Tre giorni a Praga

Tra una birra e un po' di cultura

Diario letto 1033 volte

  • di Elena1083
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Presa dall'entusiasmo prenoto un biglietto a/r per Praga. Prenotato con la compagnia Easyjet con la quale non ho mai avuto problemi. Partita il 26/10/19 alle 07.15 da Venezia Marco Polo e arrivata a Praga alle 08.40. Ho prelevato pochi contanti giusto per prendere confidenza anche con la moneta locale. Subito fuori dall'aeroporto ho preso il bus che mi avrebbe portato in centro all’hotel. Abbastanza vicina al cento mi muoverò a piedi per i prossimi 2 gg. Dopo aver lasciato il trolley al deposito bagagli dell’albergo e con cartina alla mano e il mio inglese maccheronico inizio a girare per arrivare al centro. Una bella giornata di sole che mi ha fatto vedere l’orologio astronomico in tutta la sua bellezza con i rintocchi. Moltissima gente che si perde subito dopo lo scoccare dell’ora. Immancabile e da provare la birra fresca in piazza rigorosamente media e dove vendono anche il prosciutto tipico.

Dopo la pausa rinfrescante decido di andare a vedere il Ponte Carlo. Anche qui si trova molta gente e molti turisti intenti a fotografare le varie statue presenti sul camminamento. Ci sono anche delle belle bacherelle di artisti e artigiani, si può trovare dai dipinti alle caricature, alle creazioni di orecchini, collane, bracciali e all’artigianato. Mi è piaciuto molto ed è sfuggito un primo acquisto!

Prossima tappa il quartiere ebraico con la sinagoga spagnola e il muro di Lennon. Per mia sfortuna erano chiusi entrambi per lavori di ristrutturazione e così con un po' di delusione mi sono ritrovata a rivoluzionare il mio itinerario. Tornando sul Ponte Carlo ad una delle estremità si incontra la cattedrale di San Nicola. E’ la chiesa barocca più importante di Praga, ingresso a 100 ck più o meno € 3,70.Consiglio di visitarla.

La domenica sono andata a vedere la torre delle polveri e i cristalli di Boemia. A dir poco meravigliosi. Poi mi sono recata a vedere Piazza Venceslao che ti accoglie nel suo viale con una passeggiata fino ad arrivare in fondo alla statua equestre di San Venceslao.

Lunedì ultimo giorno di questa mini vacanza boema la dedico a visitare il castello di Praga. Sono arrivata con il tram 22 e a pochi metri c’è l’ingresso. Si possono scegliere 3 percorsi con costi diversi,io ho scelto il B 250 ck circa 10,00€ che comprendeva la basilica di S.Giorgio, la cattedrale di San Vito e il Vicolo d’oro.

È tutto segnato bene è difficile perdersi. Da prendere con calma perché è la visita che prenderà più tempo di tutte. Al vicolo d’oro oltre a vedere le varie casette piccole e arredate come un tempo degli alchimisti c’è anche una bella esposizione di scudi, spade, e armature da poter visitare. Alla fine della visita vado a prendere il bagaglio e mi avvio verso l'aeroporto, con gli occhi colmi di meraviglie e conoscenza. Raggiungo l'aeroporto e torno a casa stanca ma felice. Ogni viaggio è felicità.

  • 1033 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social