Una luna di miele da sogno: dalla west coast californiana alle Barbados

Paesaggi unici e panorami mozzafiato, città fantastiche e parchi indimenticabili, spiagge e mari da favola...questà è stata la cornice della nostra luna di miele. Una parola basterebbe per descrivere le emozioni e le sensazioni che abbiamo vissuto durante questo viaggio....SOGNO!!!!

  • di NiAle
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

TAPPE DEL VIAGGIO: Lunedì 21/09/2010 - Volo con partenza da CTA e arrivo a San Francisco (California); Da Mar. 22 a Gio. 24/09/2010 - San Francisco; Venerdì 25/09/2010 - Parco Yosemite, Mangrovia Grove e Mammouth Lake; Sabato 26/09/2010 - Death Valley (California) e Las Vegas (Nevada); Domenica 27/09/2010 - Las Vegas; Lunedì 28/09/2010 - Bryce Canyon (Utah); Martedì 29 /09/2010 - Antilope Canyon e Monument Valley (Arizona); Mercoledì 30/09/2010 - Grand Canyon (Arizona) e pernottamento a Santa Monica (Calif.) Giovedì 01/10/2010 - Los Angeles, con visita di Hollywood, Beverly Hiils e Bel Air; Venerdì 02/10/2010 - Los Angeles, visita degli Universal Studio e Santa Monica; Sabato 03/10/2010 - Santa Monica, Malibù, Venice Beach e volo per Miami (Florida); Domenico 04/10/2010 - Volo da Miami (Florida) e arrivo a Bridgetown (Barbados); Fino Dom. 11/10/2010 - Barbados; Lunedì 12/10/2010 - Partenza da Bridgetown (Barbados) e arrivo a Catania. PERNOTTAMENTI: San Francisco: “GALLERIA PARK HOTEL – 191 Sutter strett, Union Square “ Mammouth Lake: “ MOTEL 6 – 3372 Main Street “ Las Vegas: “ T.I. - TREASURE ISLAND HOTEL AND CASINO ’- 3300 Las Vegas Blvd S.” Bryce Canyon: “ BEST WESTERN RUBYS INN – 1000 S. Hwy 63 Bryce Canyon “. Grand Canyon: “ BRIGHT ANGEL LODGE – 10 Albright Street, Grand Canyon “ Santa Monica: “ COMFORT INN – 2815 Santa Monica Blvd “ “ BEST WESTERN GATEWAY HOTEL – 1920 Santa Monica Boulevard“. Barbados: “ TAMARIND COVE HOTEL RESORT – Paynes Bay, St. James “. MEZZI DI TRASPORTO IMPIEGATI: Aereo: Voli ALITALIA da Catania a Milano e da Milano a Catania. Voli AMERICAN AIRLINES da Milano – Ney York; Ney York – San Francisco; Los Angeles – Miami; Miami – Barbados; Barbados – Miami; Miami – Chicago; Chicago – Roma; Spesa: Per due persone euro 2.300 – acquistato sul sito internet last minute.com Macchina: Marca DODGE modello CHARGER noleggiata dall’aeroporto di San Francisco e riconsegnata all’aeroporto di Los Angeles. Spesa: Totale di euro 237.00 tutto compreso – noleggiata mediante il sito e noleggio.it.

