Grecia continentale e Peloponneso

Appunti di viaggio Grecia Luglio 2003, giorni 21, km 3350. In moto, Cavalese - Ancona traghetto Minoan per Igoumenitsa, Meteore , Atene e giro completo del Peloponesso..... Fino a Patrasso da dove siamo rientrati in Italia... http://www.mvanzo.it Giugno 2003 : ...

  • di Marco Vanzo
    pubblicato il
  • Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Appunti di viaggio Grecia Luglio 2003, giorni 21, km 3350. In moto, Cavalese - Ancona traghetto Minoan per Igoumenitsa, Meteore , Atene e giro completo del Peloponesso... Fino a Patrasso da dove siamo rientrati in Italia... http://www.Mvanzo.It Giugno 2003 : Siamo indecisi... Francia o Grecia ? Decidiamo per la Grecia, pensando di poter unire cultura svago e mare... Abbiamo 20 giorni disponibili, consultiamo le guide del Touring Club Italiano e Lonely Planet, in internet troviamo alcuni viaggi interessanti, in particolare quello in camper di Sandro Prian visto su taccuinodiviaggio.It/ sulla quale falsariga ricaviamo il nostro itinerario di massima concedendoci un pò di elasticità. Prenotiamo i biglietti del traghetto alla Minoan, ed aspettiamo con ansia la fine del mese per preparare i bagagli Domenica 29/06/03 L' Africa Twin con l'olio filtro e candele nuovi scalpita, le gomme hanno già 1000 km di rodaggio..Prepariamo i bagagli... Abbiamo a disposizione due bauletti GIVI E 41 laterali litri (uno a testa..) comodissimi gli sportelli con la chiusura a combinazione che permette di inserire piccoli oggetti senza dover aprire tutto il bauletto.. + un bauletto GIVI maxia 50 (nel quale condividiamo lo spazio .. ) avanziamo un pò di spazio ..E decido di inserirci il pc portatile... Con Autoroute, mappe e piante, vari articoli, e non ultimo per scaricarci giornalmente le foto dalla digitale. Sul portapacchino del baule sistemiamo uno zaino, che si rivelerà un ottimo plus.. Fissiamo il tutto con la rete elastica , e siamo pronti per partire Lunedì 30/06/2003 Cavalese - Ancona km 501 Partiamo alle 9.00 alla volta di Ancona, che raggiungiamo velocemente via autostrada, facciamo il check-in ritirando i biglietti della Minoan, che avevamo prenotato via internet. Riuscendo a partire in bassa stagione, il costo, è modico, andata per Igoumenitsa, e ritorno da Patrasso in due 144 € + la moto 51 € totale 295 € in sistemazione poltrone "tipo aereo" che non si rileveranno particolarmente comode per dormire, infatti al rientro, ho dormito sul materassino da spiaggia... Questo era il nostro primo viaggio in traghetto, e ne abbiamo subita l'inesperienza, infatti, sulla nave l'uso dell'aria condizionata è massiccia, e noi poco vestiti... Abbiamo sofferto il freddo, per scaldarci...Passeggiate sul ponte...La nave parte in orario alle 17.00, Martedì 01/07 Igoumenitsa - Kalambaka km 220 Arriviamo a Igoumenitsa alle 9.00 dopo 17 ore di tranquilla navigazione. Lasciamo velocemente il porto, in direzione Joannina, verso la destinazione di oggi, Kalambaka ed i monasteri delle Meteore. Facciamo presto conoscenza con le strade Greche, curve, tornanti, continui saliscendi, e traffico di tir turchi con autisti bravissimi, ma spericolati, una goduria per me che guido.. Non altrettanto per Simona, che da passeggera subisce tutto. Passiamo per Metsovo, grazioso paese alpino, raggiungiamo i 1700 metri del passo Katara, per poi ridiscendere dolcemente verso Kalambaca. Le meteore si profilano nella loro maestosità, poco prima di giungere in paese. Ci sistemiamo per la notte, al Hotel Meteora, semplice , ma pulito, a prezzo modico, 30 € a notte con colazione ed aria condizionata.

Mercoledì 02/07 visita ai monasteri di meteora Belle le Meteore... Sono un raro fenomeno geologico, una stranezza della natura, che ha creato queste imponenti rupi chiamate così proprio perché sembrano sospese sulla pianura. Uno spettacolo inimmaginabile tanto è imponente per la sua grandezza e le sue forme; il visitatore guardando questi elementi di pietra viene investito da sentimenti misti di ammirazione e timore. Iniziamo la nostra visita dall'alto, con la "grande meteora / Megalo Meteora" come indica il nome, il più grande dei conventi, visitabile a braccia e gambe coperte ed accessibile con una lunga scalinata, scendiamo di poco verso "Varlaam" il caldo si fà sentire, siamo vicini ai 40. Ancora scale, ma la visita, e la vista ci ripaga.. Proseguiamo verso "Agio Stefanos", comodamente accessibile, e molto simile ai precedenti

  • 7371 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social