La Bolivia ti lascia senza fiato

Tour della Bolivia "fai da te". (21 gg)

  • di raul51
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 
Annunci Google

Se siete amanti dei viaggi, dei contesti naturali ed umani ancora integri, degli scenari naturali spettacolari, se volete davvero per un pò “girare pagina” e siete disponibili ad un pizzico di avventura e di sacrificio, la Bolivia non può mancare tra le vostre esperienze! Settembre 2010, finalmente dopo tanti dubbi e timori (vedi sotto al primo punto “difficoltà”) si parte: destinazione Bolivia! Siamo in 4, 2 uomini e 2 donne, non proprio giovanissimi e, come al solito, è un viaggio “fai da te” con solo i voli aerei A/R e la prima notte prenotati.

Durata del viaggio: 21 gg (14/9 – 4/10/2010) con partenza e ritorno a Milano Malpensa.L’itinerario ha seguito il percorso quasi classico, tralasciando la parte amazzonica, un po’ per problemi di tempo e un po’ per scarsa voglia di ripetere la profilassi antimalarica fatta un po’ troppo spesso ultimamente: La Paz – Sucre – Potosi – Tupiza – Tour altopiano andino e Salar de Uyuni – Uyuni – lago Titicaca – La Paz

Prima di passare alla descrizione del viaggio alcune considerazioni di carattere generale.

Difficoltà:

- Svolgendosi il viaggio prevalentemente tra i 3500 ed i 5000 metri di altitudine ci possono essere problemi di adattamento dovuti alla carenza di ossigeno nell’aria e questo può causare il mal d’altura, il famoso soroche. Purtroppo arrivando a La Paz dall’Europa si salta un consigliabile percorso graduale di acclimatamento in quanto l’aeroporto di El Alto già si trova a 4050 m sul livello del mare. E’ normale sentirsi mancare il respiro non appena si accelera il passo o si affronta una salita ed avere il battito cardiaco accelerato almeno per i primi giorni. A volte si può avere un po’ di mal di testa risolvibile di solito con un’aspirina o con il famoso mate (tisana) di foglie di coca diffusissimo ovunque. Se proprio ci si sente male esistono le soroche pills che si vendono in tutte le farmacie, a base di acetazolamide (da noi il Diamox), che si dice siano miracolose .. Ma noi non le abbiamo provate. In ogni caso i consigli standard sono: niente alcol, niente fumo e pasti leggeri. Anzi per dirla “alla boliviana” le regole d’oro sono: comer poquito, camminar lentìto, tomar coquita,.. Dormir solìto! (dove coquitas sono le foglie di coca). Ovviamente nel caso la situazione degeneri il consiglio migliore è scendere di quota (cosa peraltro non sempre banalissima!) anche perchè, almeno a leggere su internet, sembra che i rischi che si possono correre siano anche seri: edema polmonare o cerebrale! … credo però che siano eventualità molto rare.

- Gli hotel di livello medio-basso spesso non sono dotati di riscaldamento ma, almeno in questo periodo (sett/ott) e ad esclusione delle zone dell’altopiano andino, questo non è un problema.

- Il tour dell’altopiano e dei salares si svolge a bordo di una jeep con autista e cuoca a bordo. Durante i 4 o 5 gg del tour si pranza dove capita in stile picnic e si dorme in “hostal muy basici”, vale a dire rifugi di montagna con letti spartani in camerata, energia elettrica dalle 19 alle 21 e assenza totale di riscaldamento (nel periodo luglio-agosto la temperatura di notte scende spesso a – 20 C e anche oltre!).

Pregi:

- La zona dell’altopiano e dei salares, è.. Semplicemente stupenda!

- La gente ovunque, anche a la Paz, veste ancora i bei costumi tradizionali molto caratteristici e variopinti, in modo particolare le donne con le loro coloratissime polleras (gonne) e la tipica bombetta (inclinata se single, diritta se sposate).

- Il costo della vita è estremamente basso, questo ovviamente rende molto più facile affrontare le inevitabili difficoltà ed i contrattempi di un viaggio improvvisato ed autogestito. Tenendosi su livelli medi di ristoranti ed hotel, si pranza con 4 o 5 euro e si pagano circa 10 - 15 euro a persona in camera doppia dotata di servizi ed un buon livello di pulizia, prima colazione inclusa

Annunci Google
  • 26579 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social