CONSIGLI E CONSIDERAZIONI

1) DOCUMENTI NECESSARI Per poter entrare negli Stati Uniti d’America è necessario ottenere una specie di autorizzazione all’ingresso la cui procedura è totalmente informatizzata visto che basta semplicemente collegarsi al sito della EASA e compilare un questionario; al termine di tale procedura vi basterà stampare la ricevuta finale con l’attestazione dell’esito favorevole della vostra richiesta. Il passaporto deve essere invece del tipo elettronico e dunque, se non ne siete già provvisti, dovrete farne apposita richiesta alla Questura competente con tempi che oscillano dai 20 ai 40 giorni. Se avete anche intenzione di noleggiare un’autovettura ricordate che per guidare in uno stato estero avrete bisogno della patente internazionale che rilascia direttamente la Motorizzazione, con tempi relativamente brevi, e che ha una validità di solo un anno. 2) ACQUISTI E BIGLIETTI Sicuramente organizzare un viaggio di questo genere comporta una spese considerevole ma con un po’ di pazienza e utilizzando per i vari pagamenti il sistema di internet si può anche riuscire nell’intento di abbattere anche del 50% l’importo previsto per l’intero viaggio. Come prima cosa bisogna tener d’occhio le tariffe aeree dei vettori più economici come l’American Airlines e soprattutto la ricerca delle migliori tariffe delle varie strutture alberghiere del paese non tralasciando i cosiddetti motel che garantiscono un ottimo rapporto qualità-prezzo. I siti da utilizzare per tale ricerca sono lastminute.com, hotel-board.com, e-noleggio.it, booking.com e tutti quei siti specifici che consentono di acquistare, a prezzi convenientissimi, i biglietti d’ingresso per i parchi quali “L’isola di Alcatraz e gli Universal Studios di Los Angeles”. 3) CARTA DI CREDITO In America la diffusione delle carte di credito è praticamente capillare e ciò consente di pagare qualsiasi cosa mediante tale strumento senza avere l’assillo di avere a disposizione banconote e monete in dollari. Il nostro consiglio è di dotarvi prima di partire per l’America di una carta di credito revolving, cioè ricaricabile, che vi consente di avere i vantaggi delle normali carte di credito ma che vi copre dai rischi di eventuali truffe; tali carte ricaricabili sono accettate dovunque e sono utilissime anche per i pagamenti effettuati tramite internet. 4) STRADE E AUTOSTRADE Rimarrete di certo sbalorditi nel vedere queste immense autostrade che in alcuni casi raggiungono anche le 5 corsie per senso di marcia; ancor di più se pensate che sono gratis non essendoci alcun balzello da pagare. La contraddizione è che il limite di velocità è fissato in 70 miglia oraria, che corrispondono ai nostri 110 chilometri all’ora, e dunque per non correre il rischio di superare questo limite di velocità il consiglio è quello di impostare la velocità di crociera viste anche le numerose pattuglie dell’inflessibile polizia americana. Analogo discorso può essere fatto per la percorrenza delle normali strade statali dove in alcuni casi il limite di velocità, ad esempio quando si attraversa un centro cittadino, è fissato in 35 miglia orarie. 5) NAVIGATORE SATELLITARE Tutte le auto sono dotate di navigatore satellitare, indispensabile per non perdersi nei meandri del traffico e soprattutto delle sterminate strade americane ma le società di autonoleggio fanno pagare questo accessorio come un optional veramente a peso d’oro; se volete risparmiare qualche centinaio di dollari seguite il nostro esempio e dopo aver comprato un economico modello di navigatore scaricatevi la mappa dell’America, o se volete dei soli stati della West Cost, direttamente dal sito della GARMIN che essendo americana e nettamente consigliata rispetto alle altre società europee. 6) CARTA NAZIONALE DEI PARCHI Al momento di entrare al primo parco nazionale richiedete ai Rangers la cosiddetta “Carta Nazionale dei Parchi” che al costo di 36 dollari a persona vi consentirà di entrare in tutti i parchi nazionali d’America; la convenienza di questa carta è evidente se pensate che il solo ingresso in uno dei parchi nazionali costa all’incirca tra gli 11 e i 14 euro. Altro particolare interessante è che la carta non è nominativa e dunque, vista la validità di un anno dal momento dell’emissione, vi è sempre la possibilità di riutilizzarla oppure addirittura di rivenderla. Naturalmente sono esclusi dal circuito della Carta Nazionale i parchi gestiti dagli indiani navajo come la “Monumental Valley e l’Antilope Canyon”. 