Wildlife in botswana e zimbabwe

Cari amici turistipercasisti, ecco la cronaca della mia quinta “recidiva” africana consistita in un safari camping di 16 giorni attraverso i parchi del botswana e dello zimbabwe. Siamo partiti da johannesburg a meta’ ottobre in 4 (io, il mio ragazzo ...

  • di topis
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Cari amici turistipercasisti, ecco la cronaca della mia quinta “recidiva” africana consistita in un safari camping di 16 giorni attraverso i parchi del botswana e dello zimbabwe.

Siamo partiti da johannesburg a meta’ ottobre in 4 (io, il mio ragazzo simone, jean e luisa, due valdostani simpaticissimi), tutti quanti letteralmente “patiti” di natura ed animali.

Il tragitto (circa 5000 km) e’ stato percorso con un pick up toyota 4x4 superaccessoriato con tende fisse sul tetto, cisterna d’acqua e frigobar pieno di birre ed ogni bendidio mangereccio per garantire perfetta autonomia.

Prima tappa, la deception valley della central kalahari game reserve in cui abbiamo soggiornato due notti in piccole piazzole “unifamiliari” rispettose dell’ambiente circostante, al punto che le docce, per cosi’ dire, consistevano in secchi d’acqua piovana ovviamente funzionanti soltanto in caso di pioggia e cioe’...Mai!! L’occhio vigile della sottoscritta, e, perche’ no, uno sfacciato “fattore c” di cui tanto si parla, ci hanno regalato - gia’ sotto il sole infuocato del primo tramonto - lo spettacolo di 4 leopardi che, quatti quatti, partivano a caccia, dopo aver scorto in lontananza una processione di impala; purtroppo l’erba alta e ingiallita del kalahari si e’ presto inghiottita i quattro gattoni, che tuttavia si sono prestati ai nostri flash regalandoci sensazioni uniche.

All’orizzonte, 4 leonesse sonnecchiano sotto un albero e le stesse si rivedno nello stesso punto la mattina seguente, evidentemente mentre digeriscono qualche bocconcione un po’ indigesto.

Non soddisfatti dei leoni, proseguiamo la nostra caccia il giorno dopo, e, sempre al tramonto, un bel maschione dalla criniera nera (tipica caratteristica dei leoni del kalahari) si sottopone indifferente alle ripetute fucilate dei nostri obiettivi, da una distanza di 20 metri: come inizio niente male, al punto che la circostanza impone un bicchierino di champagne sul tetto del pick up... L’avventura procede a nord ovest nel parco moremi che si snoda in buona parte sul delta del fiume okavango, noto come “il fiume che non trova il mare” per il fatto che le sue acque, attraverso un labirinto di canali, lagune ed isolette, vengono assorbite dalla sabbia del kalahari; una fortuna, questa, perche’ e’ possibile effettuare (ed ovviamente non ce la siamo persa) una navigazione in barca a caccia di coccodrilli ed ippopotami che fanno capolino tra le ninfee, tra uno sbuffo e l‘altro contro gli intrusi.

Anche nel moremi wild camping per momenti indimenticabili: cosa c’e’ di meglio di un toast alla nutella all’alba o di un risotto mantecato al castelmagno sotto il tramonto africano, tra gli occhietti furtivi delle iene ed i versi dei leoni ansimanti? Senza poi parlare dei topini elefante (per la piccola proboscide sul musetto) che corrono sotto il tavolino a rubare le briciole, o degli uccellini multicolor (stupenda la coppia di gufetti perlati che ci spiavano dal tronco degli alberi) che inscenavano risse per strapparsi l’ultimo biscotto casualmente (...) caduto dalle nostre mani! La mattina seguente, in direzione parco chobe, la fortuna ci assiste di nuovo: guidati da uno stormo di avvoltoi appollaiati su un albero “fulminato”, scorgiamo 4 leonesse con altrettanti cuccioli ancora striati che spolpano nervosamente un bufalo, suscitando le ire di coyotes, maribu’ ed avvoltoi che debbono attendere gli avanzi per non entrare a far parte del menu’ sotto la voce “contorno”! Purtroppo la notizia si diffonde via radio e presto giungono fuoristrada colmi di turisti vocianti che rovinano la magia del momento; si’, dico questo perche’ le sgommate delle auto ed i continui accendi/spegni dei motori meglio si addicono alle piste di formula uno: e’ triste constatare che il concetto di “safari” coincida per i piu’ nella foto “mordi e fuggi” da esibire al ritorno a casa, senza minimamente provare ad interagire, almeno una volta come pazienti osservatori, con la natura circostante

  • 830 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social