Baja california Sud

Alessia e Diego in bassa Baja California Sud dal 31 luglio al 14 Agosto Il nostro viaggio inizia il 30 luglio con visita di Atlanta (capitale della Georgia) per poi ripartire il 31 in direzione La Paz con scalo a ...

  • di Alessia 79
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Alessia e Diego in bassa Baja California Sud dal 31 luglio al 14 Agosto Il nostro viaggio inizia il 30 luglio con visita di Atlanta (capitale della Georgia) per poi ripartire il 31 in direzione La Paz con scalo a Los Angeles e Hermosillo (sosta in messico per il visto).

All’aereoporto abbiamo noleggiato Auto Hertz In tarda serata abbiamo raggiunto LA PAZ una splendida cittadina, e prima passeggiata per il centro per assaporare la tranquillità messicana.

LA PAZ capitale della Baja California Sur, si trova sulla baia più ampia del Mar di Cortez, con edifici color pastello e tanti bar e ristoranti che si affacciano al Malecon, da qui si possono ammirare dei tramonti bellissimi. Il mattino seguente (01/08) ci siamo addentrati nelle vie e abbiamo raggiunto il Jardin Velazco, che si trova tra l’antica casa del governo e il Santuario della Vergine de Guadalupa. Dopo questa passeggiata con la nosta car siamo partiti alla scoperta delle spiagge che si trovano nei dintorni di La Paz, e qui finalmente possiamo dire che la nosta avventura in Baja ha inizio: cactus da tutti i lati, e baie a dir poco meravigliose. Prima sosta Playa Pichilingue, qui un po’ di sole e poi pranzo nell’unico ristorantino della spiaggetta (mangiato bene e speso poco), con la pancia piena siamo partiti in direzione playa Tecolote, dove ci siamo informati per l’escursione che avremmo fatto il giorno seguente all’isola Espiritu Santo (40 $ giro di tutta l’isola, nuotata con i leoni marini, piccola sosta per pranzo e snorkeling ) e infine abbiamo deciso di passare tutta la giornata a playa Balandra. Dal nostro punto di vista la migliore, non ci sono parole per descrivere questa baja; sabbia bianca acqua cristallina e fondali molto bassi.

02/08 il tempo non è dei migliori, è un po’ nuvoloso stano ma vero, quindi abbiamo posticipato la nostra escursione al giorno 12/08 e poi partenza per Loreto circa 359 km. Il paesaggio non cambia, cactus ovunque, mucche, asini, caprette al pascolo (non so cosa mangiassero qui è talmente secco), in prossimità di Loreto invece dovendo attraversare la Sierra de La Giganta siamo circondati da un lato montagne e dall’altro si può ammirare il blu cobalto del Mar di Cortez . La nostra corsa è stata rallentata da un mega temporale e arrivati a Loreto, troviamo la cittadina innondata dall’acqua rossa.

LORETO è la località con la missione più antica, qui i gesuiti alla fine del seicento fondarono la Missione Nuestra Senora de Loreto. Bella cittadina, noi l’abbiamo trovata molto tranquilla e con molti locali chiusi in quanto qui l’alta stagione è in inverno.

03/08 al mattino siamo partiti in direzione Nord e dopo circa 35 km di strada sterrata tra montagne deserte ricche di cactus ci troviamo di fronte alla missione di San Javier. In questi 35 km ci siamo sbizzarriti con foto e riprese, e ogni volta che scendavamo dalla nostra auto il paesaggio era reso ancora più affascinante dal silenzio. La missione di San Javier si trova in un piccolo villaggio fatto di case di pietra con il tetto di paglia con non più di 100 abitati (info lonely planet). Questa missione è una tra le migliori sia dal punto di vista architettonico sia per la posizione. Appena arrivati ha inziato a piovere per fortuna però dopo poco ha smesso, in ogni caso la nostra visita a causa del mal tempo è stata breve anche perché eravamo consapevoli della strada che dovevamo ripercorrere per ritornare. In meno di 40 minuti avevamo percorsi i primi 26 km, ne restavano solo 10 e qui c’è il problema. Aveva piovuto talmente tanto che si era formato un fiume in mezzo alla strada, tutto bloccato non si poteva andare avanti. Davanti a noi c’era un a famigliola tipicamente messicana, sono scesa dalla macchina per chiedere informazioni e mi hanno detto che cose di questo genere succedono spesso e bisogna aspettare almeno 2 ore che l’acqua scenda con la speranza che non inizi ancora a piovere... Così è stato... Abbiamo atteso quasi 2 ore anche se 3 fuoristrada dopo un’ora poco più sono passati (per questa strada è consigliato il fuoristrada)

  • 2467 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social