7) INTERNET Una delle possibilità offerte per chi si trova in America è quella di poter navigare gratuitamente in Internet; infatti vi basterà entrare in uno dei numerosi Apple Store presenti in quasi tutte le città americane, e utilizzare uno dei personal computer presenti nel negozio per accedere gratuitamente ai servizi della rete. Approfittate tranquillamente di questa opportunità perché è veramente utile soprattutto quando si è alla ricerca di un locale oppure di una qualche attrazione turistica. 8) CIBO E’ risaputo che l’alimentazione degli americani è caratterizzata da pietanze tipiche dei fast food quali panini, patatine e pizza; infatti questi tipi di locali, soprattutto durante l’ora di pranzo, sono affollati all’inverosimile ma a differenza di quanto si potrebbe credere, in america i ristoranti della catena McDonald sono frequentati soprattutto dai turisti visto che gli americani prediligono andare nelle catene dei fast food a noi sconosciute ma dove si mangia nettamente meglio. Per quel che riguarda la pizza è diffusissima soprattutto per la cena ed a noi è piaciuto tantissimo visto che utilizzano come condimenti una ricca varietà di verdure con accoppiamenti a volti bizzarri ma sempre gustosi. . 9) BEVANDE Una particolarità di quasi tutti i locali americani, fast food compresi, è quella della gratuità del “Refil” cioè la possibilità di riempire gratuitamente il proprio bicchiere nei dispenser automatici di bevande; dunque il consiglio che vi possiamo dare è quello di acquistare alla cassa una sola bevanda piccola visto che dopo aver ritirato il bicchiere della misura richiesta potrete riempire quante volte vorrete il vostro bicchiere. Solo in alcuni locali, soprattutto all’interno degli aeroporti internazionali, abbiamo notato che questa pratica era consentita solamente una volta sola, ma comunque sempre sufficiente per risparmiare il prezzo di un’altra consumazione. 10) CLIMA E VESTITI Per quel che riguarda l’abbigliamento il consiglio è quello di attrezzarsi con qualche capo un po’ più pesante visto che nella stessa California il clima cambia quasi radicalmente poiché si passa dalla fredda San Francisco alla calda zona di Los Angeles e Santa Monica, per non parlare poi se avete intenzione di recarci nella zona della Death Valley o di Las Vegas. Naturalmente questa considerazione è da rapportare al periodo da voi scelto per andare in America ma il nostro consiglio è quello di scegliere un periodo mite, come Settembre o Maggio, altrimenti rischierete di soffrire per il caldo eccessivo. 11) CONSIDERAZIONE FINALE Vi sembrerà una considerazione scontata ma vi possiamo assicurare che sarà dura dimenticare un così bel viaggio di nozze, ma anche prescindendo dal particolare contesto, sono state così numerose le emozioni e immenso lo stupore nell’ammirare paesaggi così unici che il nostro consiglio finale è quello di non perdervi un viaggio in questi splendidi luoghi. Fidatevi e non ve ne pentirete…buon viaggio e buon divertimento.

DIARIO DI VIAGGIO

Questo diario è il resoconto del viaggio di nozze che abbiamo organizzato circa sei mesi prima dalla data del nostro matrimonio (18 Settembre). Inizialmente avevamo pensato ad affidarci ad un’agenzia di viaggio ma, dato l’alto prezzo richiestoci ( circa il doppio di quanto abbiamo poi effetivamente speso ) abbiamo deciso di affidarci alle nostre forze seguendo i consigli degli altri TURISTI PER CASO e soprattutto affidandoci alla sempre affidabile guida della Lonely Planet. Per la scelta della meta non avevamo dubbi per quel che riguardava la CALIFORNIA e gli stati vicini della West Coast, mentre per il soggiorno di mare siamo stati un po’ vincolati per il rischio uragani visto il periodo non propriamente indicato e abbiamo optato per l’isola dei caraibi situata più a sud e cioè le BARBADOS. 1^ GIORNO

  • 17859 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. nubirettina
    , 18/5/2010 12:01
    Splendido diario.....dettagliato nei minimi particolari!!! Complimenti

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social