Moena, la perla delle Dolomiti

Vacanza con la famiglia in Val di Fassa
 
Partenza il: 25/07/2015
Ritorno il: 01/08/2015
Viaggiatori: 4
Spesa: 500 €

Amo molto la montagna, conosco bene il trentino ma la val di Fassa l’avevo solo visitata e da tanto volevo fare un soggiorno; abbiamo scelto come base Moena, definita “perla delle dolomiti”. La val di Fassa offre, oltre a panorami ed escursioni uniche al mondo, una notevole attenzione per il turista.

Moena è veramente graziosa, è un centro molto carino si trova ogni genere di negozio ed è piena di vita. Il centro è zona a traffico limitato(ztl), cosa che abbiamo apprezzato molto. L’albergo in cui abbiamo soggiornato si trova fuori dalla ztl che è raggiungibile in 5 minuti di piacevole passeggiata. Da segnalare il Conad sulla piazza principale: preparano al momento ottimi panini a un prezzo adeguato e sono gentilissimi, per i dolci o per una pausa caffè segnalo il panificio Zanoner (vicino alle poste).

Al momento di scegliere l’hotel o la sistemazione consiglio di verificare la posizione rispetto alla ztl e che la struttura sia associata all’azienda del turismo per la val di Fassa, in tale modo potrà rilasciare la Fassa card che è molto utile per partecipare ad alcune iniziative o per usufruire di sconti.

Sabato 25 sistemati i bagagli e preso possesso della stanza d’albergo abbiamo visitato un pochino il paesino, pranzato e nel pomeriggio fatto un salto all’apt, cosa che consiglio, perché sono molto disponibili, ci hanno consigliato passeggiate e escursioni, consegnato cartine e mappe (gratuite) e dato informazioni sulla panorama pass, la carta per gli impianti.

Domenica 26 escursione. Passo san pellegrino, acquistiamo le panorama pass (nel nostro caso la formula 3 gg su 6 con riduzione per i bambini perché hanno meno di 16 anni) usufruendo dello sconto Fassa card e via su con la funivia verso Col Margherita (2513 mt)dove ci attende un panorama mozzafiato tra cui spiccano quelle che sono le mie montagne preferite: le Pale di san Martino. Camminata fino al laghetto artificiale, pranzo al sacco, salita di nuovo per ammirare il paesaggio e discesa con funivia. Nel pomeriggio, sempre da passo San pellegrino, saliamo sulla seggiovia Costabella e facciamo una escursione in quota, purtroppo un po’ stanchi e stretti coi tempi non ce l’abbiamo fatta a visitare i camminamenti e le trincee delle prima guerra mondiale, ma credo che l’escursione meriti.

La panorama pass è una ottima opportunità perché nei giorni in cui si attiva gli impianti di sono illimitati e quindi si può abbinare una escursione con impianto e passeggiata una escursione solo con impianto per ammirare il paesaggio. Inoltre è compreso e gratuito l’abbonamento settimanale per i mezzi pubblici di tutta la valle.

Lunedì 27. La val di Fassa è nota anche per la sua fantastica pista ciclabile che la unisce alla valle di Fiemme, il percorso si snoda tra le due valli da Alba di Canazei a Molina di Fiemme. Nelle due valli è presente un servizio di bus pubblico – Fiemme Fassa Bike Express servizio per ciclisti- con furgone per le bici. Il servizio è a orario (puntuale e fa tappa nelle principali località delle due valli) e costa 7€ a persona (ridotto con la Fassa card). Abbiamo affittato le bici da Rovisi (convenzionato col nostro hotel) e saliti sul bike express a Moena. Dopo un viaggio di circa un’oretta (molto piacevole) in tutte le belle località della val di Fassa, siamo arrivati a Alba di Canazei verso le 11. La ciclabile inizia ad Alba di Canazei è il primo tratto è nel parco per proseguire nel bosco e passare vicino al paese. La ciclabile è all’ombra e nel tratto della valle di Fassa è bellissima e in discesa, passa tra i boschi, vicino ai fiumi, lambisce i paesini e si è immersi in uno spettacolo naturale meraviglioso. La seconda parte della ciclabile (da Predazzo) presenta meno discese, è meno ombreggiata e in alcuni casi passa per la strada, per cui bisogna fare attenzione se si viaggia con bambini.

La pista è lunga 48 km. Siamo arrivati a Molina di Fiemme (capolinea) 20 minuti prima dell’orario del bus, che, puntuale alle 17:40, è ripartito con il suo carico di bici e ciclisti stanchi.

Consiglio: la pista è molto bella ma lunga, merita soprattutto la prima parte (val di Fassa), se non si è ciclisti allenati sconsiglio di percorrerla tutta in una sola giornata.

