Dalla città di Kerkyra a Mouse Island, per scoprire un angolo di Corfù legato ad antiche tradizioni

L'Isola di Corfù è da sempre considerata come un'isola di svago, sole e belle spiagge, dove però esistono tradizioni antiche come le cerimonie della settimana pasquale che attraggono sempre più visitatori.

Diario letto 143 volte

  • di travelale
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

La Pasqua è un momento ideale per andare alla scoperta di qualche angolo di mondo scegliendo magari una località in cui le celebrazioni della Settimana Santa sono scandite da tradizione molto particolari come accade sull'isola di Corfù.

Andare a Kerkyra, la città principale dell'isola di Corfù, è un'idea molto valida soprattutto se si vuole vivere una Pasqua dalle usanze molto insolite, come quella di raccogliere un piccolo pezzo di terracotta frutto dalla frantumazione di diversi e grandi vasi lanciati dai balconi di molte abitazioni al centro di Kerkyra. Questo rito risale all'epoca in cui i veneziani occuparono l'isola di Corfù ed è un gesto ben augurante simile a quello di lanciare dalla finestra utensili della cucina in occasione della fine dell'anno come porta fortuna per il nuovo anno. Una tradizione, quella del lancio dei vasi, che si tiene al sabato santo,più di natura pagana che religiosa ma che è un'ulteriore occasione per fermarsi a Kerkira, una città che offre diversi spunti per una visita e che può essere la base ideale per andare alla scoperta di tutta quella zona compresa tra la città e lo scalo aeroportuale isolano.

Atterrati al piccolo aeroporto di Giovanni Capodistria ci sono diversi bus locali che conducono alla città di Kerkyra dove non mancano hotel e piccoli bed and breakfast che però sia durante Pasqua che il periodo estivo bisogna prenotare con un pò d'anticipo per essere sicuri di sistemarsi poco distante dalla Spianada, il cuore pulsante di Kerkyra, da dove è molto semplice spostarsi anche scegliendo i bus locali che funzionano abbastanza bene. Spianada Square è la piazza principale della città di Kerkyra, molto grande e con palazzi antichi a far da cornice ad una delle meraviglie più grandiose di tutta l'isola di Corfù: la Old Fortress. L'antica Fortezza di Corfù affonda le sue radici in un antico passato quando la città di Corfù risiedeva nella penisola di Kanoni la così detta Paleopoli che fu distrutta dagli invasori così da indurre i sopravvissuti a ricostruire la città in un'area più sicura. Per questo motivo fu quindi costruita la grande fortezza con poderosi bastioni che potessero proteggere la città da ulteriori attacchi.

L'antica Fortezza di Corfù fu costruita dove un tempo sorgeva il centro di Corfù risalente all'epoca veneziana, vi si accede oltrepassando due piccoli obelischi che segnano l'ingresso. Al suo interno la piccola chiesa di San Giorgio è uno splendido esempio di neogotico dorico costruito dagli inglesi nel 1840 per essere fruita dal contingente britannico, successivamente convertita a culto ortodosso. La vecchia Fortezza ha subito nel tempo notevoli distruzioni e cambiamenti. Un tempo era collegata da un tunnel sotterraneo ad un'altra fortezza situata sopra al vecchio porto di Corfù, ad oggi non più utilizzata. La nuova Fortezza è una struttura dalle forme lineari costruita tra il 1576 al 1645 con due semi bastioni gemelli. La cosa che più stupisce visitando la Nuova Fortezza è la vista sul porto e sul mare limpido di Corfù, qui non è raro assistere a qualche gara di nuoto tra sportivi esperti che disputano spesso competizioni. La zona antica di Corfù è costituita da palazzi antichi la cui base è sorretta da arcate poderose dove spesso trovano alloggio caffetterie e gelaterie che allestiscono tavoli esterni per la consumazione. Il centro di Kerkyra è molto ricco di negozi che vendono souvenir di ogni genere, presi generalmente d'assalto quando arrivano i croceristi sbarcati dalle grandi navi da crociera che fanno tappa a Corfù

  • 143 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social