Ritorno in Alsazia

Per chi vuole concedersi un weekend tra borghi medievali e nobili vigneti

  • di Gloria Bressan
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Un weekend in Alsazia è quel che serve per spezzare la monotonia dei soliti luoghi invasi da un turismo globalizzato e preconfezionato. Ritorniamo in Alsazia in pieno agosto dopo aver effettuato una toccata e fuga in primavera ed esserci innamorati dei luoghi visti frettolosamente. Le colline e le vigne si raggiungono velocemente in mezzora dal confine svizzero di Basilea. La prima tappa che vogliamo scoprire è Eguisheim, uno dei villaggi piu’ belli di Francia e premiato numerose volte come più bel borgo fiorito d’Europa.Il parcheggio per l’auto è subito all’inizio del paese, costa solo 2 euro al giorno ed è vicino al centro: i paesini dell’Alsazia sono molto piccoli e non ci sono problemi di traffico, di parcheggi e di mezzi di trasporto per visitare i borghi. A Eguisheim in pochi minuti si raggiunge la strada del cammino di ronda e si è catapultati direttamente nel medioevo .Ci sono solo i cavi elettrici ,qualche lampione e a volte il sonoro di un televisore che arriva dalle persiane colorate di piccole finestre bordate di gerani e petunie che ricordano di non essere nel 1500. Le vie del borgo sono circolari e l’atmosfera ,i colori e la luce che penetra percorrendone le strade è davvero ineguagliabile .Per saziare l’appetito dopo essersi lustrati gli occhi non c’è di meglio che un godurioso bretzel con emmentaler e lardo venduto da una tipica bancarella per poco piu’ di un euro.

Una buona guida sulla storia del ducato di Eguisheim sprona la fantasia ad immaginare i personaggi di epoche passate che attraversavano e sostavano nei vicoli .Per chi non vuole abbandonare la magica atmosfera medievale gli affittacamere (chambre à louer)sono ovunque per modiche cifre (dai 30 ai 60 euro per una doppia).La calura estiva ci fa rinunciare ad un percorso tra i filari che viene organizzato in estate dai viticoltori tutti i giorni alle 15,30 e che finisce con una degustazione. Cerchiamo un po’ di fresco e imbocchiamo la route des cinq chateaux che ci porta direttamente nella foresta della catena montuosa dei Vosgi che domina la pianura e i vigneti sottostanti :lasciando l’auto nelle piazzole e salendo a piedi per una decina di minuti nella frescura del bosco si possono visitare gratuitamente i resti dei 3 imponenti torrioni dei duchi di Eguisheim.Il panorama è spettacolare e interessante la leggenda per cui nel 1500 i torrioni furono distrutti dalle casate concorrenti prendendo come scusa il licenziamento di un mugnaio di un feudo limitrofo! Il Castello successivo invece è chiuso al pubblico per restauri fino alla primavera del 2013.

Proseguiamo con l’auto per la strada nel bosco e scendiamo verso la Route des vins attraverso i vigneti oltrepassando Colmar che avevamo già visitato mesi fa ma che è stata un po’ deludente avendo un’impronta cittadina e mancando di quell’atmosfera tipica dei piccoli borghi dove non si trovano grandi magazzini e famose catene di abbigliamento che hanno invaso ormai tutte le piccole e medie città favorendo la globalizzazione.

Arriviamo a Turckheim in un giorno di festa (18 agosto) in cui la gran parte dei paesani si vestono in stile medievale e festeggiano lungo la strada principale del borgo gremita di bancarelle con prodotti tipici.

Sappiamo che solo spostandoci in un altro paese eviteremo la ressa della festa e così ci dirigiamo ad Ammerschwihr uno dei paesini più piccoli e tranquilli (ma con nobilissime origini Romane)della zona. I vigneti circondano il borgo ,la luce del tardo pomeriggio regala un’atmosfera particolare e rilassante. In primavera avevamo scoperto la coppia di cicogne che stavano facendo il nido sulla vecchia torre: Baldassarre e Margherita tornavano ogni anno a nidificare dal 1988 facendosi adottare dai paesani.Il nido è vuoto ma vediamo in volo numerose cicogne ma vogliamo immaginare che fossero loro a sorvolare i tetti aguzzi e le verdi colline

  • 5219 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social