiasta, con una tenda nomade (la yurta) e tanta voglia di far conoscere a tutti questo paese e le sue tradizioni.

Le abbiamo chiesto il perché di questa attrazione fatale, ci ha risposto: “Come tutti i deserti, quello mongolo è scarsamente popolato. Oggi trovare un territorio con la stessa caratteristica diventa sempre più un'impresa ardimentosa! Lo spazio, questo è l’aspetto che amo di più della Mongolia...” Complessa e affascinante, la Mongolia, infatti, è grande cinque volte l'Italia e ha una popolazione cinquanta volte inferiore alla nostra. Le caratteristiche morfologiche e meteorologiche rendono piuttosto ardui gli insediamenti sul territorio mongolo: circa un terzo della popolazione è concentrata nella capitale Ulaanbaatar. Confina a nord con l’ ex Unione Sovietica e a sud con la Cina. Al suo interno ha quattro zone geografiche distinte: a ovest i monti dell'Altai, dove vive lo straordinario leopardo delle nevi; a nord il territorio della taiga, con grandi laghi e foreste di conifere, dove si incontrano lupi, orsi, volpi, daini, cinghiali e zibellini; dal centro a est si estendono le steppe e la regione degli altopiani, dove le marmotte sono onnipresenti; a sud il deserto del Gobi, caratterizzato dalla presenza dei cammelli selvatici. Numerose le specie di uccelli, soprattutto enormi rapaci, e di pesci, come salmoni, storioni e trote. La cima più alta è il Tavanbogd, poco più basso del Monte Bianco, il fiume più lungo il Selenga (615 chilometri), poco meno del Po, che affluisce nel lago Baikal. Il lago più vasto è l'Uvs Nuur, dieci volte il lago di Garda, ma nella stessa regione settentrionale si stende anche il meraviglioso lago Huvsgol Nuur, il più frequentato anche dal punto di vista turistico dell'Asia centrale.

Le città, distanti centinaia di chilometri le une dalle altre, si assomigliano un po’ tutte nell’urbanistica: hanno un piccolo museo, un minuscolo monastero, una piazza centrale, qualche edificio ed una baraccopoli intorno. Almeno la metà dei due milioni e mezzo di abitanti, infatti, vive nelle zone rurali allevando bestiame. Amano definirsi “il popolo dei cinque animali”: pecora, capra, bue (o yak), cavallo e cammello sono la loro ricchezza. Il sostentamento di un popolo nomade dipende in gran parte da questi animali che, oltre ad essere mezzi di trasporto, danno latte, carne, pelli, lana e combustibile. I bimbi imparano a cavalcare quasi ancor prima di camminare. Il cavallo è più piccolo di quelli che siamo abituati a vedere, ma ben più forte. Il mongolo è nomade fin nel cuore, è nomade nell’anima e non può adattarsi a vivere rinchiuso nelle città perché il mondo è la sua città, la pianura è la sua casa. Altro elemento in sintonia con lo spirito libero di Syusy! Nel dopoguerra i russi tentarono di trasformare la Mongolia in un paese industrializzato: in cambio di rame, grano o frumento, impiantarono fattorie e costruirono città. Questa trasformazione si accelerò nel 1962 quando la Mongolia divenne membro del CMEA (“Communist bloc’s Council for Mutual Economic Assistance”) e altri paesi membri installarono qui nuove industrie ricevendo, in pagamento, i prodotti finiti. Ma dagli inizi degli anni Novanta, con la caduta dell’Unione Sovietica, sono cessati i supporti esterni, gli scambi e gli aiuti economici, ogni cosa adesso sta lentamente morendo. ^Come l’industrializzazione avrebbe dovuto soppiantare il nomadismo, così il comunismo avrebbe dovuto spazzare via il buddismo, ma non è accaduto del tutto: il Gandan Khiid è tuttora uno dei più grandi ed importanti monasteri della Mongolia, dove ogni giorno si tengono suggestive cerimonie. Nei monasteri i bimbi-monaci siedono ancora in file parallele, faccia a faccia seguono le preghiere come in un gioco e, stonati, suonano le loro conchiglie, le campanelle e battono il gong. Una volta all’anno, verso la metà di luglio e per tre giorni, ovunque nel paese si tiene lo spettacolare Nadaam Festival, il più grande evento dell’anno dedicato ai tre sport più amati: la lotta, il tiro con l’arco e la corsa dei cavalli. Alla lotta possono partecipare solo i maschi. L’onore al vincitore sarà la lentissima danza dell’aquila. Le principali località sono, ovviamente, la pittoresca capitale Ulaanbaatar, costruita sulle sponde del Tul Gol e circondata dalle montagne. Anche se il centro cittadino è fatto di palazzi costruiti dai Sovietici a partire dagli anni ’30, l’atmosfera resta tranquilla e rilassata. Caratteristici i sobborghi, dove le persone vivono nei tradizionali gher, le yurte in feltro di forma circolare, indossando gli abiti tradizionali. L’aspetto è quello di una città europea degli anni ’50, ma è comunque in continua trasformazione. A differenza di altre città russe ed europee ha poco di vecchio e glorioso, proprio a causa degli sventramenti sovietici che, tra il resto, hanno distrutto anche la maggior parte dei monasteri e dei templi. Qui si trovano il Museo di Storia naturale, dove sono esposti i resti dei dinosauri ritrovati negli anni ’20 nel deserto del Gobi; il Museo Nazionale di Storia Mongola, dedicato agli oggetti e costumi tradizionali; il Palazzo d’Inverno di Bogd Khaan, che presenta una vasta collezione di animali imbalsamati, dipinti su stoffa e costumi. Spostandosi tra le Province, in quella di Selenge c'è il Monastero Amarbayasgalant, secondo monastero per importanza della Mongolia e complesso architettonico meglio conservato del Paese. Costruito tra il 1727 e il 1737 in stile cinese, fu dedicato al grande scultore buddista mongolo Zanabazar, il cui corpo venne portato qui nel 1779. Attualmente è abitato da circa 50 monaci, è possibile visitare alcune sale e salire sui tetti dai quali si può ammirare uno splendido panorama sulla vallata. Per esplorare il cuore agricolo del paese bisogna raggiungere la Provincia di Bulgan, il piccolo capoluogo di provincia si trova tra foreste verdi (a nord) e aride praterie (a sud). Tra le due zone ci sono 50.000 ettari di terra coltivata a frumento e ortaggi. Se si punta, invece, a un impatto naturale estasiante, ci si può addentrare nelle fitte pinete e nei prati rigogliosi con cavalli e yak al pascolo, circondati da montagne alte 2000 metri o più, per scorgere, quindi, il famosissimo Lago Hövsgöl, 2760 kmq di acqua pura e cristallina. Il lago di Hövsgöl Nuur è il luogo più interessante della Mongolia dal punto di vista naturalistico: è il lago più profondo dell’Asia Centrale (262 m), contiene il 2% dell’acqua dolce mondiale, conta 96 immissari ed un solo emissario. Eccezionalmente ricco di pesci, fà parte del Parco Nazionale del Hövsgöl Nuur (istituito nel 1992). Nei dintorni del lago si trovano molte grotte, ma per trovarle ci vogliono tempo e fortuna per quanto si nascondono tra la fitta vegetazione... Meglio chiedere aiuto a una guida! Nel territorio del Parco si possono svolgere diverse attività in armonia con l’ambiente: trekking, pesca, nuoto, passeggiate a cavallo e birdwatching

  • 1265 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social