Ritorno in Cina

Dopo aver visitato la Cina nel 1998 con un viaggio organizzato, quest'anno mio fratello ed io abbiamo deciso di ritornare in questo meraviglioso Paese in modo completamente autonomo, avendo in tasca solo il biglietto di andata e ritorno. Nonostante tutti ...

  • di Fanny Riccò
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Dopo aver visitato la Cina nel 1998 con un viaggio organizzato, quest'anno mio fratello ed io abbiamo deciso di ritornare in questo meraviglioso Paese in modo completamente autonomo, avendo in tasca solo il biglietto di andata e ritorno.

Nonostante tutti ci sconsigliassero di partire da soli senza sapere - ovviamente - una parola di cinese, il 19 agosto abbiamo preso il nostro bravo volo di linea Swiss alla volta di Hong Kong. Le città visitate durante il nostro viaggio sono state: Hong Kong, Guanzhou, Guilin, Yangshuo, Zhengzhou (per vedere Shaolin), Luoyang e Pechino.

Non ho intenzione di descrivere il modo dettagliato le visite e i monumenti che abbiamo visitato. Noi abbiamo più o meno seguito una guida ben fatta per viaggiatori autonomi che si è rivelata molto utile.

Quello che vorrei fare è dare qualche consiglio a chi vuole andare in Cina senza alcuna guida o aiuto come abbiamo fatto noi (ed è stata la prima volta).

Per quanto riguarda la scelta degli hotel, noi abbiamo fatto tutto tramite internet e tutto si è svolto senza alcun problema. Per quanto riguarda Hong Kong, la scelta è caduta sull'Evergreen Hotel dove, per circa 27 euro a testa si aveva pernottamento, prima colazione, uso illimitato di internet e della lavanderia (con possibilità di usare lavatrice ed asciugabiancheria). Le camere non sono molto grandi (noi abbiamo scelto le più economiche), ma è in posizione comoda, proprio dietro il mercato notturno di Temple Street (che consiglio di visitare). Per quanto riguarda gli altri hotel, sempre su internet ho trovato un sito (wwww.Sinohotel.Com) che illustra alberghi da due a quattro stelle nelle città cinesi più importanti. Basta scegliere quello che si preferisce e confermare con un e-mail. Io scrivevo ad un certo Harrison per confermare la nostra successiva tappa. Quando arrivavamo in hotel mostravamo i nostri passaporti alla reception e questo era tutto. Non abbiamo mai dovuto inserire il numero di carta di credito sulla rete ed io ho trovato questo estremamente pratico. Per quanto riguarda i prezzi siamo andati da circa 7 euro per Yangshuo ai 27 di Hong Kong, con una medi di circa 15-20 euro a notte (non sempres era prevista la colazione). Un consiglio: scaricate da questo sito l'indirizzo dell'hotel in cinese. E' l'unico modo pre non avere problemi con i taxisti, visto che nessuno di quelli che noi abbiamo incontrato conosceva l'inglese.

Anche per i trasporti tutto è filato liscio. Ad Hong Kong abbiamo preso un autobus che dall'aeroporto porta a Kowloon spendendo circa 3,5 euro e per muoversi in città abbiamo usato gli autobus, l'efficientissaima metropolitana ed il ferry (si può andare tranquillamente sul ponte inferiore, dato che non abbiamo trovato differenze rilevanti con quello superiore leggermente più caro). Anche per andare all'isola di Lantau si prende comodamente una barca dal molo di Hong Kong e una volta arrivati, un autobus porta al grande Buddha di Po Lin per circa 2 euro. Sempre da soli siamo poi arrivati alla frontiera di Shenzen (in treno) che abbiamo attraversato senza problemi. A Shenzen abbiamo preso un treno che ci ha portato a Canton, dove abbiamo pernottato al Lido Hotel (circa 17 euro). Noi non abbiamo particolarmente apprezzato questa città, anzi è forse quella che abbiamo gradito meno di tutto il viaggio. Comunque abbiamo passato là due notti e poi siamo partiti alla volta di Guilin in treno. Qui abbiamo dovuto chiedere l'aiuto del personale dell'hotel che ci ha prenotato le cuccette di seconda classe. Ancora adesso ho la convinzione che i prezzi siano lievitati per noi, ma non avevamo altra scelta se volevamo proseguire! Comunque abbiamo viaggiato in treno da Canton a Guilin e poi da Luoyang a Pechino, sempre in cuccetta di seconda classe spendendo circa 25 euro a tratta

  • 778 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social