In giro per l’Europa - parte seconda

Lisbona, Copenaghen, Cracovia, Malmo, Parigi e non solo... alla rincorsa degli aerei

  • di giusep11
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

In giro per l’Euopa2: alla rincorsa degli aerei

di giusep11 dal 12 al 21 maggio 2016

12.05.2016

Prendo il bus delle 2.20 che porta a Roma. Durante il viaggio una fitta pioggia rallenta la corsa che ci fa arrivare con 5 minuti di ritardo che mi comporterà la perdita della coincidenza diretta all’aeroporto. Lo sconforto è grande, ma allo stallo chiedo a degli autisti che mi consigliano di prendere il bus in partenza sull’altro lato che ha la fermata vicino l’aeroporto. Così faccio, salgo e mi faccio indicare qual è la fermata migliore per l’aeroporto. La corsa non è lunga e arrivo in breve tempo dopo aver fatto un breve tratto a piedi sotto la pioggia. Primo pericolo scampato.

A Lisbona compro il biglietto da 6 euro per viaggiare 24h col quale ho la possibilità di prendere bus, tram e metro. Anche se resterò lì solo la mattina, i numerosi spostamenti ammortizzano ampiamente il costo del biglietto.

Arrivo con la metro a Cais Do Sodrè e da lì col tram 18E arrivo a Belèm per rimirare il notevole Mosteiro Dos Jeronimo. L’avevo già visto, ma ho voluto ritornare e la sensazione di grandezza è stata ancora più immensa(ricordo che tra le altre cose vi è la tomba di Vasco De Gama). Lì vicino si possono vedere altre cose come la Torre di Belèm e il Monumento alle scoperte. Ho poco tempo e volo a visitare la Basilica di Estrela forse l’unica gratuita, che ha anche un parco adiacente e da lì prendo il mitico tram 28 che fa un bel giro per la città. Vedendo che va tutto un po’a rilento non finisco tutto il giro e scendo nei pressi di Praca do Commercio e dopo aver sostato un po’ lì, prendo la metro per la stazione Sete Rios in cui mi attende il bus per Fatima.

13.05.16

Oggi è il giorno cruciale di tutto il viaggio, devo riuscire ad arrivare in tempo all’aeroporto di Porto per prendere l’aereo per Varsavia.

Le possibilità erano diverse e io ho optato per il bus Redexpressos (pessima compagnia) fino a Porto e poi un taxi o altro bus fino all’aeroporto.

Mi accorgo che d’ora in poi tutti gli eventi mi sono avversi cominciando dal ritardo del bus in arrivo di 10’ e alla ripartenza dello stesso con altri 10’ che fanno 20. Non riuscirò mai a capire cosa facesse l’autista che non partisse visto che eravamo tutti a bordo e anzi la gente scendeva e se ne stava al bar a bighellonare. Ho richiamato l’attenzione del driver per 2 volte, ma in modo rude mi ha risposto che non gli interessava e che non era un problema suo se dovessi andare all’aeroporto (roba da terzo mondo); cose che si vedono nel sud-est asiatico.

Arriviamo a Porto, mi precipito dentro un taxi ed è stata la morte mia in quanto inizialmente la strada era bloccata da un bus turistico che non si muoveva, tantevvero che è intervenuta anche la polizia in moto, in altri tratti c’erano dei lavori incorso e per finire tutti i semafori erano rossi.

Arrivati all’aeroporto passo la carta d’imbarco allo scanner e il tipo fa una faccia strana che mi allerta e mi fa passare prima di tutti. Finiti i controlli mi precipito al gate 14 ma non trovo nessuno. Guardo il monitor che segnala che il volo era partito per 2minuti. Incredibile! I voli Ryanair partono sempre in ritardo ma quella volta era partito in anticipo.

La sensazione provata di aver perso un volo, anzi due perché avevo il cambio a Parigi, va dal deleterio al distruttivo.

Mi reco all’ufficio Ryanair e, dopo aver verificato varie alternative, decido di pagare 100euro per un altro volo del tardo pomeriggio, tenendo ben presente che avrei dovuto modificare radicalmente tutta la mia vacanza

  • 3862 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social