Cambogia forever..

La Cambogia ha un non so che di magico e disorientante, con il potere di affascinare chiunque si avventuri in questo piccolo regno. E’ un paese che ammalia e sconvolge,suscitando emozioni intense e contrastanti. Si scende nel mondo degli dei ...

  • di simoroby
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

La scelta di questo viaggio è la voglia di allontanarci dalla nostra cultura e di recarci in posti il meno possibile frequentati dal turismo occidentale; cercavamo un luogo interessante per storia, natura, gente, avventura e perché no...anche per il cibo. Pensavamo che la Cambogia soddisfacesse tutti questi requisiti, e abbiamo visto giusto! Dopo aver ignorato le persone che commentavano in modo superficiale la nostra scelta, con frasi del tipo: "cosa andate a fare in Cambogia", siamo partiti, con lo stretto necessario per un viaggio di due settimane. La Cambogia ha un non so che di magico e disorientante, con il potere di affascinare chiunque si avventuri in questo piccolo regno. E’ un paese che ammalia e sconvolge,suscitando emozioni intense e contrastanti. Si scende nel mondo degli dei ad Angkor Watt, il tempio di tutti i templi, una spettacolare fusione di simbolismo,simmetria e spiritualità. Si sprofonda nell’abisso dell’inferno a Tuol Sleng dove ci si rende conto di cos’è la macchina della morte creata dai khmer rossi. Benvenuti in quell’enigma che è la Cambogia: un paese dalla storia affascinante e terribile, un luogo contaminato da orrori così recenti da dover fare ancora i conti con il proprio passato prima di pensare al futuro.

9 Novembre 2009

Aeroporto di Genova, pronti alla partenza, Simo, Roby, Maura, Giò, Nadia e Josefa tutti consapevoli di quello che ci aspettava (16 ore di volo ) ma con una gran gioia nel cuore, scalo a Roma, successivamente a Kuala Lumpur ed infine destinazione Phnom Penh. Le tante ore passate in aereo non tolgono l'emozione al momento di atterrare all'aeroporto di Phnom Penh. Per $20 si può ottenere il visto all'arrivo, sperimentando subito come la macchina burocratica cambogiana non abbia nulla da invidiare a quella italiana...Una schiera di circa 20 funzionari doganali, pagati non più di $100 al mese, si passano il passaporto l'uno con l'altro. Ognuno ha le sue funzioni ben precise: uno ti dice il prezzo, l'altro sfoglia il documento .Il seguente cerca la pagina vuota, uno mette il timbro e l'atro lo firma...e cosi via per 10 minuti... Troviamo ad attenderci all’uscita Socheat, guida dell’ Ascolotus, quest’ultimo un giovane cambogiano fantastico e molto preparato il quale ci accompagnerà per quasi tutto il tour ad eccezione di Angkor Watt. Oggi giornata libera per riposarci un pochino dopo il lungo viaggio,veniamo accompagnati al nostro Hotel il “Goldiana” e dopo un tuffo in piscina per rinfrescarci, eccoci pronti per primo approccio alla città di Phnom Penh. Il primo impatto è quello di trovare una città in evoluzione il cui profilo di stampo classico sta cambiando forse per sempre, per effetto di nuovi e imponenti investimenti. La città è adornata a festa, oggi si festeggia la giornata dell’Indipendenza, una volta visto l’omonimo monumento, ci ritroviamo a girovagare per le vie affollate di persone e tuk tuk alla ricerca del Mekong dove ci siamo prefissati di arrivare prima del tramonto, per una breve uscita in barca. Troviamo l’imbarcadero, e dopo aver trattato con un gentile personaggio locale ci ritroviamo a bordo di una caratteristica imbarcazione e sorseggiare una meravigliosa birra Angkor… è giunta l’ora del tramonto, le guglie del palazzo reale sembrano scintillare, un momento indimenticabile. Tornati sulla terra ferma assistiamo ad uno spettacolo di fuochi d’artificio che concludono questa giornata di festeggiamenti per i cambogiani. Torniamo in hotel, ad attenderci una succulenta cena a base di noodles fantastici, peccato che fossimo ridotti allo stremo delle forze e dopo cena immediatamente a dormire

  • 11247 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social