Dubai e dintorni

Dubai 6/11 - 9/11/2005 Diario di viaggio di Ivan Sgualdini QUESTO RACCONTO E' IL PROSEGUO DI "MALAYSIA (K.L., Tamana Negara, Lankgawi)+Singapore iniziato il 18/10/2005... I protagonisti Ivan, Stefania ed Erika sono in viaggio già da più di 2 settimane! 06/11/2005 ...

  • di Ivanweb
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Dubai 6/11 - 9/11/2005 Diario di viaggio di Ivan Sgualdini QUESTO RACCONTO E' IL PROSEGUO DI "MALAYSIA (K.L., Tamana Negara, Lankgawi)+Singapore iniziato il 18/10/2005... I protagonisti Ivan, Stefania ed Erika sono in viaggio già da più di 2 settimane! 06/11/2005 - Singapore-Dubai. Jumeira Rotana Hotel. Gita ad Abu Dhabi. Attendiamo pazientemente il Boeing 777/300 della Emirates 433, che decolla alle 3.05 per Dubai (DBX). E' una traversata di Km. 5850 per la durata di sette ore e mezza, le quali passiamo per la maggior parte a dormire. Quando scendiamo dall'aereo ci ritroviamo di fronte ad un cantiere: è infatti in corso la costruzione del nuovo terminal. Intanto osserviamo la splendida alba ed il sorgere del sole. Cambiamo qualche soldo in valuta locale (Dirams) e alle sei e mezza del mattino siamo nell'area dei taxi. Ne aspettiamo uno prenotato da internet (come servizio extra richiesto all'hotel), ma non si fa vedere. Così ne prendiamo uno a caso per raggiungere il Jumeira Rotana Hotel, che si trova in zona Bur Dubai, retrostante la famosa spiaggia nella quale sorgono tutti gli hotel più famosi. Tanto per iniziare bene rimaniamo qualche minuto imbottigliati nel traffico intenso, di fronte ad un incidente con un'auto letteralmente scaraventata su un palo oltre il guard rail. Sappiamo che qui si corre molto e la guida è assai spericolata. La corsa viene in tutto 50 dirams. Il Jumeira Rotana Hotel si trova dietro un vicolo parallelo alla strada principale, dove passano poche auto, e quindi risulta abbastanza riparato e silenzioso. Muoversi a piedi è comunque un'impresa ardua da considerare. La facciata esterna è raffinata e luccicante e anche la hall interna è di un certo lusso. Nonostante l'orario mattutino, la nostra stanza n° 225 al 2° piano è già pronta. E' enorme, con due letti matrimoniali, un angolo semi-arredato a cucinotto (ma non ci sono i fornelli) e un bagno spazioso: ha le dimensioni di un appartamento! Incontriamo Felice, il padre di Erika che vive qui ormai da tanti anni. Ci porta a fare un giro per Dubai in auto lungo Jumeira Beach. La città appare un cantiere aperto, dai grattacieli in costruzione alle strade stesse. Raggiungiamo il 'Mercato Italiano', un centro commerciale in stile nostrano con pitture e architetture che ricordano la cara Venezia. Qui consumiamo una veloce colazione da Costa. Proseguiamo per il litorale raggiungendo il Burj Al Arab, l'hotel più famoso della Dubai odierna, considerato il più lussuoso del mondo e l'unico ad essere classificato come un 7 stelle! Lo guardiamo solo un attimo dall’esterno ed usciamo dalla città per raggiungere, dopo un'ora di auto, Abu Dhabi. E' qui che lavora e vive Felice. Venti anni fa questa città in piena espansione era solo un semplice villaggio di capanne. Tutto è nato con i radicali cambiamenti politici ed i nuovi equilibri nel Medio Oriente, che hanno individuato gli Emirati Arabi come un luogo sicuro di incontro tra Oriente e Occidente. Sono arrivati fondi, capitali da investire, e l'economia (soprattutto nel campo dell'edilizia) è cresciuta in maniera esponenziale dando vita ad una espansione senza precedenti. Oggi un appartamento costa un occhio della testa eppure sono tutti venduti ancora prima di essere costruiti. Compresi quelli di extra lusso che sorgeranno a breve nella “grande palma” sul mare di Dubai.

Felice ci porta nella spiaggia dell'Intercontinetal hotel dove, pagando l'ingresso, possiamo usufruire di lettini ed ombrelloni. La spiaggia è bella, raccolta in una piccola caletta protetta da un molo che la abbraccia creando quasi una laguna interna. Il sole è fortissimo come non lo abbiamo mai visto in due settimane di Malaysia... Adesso sì è ora di tirare fuori la protezione solare! Per pranzo stiamo nel ristorante della spiaggia stessa, di una certa classe e stile. E' di forma circolare, con al centro il banco dove scegliere il pesce fresco (e il modo di cucinarlo), la frutta, la verdura e quant'altro. I tavoli sono invece tutto intorno. Facciamo la nostra scelta e ne risulta un pranzo coi fiocchi: servizio e cibo sono ottimi! Trascorriamo tutto il pomeriggio al mare rilassati a prendere la nostra meritata tintarella, e verso le 18.00 andiamo al Marina mall, un altro dei tanti immensi centri commerciali che qui sono molto frequentati e rinomati. Visitiamo vari negozi e padiglioni, tra cui uno sterminato dedicato interamente all'arredamento. Sostiamo ad un bar prendendo un succo frutta e delle crepes alla nutella, poi andiamo a fare una visita all'appartamento di Felice. Infine torniamo stanchissimi alle 22.00 al Jumeira Rotana hotel di Dubai, dopo aver perso un po’ di tempo invano a girare tra innumerevoli deviazioni stradali per lavori in corso. 07/11/2005 - Jumeira Beach Park

  • 3375 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social