La più bella di Gerusalemme

Viaggio in un posto davvero unico al mondo tra storia, popoli e religioni

  • di oriental2008
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 
Annunci Google

Martedì 8 maggio 2012

Johnny:

La partenza per Israele è da Milano Malpensa alle ore 14.45 con volo Meridiana Fly già

Prenotato esattamente tre mesi prima al costo complessivo (2 persone) di € 313,00 solo andata con arrivo a Tel Aviv dopo quasi quattro ore di volo.

All’arrivo all’aeroporto Ben Gurion ci rendiamo subito conto che le procedure doganali sono molto più semplici di quanto avevamo potuto appurare curiosando in rete; dopo una brevissima fila siamo già alla consegna dei passaporti (per Israele non è richiesto visto di ingresso) e non abbiamo neanche bisogno di chiedere la non apposizione del timbro sul passaporto in quanto l’addetto ci consegna a parte un fogliettino chiaro che ci verrà ritirato al varco successivo.

Tempi molto rapidi quindi, nella hall degli arrivi provvediamo al cambio (la valuta israeliana è lo shekel o Nis, 1 euro vale circa 5 Nis). All’uscita ci dirigiamo subito verso il lato destro dove sono parcheggiati gli sherut, pulmini o taxi collettivi che a prezzi contenuti partono verso Tel Aviv o come nel nostro caso Gerusalemme (costo a persona 11 euro circa); si tratta di mezzi di trasporto tutto sommato comodi ed economici, con l’unico inconveniente che si deve aspettare il completo riempimento prima della partenza (comunque non più di dieci minuti).

Il viaggio verso Gerusalemme dura circa una oretta e una volta arrivati lo sherut si ferma in alcuni punti concordati per fare scendere i passeggeri; siamo fra gli ultimi e così abbiamo modo di vedere una zona abitata da ebrei ortodossi con gli uomini vestiti in completo nero con cappelli dello stesso colore a larghe falde e donne con lunghe gonne e capelli raccolti.

Arriviamo poi alla “nostra” fermata , la Porta di Damasco, una delle principali porte di accesso alla città vecchia e area che separa Gerusalemme Est (araba) da quella israeliana. Appena scesi rimaniamo colpiti da quello che vediamo: in una sera tiepida, in mezzo a tante persone, si ergono davanti a noi le Mura di Gerusalemme e per un appassionato di storia come me è certamente un momento particolare.

Proseguiamo costeggiando le mura fino alla Porta di Erode e da lì ci incamminiamo per Salah Eddin Street dove al n. 17 è situato il Capitol Hotel prenotato tramite Booking.com sempre tre mesi prima al prezzo 297 dollari totali per tre pernottamenti più la prima colazione. Si tratta di un albergo spartano ma pulito e tranquillo, con personale alla reception estremamente cortese e disponibile, situato in una posizione eccellente a non più di 5 minuti a piedi dalla citata Porta di Damasco.

Il tempo di lasciare gli zaini in camera e usciamo per cenare; nel frattempo la maggior parte dei negozi ha chiuso, data l’ora, ma camminiamo in tutta tranquillità fino al ristorante Azzahra al n. 13 della omonima via. La cucina è araba, con anche piatti della tradizione palestinese, la location è gradevole, il personale molto premuroso, qualità elevata.

Abbiamo optato per una serie di antipasti e poi per il piatto principale abbiamo scelto il tajine (carne di vario tipo con legumi e riso) veramente squisito accompagnato da pane cotto nel forno e birra per un totale di 40 €.

Una breve passeggiata si conclude con il rientro in albergo.

La più bella:

Se si desidera conoscere Gerusalemme, questa è una tipologia di viaggio che non richiede molti giorni di permanenza. Il nostro pernottamento nel quartiere arabo, per me che ho lavorato come costruttore in paesi mediorientali, ha significato dover utilizzare un abbigliamento “ riguardoso” (uno scialle o una pashmina vi saranno d’aiuto anche per entrare nei luoghi sacri, ma se il caldo dovesse attanagliarvi abbigliatevi come vi pare)

Annunci Google
  • 34765 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social