Bolivia: sogno o son desto?

...segue da: Nord del Cile e Bolivia: sogno o son desto? parte1 BOLIVIA LA PAZ: capitale della Bolivia, dominata dall’Illimani, La Paz si è sviluppata in un canyon enorme. Città in movimento con mercatini vari popolati dalle donne che indossano ...

  • di Dioniso
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

...Segue da: Nord del Cile e Bolivia: sogno o son desto? parte1

BOLIVIA

LA PAZ: capitale della Bolivia, dominata dall’Illimani, La Paz si è sviluppata in un canyon enorme. Città in movimento con mercatini vari popolati dalle donne che indossano i loro abiti tradizionali, gonne a ruota, cappello a bombetta, e la stuoia coloratissima usata come zaino per trasportare la loro merce. A La Paz si possono prenotare varie escursioni tra cui quelle relative all’Amazzonia.

AMAZZONIA: tour 4 giorni (3 pampa+1 selva): Solitamente i tour comprendono 3 giorni di Pampa, dove si ha la possibilità di vedere molti animali e 3 giorni di Selva dove si ha la possibilità di vedere una ricca vegetazione (alberi alti più di 40m, piante medicinali ecc..). Molto suggestivo il volo su un aeroplanino ad elica che nel giro di un’ora porta dal freddo pungente di La Paz al caldo torrido dell’Amazzonia, a Rurrenabaque per la precisione.

RURRENABAQUE: punto di partenza per i vari tour, è un agglomerato di pochi alberghi e punti di ristoro.

PAMPA: a circa tre ore di fuori strada si giunge a Santa Rosa, località dalla quale si comincia il tour via fiume su una canoa. Alligatori e caimani sostano immobili con l’enorme bocca aperta per prendere calore sui lati del rio Yacuma. Decine di tartarughe sui rami secchi che spuntano dal fiume. Allegre scimmiette che urlano sugli alberi e poi ancora capibara, uccelli dalle specie più diverse e splendidi delfini rosa allietano la vista degli “esploratori”. Nonostante la presenza dei pirana e degli alligatori si può provare l’ebbrezza di fare un bagno nel fiume. Noi lo abbiamo fatto. La presenza dei delfini inibisce quella degli alligatori e l’assenza di ferite rende innocua la presenza dei pirana.

SELVA: siamo ritornati a Rurrenabaque e ripartiti per il tour di un giorno, più che sufficiente per avere un’idea della foresta con la sua fitta vegetazione.

SUCRE: 14 ore di bus separano La Paz da quella che era la ex capitale boliviana. Cittadina molto carina dalle costruzioni bianche con decori in stile tipicamente coloniale.

POTOSI’: famosa per la miniera d'argento, è una delle città considerate tra le più alte del mondo (3.967m). Sorge presso il Cerro Rico (montagna ricca) che la sovrasta. Le miniere d'argento del Cerro Rico sono una delle poche risorse della popolazione, ma sono molte le vittime di tale lavoro fango, polvere gas tossici, temperature elevate e le condizioni di estrema insicurezza, hanno causato la morte di migliaia di persone (silicosi polmonare).. Visitare tali miniere, è un’esperienza molto forte in quanto si vedono le condizioni di totale insicurezza cui la gente è costretta a lavorare. È buona usanza portare delle foglie di coca o delle bevande alcoliche a queste persone per alleviare la fame e la stanchezza. Il Cerro Rico vede anche la presenza di numerosi bambini lavoratori, chiamati niños mineros.

TUPIZA (hotel Anexo Mitru): paesaggio estremamente differente rispetto a quelli precedenti. Canyon, rocce deformate dall’erosione della pioggia e del vento hanno dato vita a forme fantastiche e dai colori più variegati. Qui i banditi Sundance Kid e Butch Cassidi rapinarono Huaca Huanusca e vennero catturati e fatti fuori a San Vincente. Da Tupiza partono diverse escursioni. Noi abbiamo scelto il Thriatlon: una giornata all’insegna dello sport. Si parte con un percorso in jeep per poi continuare in mountain bike e poi concludere con una bella cavalcata come essere in un film di Sergio Leone.

LAGUNE E SALAR DI UYUNI: 6 ore di viaggio in una jeep adibita a pulmino ci portano ad Uyuni. Gelida cittadina da cui si parte per il tour che conduce attraverso i meravigliosi paesaggi andini cosparsi da lagune dagli splendidi colori (verde e colorada) su cui passeggiano eleganti i fenicotteri rosa. I paesaggi desertici punteggiati da particolari formazioni create dalle colate laviche (la più popolare è l’albero di pietra) deserti di sabbia, sino al bianco accecante del salar, 200 km quadrati di distesa di sale. Geyser e pozze d’acqua termale dove con gran coraggio ci si può spogliare e fare il bagno.

Le tappe da non perdere • Pampa amazzonica • Tupiza • Lagune e Salar di Uyuni

Consigli

Il periodo ideale Sicuramente l’inverno (da maggio a ottobre) quando le giornate sono limpide e asciutte. L’estate (da novembre ad aprile) è la stagione delle piogge e i trasporti via terra possono diventare sempre più difficili

  • 17577 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social