VENEZUELA E 'LO ROQUE':le isole regine dei caraibi

Venezuela…si?.....Venezuela no? Come è facile intuire la decisione si è concretizzata con la partenza del 28 giugno. Quest’anno la meta del nostro viaggio/vacanza è stata quasi scelta appena tornati da quello dell’estate precedente, ma l’indecisione dovuta a perplessità “logoranti” quali ...

  • di Fla
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Venezuela...Si?...Venezuela no? Come è facile intuire la decisione si è concretizzata con la partenza del 28 giugno.

Quest’anno la meta del nostro viaggio/vacanza è stata quasi scelta appena tornati da quello dell’estate precedente, ma l’indecisione dovuta a perplessità “logoranti” quali la pericolosità del paese e quindi lo stress di dovere stare attenti ogni secondo del viaggio a noi stessi e alle nostre cose, e ai soldi, ci ha bloccato per un po’ di tempo. Ho cercato di carpire più informazioni possibili su internet e sui vari forum e alla fine ha trionfato un bel “CHI SE NE FREGA” ed è quindi partita la caccia al biglietto aereo più economico, la ricerca è stata estenuante (come sempre) ma l’abbiamo spuntata con 648,00 euro al ***, volo Tap Airportugal da Roma con scalo a Lisbona, abbiamo comprato i biglietti 1 mese e mezzo prima della partenza, periodo nel quale ho contattato diverse persone che avevano e stavano per compiere il nostro stesso itinerario. Un saluto e ringraziamento particolare a Linda di Trento e al suo ragazzo Simone di Roma!! L’itinerario è stato il seguente: 28/6 :Roma – Caracas – Ciudad Bolivar 29/6: Ciudad Bolivar – Canaima 30/6: Canaima – Salto Angel 1/7 : Salto Angel – Canaima 2/7: Canaima - Ciudad Bolivar – Puerto Ordaz – Caracas 3/7: Caracas – Los Roques fino all’11/7 Dopo innumerevoli e-mail scambiate con Beatriz moglie e titolare insieme a Cosimo della ***NO PUBBLICITà*** abbiamo stabilito escursioni e prezzi in merito a Canaima e Salto Angel, e devo dire che siamo rimasti soddisfatti dell’organizzazione e affidabilità di quest’agenzia. Abbiamo poi contattato Andrea della *** e prenotato i nostri 9 giorni in paradiso! A questo punto era tutto pronto, anzi quasi, abbiamo fatto mille prove per la preparazione bagagli, visto che per i voli interni soprattutto quello di Los Roques tutti ci hanno detto di portare massimo 10 kg e così abbiamo fatto.

Ti ti ti ti tiiiiiiiiii, svegliaaaa!! Ore 4.30 del mattino, volo alle 6.50, sveglia per modo dire visto che non ho chiuso occhio al contrario del mio ragazzo che ronfava...

Siamo partiti in orario e arrivati in orario a Caracas, abbiamo conosciuto una famigliola in aereo che tornava per un mese in Venezuela a trovare i parenti, abbiamo chiacchierato un pochino con la mamma venezuelana che ci confermava la pericolosità di Caracas invitandoci a toglierci qualsiasi cosa potesse attirare l’attenzione come anelli, bracciali, orologi ecc. Ma noi da bravi ragazzi avevamo già provveduto vestendoci anche il più sobri possibili e senza “decorazioni” addosso.

Arrivati in aeroporto abbiamo fatto una coda medio lunga all’immigrazione dove abbiamo consegnato il foglio compilato con i nostri dati che viene distribuito in aereo, e abbiamo risposto alle domande del tipo “dove andrete? Quanto tempo vi trattenete? Qual è il motivo del viaggio?” ; superata l’immigrazione abbiamo recuperato i nostri bagagli (che felicità averli ricevuti!!)per capire da dove uscivano abbiamo visto dove erano concentrate le persone che erano in aereo con noi perché non c’era nessuna indicazione che segnalasse il nastro di consegna. Superata anche la dogana siamo finalmente usciti e oltre ad esserci i tanti taxisti in cerca di turisti polli c’era anche il simpatico Felix della Energy che a piedi ci ha accompagnato al terminal dei voli nazionali che si trova a 300 metri, ancora non hanno costruito un passaggio interno per passare da un Terminal all’altro ma ci hanno detto che lo faranno... Felix ci ha aiutato a fare il check in, abbiamo pagato le tasse interne del volo (si fa prima il check in e poi si va in cassa a pagare) e cambiato in nero 300 euro a 2600 bolivar, ma in seguito abbiamo capito che a loro conviene l’euro e che noi avremmo potuto benissimo cambiare solo dollari allo stesso cambio grrrrr! Il volo per Ciudad Bolivar era previsto per le 19.30 p.M. Ma c’è stato un ritardo di ben due ore e mezza e vi assicuro che con il fuso orario sulle spalle è stato difficilissimo tenere gli occhi aperti fino a quell’ora, in più alle 19.00 era già tramontato il sole ed era buio pesto fuori!! Dopo anche uno scalo non previsto a Puerto Ordaz, siamo arrivati a C.B. Alle 23.00. C’era Cosimo ad aspettarci, ci ha accompagnato all’*** che è praticamente di fronte all’aeroporto. Questo è uno degli alberghi migliori in zona (dicono un 4 stelle, ahahaha) va benissimo per una notte, soprattutto diventa una regia quando non sia hanno più le forze neanche per togliersi le scarpe! 2° giorno Della notte non ricordo nulla, solo che siamo letteralmente svenuti quindi immagino riposati abbastanza per..

  • 2737 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social