Tour in moto del Marocco

Giro (quasi) completo del Paese: oceano, monti e deserto

  • di lucia59
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Anche quest’anno, per le ferie estive, abbiamo deciso di riprendere la moto, e questa volta dirigerci verso l’Africa del Nord, in Marocco. Mio marito c’era già stato circa 12 anni fa (anche se per una serie di disguidi non aveva visto tantissimo), per me invece era una novità.

Fra l’altro, con mia grande gioia, riusciamo ad avere entrambi le ferie nel mese di settembre, per cui possiamo avere la speranza di non dover patire temperature troppo alte, una volta nel deserto.

Un’altra decisione che prendiamo, una volta stabilita la destinazione, è che fare tutto il viaggio via terra è un po’ lungo, e quindi per l’andata decidiamo di andare in nave, lasciando il lungo percorso in moto attraverso Spagna e Francia solo al ritorno.

Si tratta quindi di prenotare il traghetto e alcuni pernottamenti (la prima notte a Tangeri e alcune notti a Ouarzazate e Erfoud), lasciandoci libertà di movimento per il resto del viaggio (e questo verrà molto utile, perché nel corso del tour faremo alcuni cambiamenti rispetto all’itinerario previsto inizialmente). Si inizia quindi…

8/9 settembre

Partiamo la mattina con tutta calma da Bologna destinazione Genova, infatti, la partenza del traghetto per Tangeri (costo per il passaggio € 367,45 con cabina interna) è fissata per le 6 di sera. Arrivati al porto verso le due del pomeriggio, espletiamo tutte le formalità previste e ci poniamo in paziente attesa di accedere alla nave, in compagnia di alcuni altri motociclisti (soprattutto dell’Est Europa, ungheresi e slovacchi, pochi gli italiani), ma soprattutto di tante auto (con targa italiana) di famiglie marocchine che evidentemente tornavano al paese d’origine, probabilmente per le vacanze.

C’erano poi furgoni carichi fino all’inverosimile delle merci più varie; uno di questi non è stato fatto salire sulla nave perché era talmente malmesso che i marittimi avevano paura potesse “aprirsi” durante la traversata (in effetti sembrava tenuto “insieme con gli elastici”). Ma come aveva fatto ad arrivare fin lì?

Alle 6 in punto si parte, e cominciano quindi due giorni di navigazione, rilassanti anche se un po’ noiosi. Li abbiamo sfruttati per riguardarci con calma la LP e girare in lungo e in largo per la nave.

Per quanto riguarda i pasti, sulle navi della GNV devo ammettere che non sono male e le porzioni sono abbondanti, i prezzi nella media italiana (p. es. € 35,20 un primo, due fritture di pesce, un contorno di verdure, pane e acqua minerale). Per quanto riguarda la colazione, se come noi prendete una pasta + caffè (o cappuccino), conviene andare al bar e non al self-service, dove fra l’altro c’è solo un caffè lungo tipo americano. Il giorno 9 la nave fa scalo a Barcellona, ma purtroppo non si può scendere per qualche ora dalla nave e farsi un giro per la città. Peccato!

10 settembre

Verso le 6 di sera la nave arriva finalmente a Tangeri, e qui si sta un paio d’ore al porto per le solite pratiche burocratiche, fra l’altro molto incasinate perché ciascun poliziotto con cui parliamo ci dirige a uno sportello diverso. Fra l’altro ci accorgiamo che non siamo arrivati al vecchio porto, vicino al centro della città (vecchi ricordi di mio marito) ma al nuovo Tanger Med, distante parecchi Km dalla città. Visto che l’hotel prenotato (Hotel Rembrandt) ci riservava la stanza solo fino alle 7 di sera, telefono e chiedo loro di tenercela fino a tardi. E’ da parecchio che non parlo francese, soprattutto al telefono, ma vedo che non ho particolari problemi. In Marocco è meglio saperlo almeno un po’ il francese, perché ci è capitato in alcuni alberghi di incontrare personale che non sapeva l’inglese. A meno che non si parli arabo, ovviamente… Prima di partire, altre due doverose incombenze: cambio valuta e soprattutto sottoscrizione della polizza per la moto, visto che come noto le compagnie italiane non coprono i rischi per questi veicoli in Marocco. Il costo del contratto per un mese ammonta a € 95,00 (mi pare ci sia l’opzione anche per 10 giorni)

  • 24515 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social