Crociera ai Caraibi

Cerchiamo il caldo navigando... località nuove e info utili

  • di Enrico 9
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

VIAGGIO AEREO

Dopo tanti viaggi a lungo raggio per la prima volta voliamo Alitalia. Prima tratta Bologna-Roma, ma a Fiumicino avremo solo 40 minuti per raggiungere il terminal 3 e prendere l’aereo per Miami, quindi in realtà dovremo farcela in pochi minuti; è gennaio, e se l’aereo Bologna – Roma la mattina alle 7 non dovesse partire o partire in ritardo? Alitalia non ci assicura l’attesa per la coincidenza, quindi chiediamo di spostarci il viaggio al giorno prima, ovviamente sobbarcandoci il costo dell’hotel a Roma: ci viene negato, quindi anticipiamo viaggiamo in treno ma il giorno dopo all’imbarco ci dicono che dobbiamo pagare per emettere un nuovo biglietto Roma – Miami (in sostituzione del Bo-Roma-Miami) pagando ulteriori euro 240 a testa; precisiamo che a Miami dovremo imbarcarci su Costa crociere, quindi dobbiamo arrivare in giornata negli Stati Uniti; sono le 7,30 del mattino, tratta telefonicamente la nostra agenzia, ma all’imbarco abbiamo problemi per disguido Alitalia: si chiarisce tutto all’ultimo momento. Ho fatto il tifo, anni fa, che Alitalia si salvasse perché ritenevo importante vedere nel mondo aerei col tricolore sulla coda, ma occorre maggior rispetto per i clienti. Quindi freccia argento a 19 euro a testa ( fortunati ), poi treno Termini-Fiumicino (14 euro), quindi navetta dell’hotel Golden Tulip 4 stelle, 6 euro, che ci concede camera con pagamento anticipato a 66 euro con piccola colazione (l’Hilton all’interno dell’aeroporto, finite le promozioni ci chiede 180 euro). Quindi controllare bene i passaporti, ricordare di preparare il documento Esta e comprare i lucchetti Tsa, indispensabili per i controlli in Usa ed attenzione alle regole del vettore. Arriviamo con leggero ritardo a Miami, credo siamo privilegiati come clienti Costa che lasciamo in giornata gli Stati uniti e non ci applicano severi controlli. Miami si presenta con strade a 5-6 corsie, parecchio traffico, grandi costruzioni e 27 gradi. La sera dal ponte della nave in porto è uno spettacolo ammirare lo skyline illuminato formato dai vari grattacieli. La sirena di partenza della Mediterranea suona poco dopo le 21. Visiteremo Miami l’ultimo giorno.

NASSAU: New Providence (Bahamas)

Le prime notizie su quest’isola ci arrivano con gli sbarchi degli spagnoli, vi passò anche Cristoforo Colombo, ma a lasciare un’impronta importante fù la comunità inglese dei luterani. I traffici commerciali dell’isola attirarono i pirati e famose sono le scorrerie di Barbanera e Morgan. La seconda guerra mondiale pose fine ad un lungo periodo di ricchi traffici ed a ridare forza all’isola fù il turismo. Aderente al Commonwealth dal 1969, Bahamas è indipendente dal 1973. Il porto della capitale Nassau veste grande importanza e tanti sono gli yacht e le navi da crociera che passano da qui. Dunque: guida a sinistra, parecchio traffico ed un inglese caraibico. Da non perdere l’entrata in porto, in evidenza il faro e una striscia di terra con ville porticcioli e palme. Decidiamo di scendere individualmente e mentre raggiungiamo l’uscita dal terminal lasciando Prince George Wharf vediamo in lontananza il grande hotel Atlantic, famoso per l’acquario, il parco atlantico e il delfinario: per molti un sogno che diventa realtà. Altre 3 grandi navi da crociera sono in porto. Notiamo subito il gradevole stile coloniale inglese in cui è costruita la città. Dapprima visitiamo alcuni luoghi del centro, come Rawson square e Parliament square quindi prendendo per la principale Bay street raggiungiamo prima la cattedrale Christ Church nei pressi anche il museo dei pirati. Durante il tragitto innumerevoli negozi anche di marche e di lusso che vendono gioielli in genere (oro, diamanti, ed orologi altre pietre preziose e liquori duty free). Nella stessa zona del centro anche un grande mercato coperto con vari souvenir e artigianato di ogni genere. Proseguiamo incontrando la bellissima costruzione dell’hotel Hilton e tenendo la destra raggiungiamo una piccola spiaggia corallina, nulla di eccezionale, ma possibilità di prendere il sole su una sabbia bianca, affittare sdrai e ombrelloni o consumare una bibita o un cocco nei vari chioschi: il tutto condito da musica del luogo. Ci sono 27 gradi, ma qualche nuvolone porta una fresca arietta. Rimaniamo solo un paio d’ore, passiamo a vedere la chiesa greco-ortodossa, molto carina, quindi dedichiamo un’oretta a piccoli acquisti nel suddetto mercato coperto. Ritornando verso il porto vediamo anche la residenza abitata dalla Regina quando viene alle Bahamas e la celebre scalinata con davanti la statua di Colombo nonché le belle case coloniali già menzionate. Rientriamo alle 14. Chi vuole fare un’ escursione Costa può vedere più approfonditamente i luoghi frequentati dai pirati oppure praticare snorkeling uscendo in mare col catamarano. Il pomeriggio lo passiamo visitando la nave e godendo del bel panorama dal ponte con piscina. Giornata sicuramente positiva e gradevole, che termina con ottima cena su cui spicca un delizioso filetto di pesce spada

  • 29354 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. cruiser65
    , 8/10/2013 10:39
    Complimenti per il diario di viaggio, Caraibi e crociere sempre graditi!!! Noi partiamo giorno 24 novembre con Celebrity Cruises, da Civitavecchia sino a Miami e Messico, fateci un pensierino, siamo di Rimini!!

    A presto Beppe.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social