Sorprendente inghilterra

Il 21 agosto 2008 mio marito Paolo ed io – Antonella - siamo partiti per una vacanza itinerante di 20 giorni in Inghilterra (Wessex, Cornovaglia, Devon, Downs e costa della Manica, Valle del Tamigi e Cuore dell'Inghilterra). L’Inghilterra è senza ...

  • di Antonella&Paolo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500

CUCINA Ma chi ha detto che in Inghilterra si mangia male? Forse questa affermazione era corretta qualche decennio fa, quando l’Inghilterra era considerata la patria degli accostamenti “inusuali” e dei piatti cucinati senza sentimento. Ora, ve lo assicuro, senza necessariamente cercare il ristorante super raffinato, si può trovare facilmente cibo di buona qualità, sia a base di carne che di pesce fresco. Inaspettatamente, anche i pub sperduti nella campagna ci hanno riservato ottime sorprese: piatti succulenti, ben cucinati e ben presentati, accompagnati da ottima birra o sidro. Anche il sidro è stata una piacevole scoperta, disponibile anche alla spina nella versione secca, dolce o intermedia.

Il costo medio di una cena (intorno a £ 35-40) è forse un po’ più alto che in Italia ma tenendo conto che, grazie alle enormi colazioni del mattino, il pranzo in genere viene saltato o si riduce ad uno spuntino (o light bite, come dicono gli inglesi), la spesa per il vitto non risulta eccessiva.

GUIDA DELL’AUTO E PARCHEGGI Come noto in Gran Bretagna la guida è a sinistra e come noto per noi europei, abituati al “contrario”, non è una esperienza semplice! La difficoltà è dovuta soprattutto alla necessaria adozione di un sistema di precedenze invertito ma anche al fatto, per chi non è ambidestro, di dover cambiare le marce con la mano sinistra. Il tutto diventa ancora più complicato nelle piccole stradine di campagna (come nell’Exmoor e nel Dartmoor) costituite da una sola carreggiata fiancheggiata da rigogliose siepi alte anche 2-3 metri dove, quando si incontra un’altra auto, una delle due deve necessariamente fare retromarcia fino ad uno slargo della strada! Inutile quindi dire che il livello di concentrazione e di prudenza alla guida deve essere sempre molto alto.

Un’altra particolarità sono i parcheggi ... la stragrande maggioranza a pagamento, con tariffe piuttosto elevate. Spesso funzionano con il sistema “Pay & Display”, ossia si paga e si mette bene in mostra il tagliandino che, in genere, è a tempo. Preparatevi quindi a sostenere una certa spesa per i parcheggi, soprattutto se il viaggio prevede tante tappe nel corso di ogni giornata.

Per alcune mete (come per esempio Bath, Brighton, Oxford ecc. O anche alcuni paesi particolarmente visitati come per esempio St. Ives), può essere comodo utilizzare il sistema “Park & Ride” ossia lasciare l’auto in un grande parcheggio in periferia dal quale parte un autobus che porta in diversi punti della città. Può essere conveniente dal punto di vista economico ma soprattutto per evitare perdite di tempo per trovare parcheggio in centro e per evitare lo stress della guida in città.

Sempre nell’ambito dei consigli sui viaggi in auto, può essere opportuno utilizzare il navigatore satellitare, soprattutto nelle zone di campagna dove le indicazioni sono scarse.

Il diesel costa più della benzina: la nostra auto a noleggio era diesel ... GIARDINI Gli inglesi hanno da sempre il culto e la passione dei giardini. Visitatene quanti più ne potete: sono meravigliosamente sorprendenti ed hanno la reale capacità di infondere pace e tranquillità.

NOTA SULL’ITINERARIO Nella descrizione dell’itinerario, le attrazioni comprese nel Great British Heritage Pass vengono indicate con (P).

L’itinerario non riporta volutamente descrizioni complete dei luoghi e delle attrazioni viste: per queste si rimanda alle guide (numerose, dettagliate ed esaurienti).

Ed ora ecco l’itinerario del nostro viaggio di circa 2400-2500 km! 21 agosto 2008 (20 km): Viaggio (volo aereo Ryanair in partenza da Bergamo - Orio al Serio alle ore 15.40 con arrivo a Bristol alle 16.50, ora locale), noleggio auto (Alamo) ed arrivo al primo B&B prenotato

  • 2195 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Marco Soffiati
    , 2/10/2010 15:40
    veremente un bel viaggio complimenti! io amo l'inghilterra!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social