Seychelles: mare e natura!

Viaggio alla scoperta delle strepitose isole

  • di Maria Luana
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 
Annunci Google

Appena rientrati da un bellissimo viaggio alla scoperta delle Seychelles.Il biglietto aereo prenotato a febbraio (perché ovviamente prima si prenota meno di paga) sul sito kayak con la compagnia Ethiopian Airlines, costo € 592 a testa comprese le tasse. Scalo ad Addis Abeba sia all'andata che al ritorno. Non conoscevamo questa compagnia aerea e quindi siamo partiti con le dita incrociate ma ci siamo dovuti subito ricredere! Ottimo cibo (servito in continuazione: prima lo spuntino, dopo un'ora la cena, dopo un'altra ora the, tisane ecc.) e personale di bordo molto cortese. L'unica pecca lo scalo di 4 ore ad Addis Abeba che comunque sono volate in quanto ho passato tutto il tempo a guardare il miscuglio di etnie e culture che c'è in quel aeroporto.

Prime tre notti a Mahé e più precisamente al "The Beach House" di Beau Vallon, una guest house che ha un rapporto qualità prezzo molto interessante: € 75,00 a notte la camera con colazione molto abbondante e uso della cucina. L'alloggio, rispetto agli altri due di cui parlerò in seguito è semplice ma ben tenuto e pulito. La camera dava da un lato sul giardino e dall'altro sul mare e di notte sentivamo le onde! Il bagno enorme con una mega doccia! I gestori sono molto gentile e accoglienti e come detto sopra al mattino ci preparavano sontuose colazioni con piatti di frutta fresca, marmellata fatta da loro, pane tostato, burro, uova, succhi di frutta, the, caffè e latte e dolci preparati in casa. L'isola di mahé è quella che c'è piaciuta di meno, forse per via del tempo ballerino o forse perché bisogna sempre fare attenzione alle maree (quando c'è bassa marea molte spiagge non sono per niente balneabili). Le spiagge più belle che abbiamo visitato sono state Anse Takamaka e Anse Soleil. Bellissima la strada "Sans Souci" che taglia a metà l'isola e che passa nel parco Morne Seychellois dal quale partono diversi sentieri per fare un po' di trekking (e che noi non siamo riusciti a percorrere per via del brutto tempo). Carina anche Victoria, la più piccola capitale del mondo. Pensate, ha solo 24.000 abitanti!!!(Aosta, la mia città ne ha 35.000!!). Durante il giro a Victoria fortunatamente siamo capitati in una festa creola in cui eravamo gli unici "extracomunitari" e durante la quale ci siamo divertiti molto a sentire un concerto di musica creola e a bere birra insieme agli abitanti del posto. Tra parentesi, di turisti sopratutto a Mahé se ne vedono pochissimi perché sono tutti rinchiusi nei resort dai quali non mettono fuori il naso, quindi è normale trovarsi da soli in spiaggia, oppure andare a queste "feste di paese" ed essere gli unici turisti. Sempre a Victoria abbiamo cenato in un ristorante carino e per niente costoso (infatti c'erano molte persone del posto) che si chiama Pirates Arms e che era consigliato dalla guida Lonely Planet. Abbiamo mangiato: insalata di mare, pesce al curry con riso e un'insalatina particolare, un croque monsieur, un martini come aperitivo, due birre e una bottiglia d'acqua e abbiamo pagato l'equivalente di 30 euro. Se capitate a Beau Vallon il mercoledì sera non potete mancare al mercatino creolo sul lungo mare: ci sono tantissime bancarelle, molte delle quali di cibo, in cui si può gustare la cucina creola. Noi per € 7,00 in due abbiamo preso: 2 pesci alla griglia uno con riso al curry e insalata, l'altro con i nuddoles (o come si scrive) e una bottiglia si succo di passion fruit (spettacolare). Poi ci siamo spostati a La Digue prendendo il cat cocos. Catastrofe. Costo 40 euro a testa solo andata per Praslin. Il tempo era brutto, il mare agitato. Il cat cocos è un catamarano che in un'ora percorre i 50 km che separano Mahé da Praslin. Premessa: ho già fatto vacanze in barca a vela e non ho mai patito il mal di mare. Bene, il cat cocos mi ha letteralmente demolita. E non sono stata l'unica, scusate il termine ma c'era gente che vomitava a destra e a sinistra. Anche il mio compagno (il quale ha avuto per tanti anni un catamarano) non è stato molto male. Quindi, piccolo consiglio spassionato: se già sapete di patire cercate di partire col bel tempo (tant'è che al ritorno c'era bel tempo e non siamo stati male)

Annunci Google
  • 8830 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social