Martedì 28 appuntamento alle ore 9:00 all’apt per i bambini (9 e11 anni) per la giornata di avvicinamento all’arrampicata organizzata dall’apt al costo di 9 € per il pranzo. Noi abbiamo fatto una piacevole camminata dal passo san pellegrino alla malga Fuciade (molto bella) e l’intenzione era di proseguire verso un’altra malga ma un sentiero indicato male (anche altri gruppi di escursionisti ci hanno chiesto informazioni perché non si trovava il percorso) e un paio di cavalli al pascolo un po’ focosi ci hanno fatto desistere. Alle 16 siamo tornati a riprendere i bambini che ci hanno raccontato di aver vissuto una bella giornata e di aver fatto esperienze molto divertenti. Gelato in piazza per i bambini e caffè con crostata di mele per noi da Zanoner.

L’attività per i ragazzi è gratuita (a esclusione del pranzo) è organizzata dall’apt ma deve essere prenotata il giorno precedente entro le 18:30, perché a numero chiuso.

Mercoledì 29. Secondo le previsioni del tempo la giornata doveva essere piovosa, quindi abbiamo deciso di andare a rilassarci in piscina. Siamo andati a Canazei alla piscina comunale Dolaondes. Una struttura straordinaria a cominciare dall’accoglienza: personale efficiente, cortese e sempre presente, spogliatoi singoli e famigliari, armadietti che si chiudono e aprono con il braccialetto dato all’ingresso, docce e phon. La struttura è eccezionale: una piscina di 25 mt a 8 vasche, una con scivolo lunghissimo, la piscina con scivoli per bambini, una piscina molto grande con vare postazioni per idromassaggio e un’area con correnti che trasportano, una piscina esterna con acqua calda e salata e con i monti meravigliosi a fare da cornice. Più una grande area wellness. Siamo stati dentro quasi 4 ore che sono volate e la sensazione di benessere provata all’uscita era meravigliosa.



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Italia
    Diari di viaggio
    napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Napoli, storia della fine di un pregiudizio

    Desideravo fare una vacanza che fosse piena di colori, di profumi, che mi riempisse il vuoto grigio lasciato dai due anni di Covid. Mentre...

    Diari di viaggio
    ostia antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Ostia Antica: una gita fuori porta nella bellezza del passato

    Il meraviglioso spettacolo che Ostia Antica offre al visitatore è qualcosa di magico, e solo percorrendo le sue strade lastricate in...

    Diari di viaggio
    tra marche e romagna, mondaino e le sue fisarmoniche

    Tra Marche e Romagna, Mondaino e le sue fisarmoniche

    Certo che in Romagna non ci si annoia mai! Ecco che parto di nuovo verso le campagne assolate della mia terra, allontanandomi per un po’...

    Diari di viaggio
    tra italia, slovenia e croazia a caccia di primati

    Tra Italia, Slovenia e Croazia a caccia di primati

    Un viaggio on the road di nove giorni con mio marito e nostro figlio Leonardo di sei anni, partendo in auto dalla Valtellina dove viviamo,...

    Diari di viaggio
    autunno tra le dolomiti ampezzane

    Autunno tra le Dolomiti Ampezzane

    Ho sempre adorato viaggiare e stare in mezzo alla natura, amo scattare fotografie che mi ricordino per sempre panorami mozzafiato e ogni...

    Diari di viaggio
    umbria, il cuore verde dell'italia

    Umbria, il cuore verde dell’Italia

    Il cuore dell'Italia ha la forma e i colori dell'Umbria, una piccola Regione adagiata sugli Appennini nel bel mezzo dello Stivale, a metà...

    Diari di viaggio
    quattro giorni nel cuore d’abruzzo

    Quattro giorni nel cuore d’Abruzzo

    Cosa fare quattro giorni nel centro Italia? Noi abbiamo visitato posti incredibili e vissuto esperienze meravigliose nel cuore...

    Diari di viaggio
    montebello, misteri e buon cibo sulle colline della valmarecchia

    Montebello, misteri e buon cibo sulle colline della Valmarecchia

    Chi pensa che la Romagna sia solo mare, ombrelloni e piadina, si sbaglia di grosso. Se per un giorno lasciate le spiagge di Rimini...

    Diari di viaggio
    i campi viola di orciano pisano

    I campi viola di Orciano Pisano

    Spettacolare il colpo d’occhio dei campi di lavanda in fiore, non più un’esclusiva della Provenza. Da qualche anno li possiamo...

    Diari di viaggio
    una giornata tra villa adriana e villa d'este

    Una giornata tra Villa Adriana e Villa d’Este

    Ambizione di bellezza, ricerca della perfezione, cura dei dettagli. E poi storia di imperatori e cardinali, di meraviglie architettoniche,...