Una lepre per caso

mappa del cuore tra colori e profumi della Toscana

  • di det
    pubblicato il
 
Annunci Google

Immaginate un’immensa coperta patchwork ampia miglia e miglia dove le singole parti di stoffa che compongono il disegno sono dell’oro del grano, del verde delle vigne, dell’ocra dei campi arati. Come cuciture, qui e lì file di cipressi e, come applicazioni, maestosi casolari. Siete in Toscana tra le Crete Senesi e la Val D’Orcia, tra la Val di Chiana e il Chianti. Piccoli centri interrompono un mosaico che si ripete all’infinito. Paesini ricomparsi da un lontano passato dove il silenzio è interrotto solo dalle grida dei venditori di mercanzia nelle giornate di mercato. Splendidi centri termali dalle acque depurative sono stati costruiti vicino sorgenti naturali immerse nel verde o su terrazze affacciate sul mare morbido delle colline toscane.

Andare alla scoperta del Fosso Bianco a San Filippo Bagni, insieme di secrezioni calcaree che hanno creato forme fantastiche imponenti, e fare il pediluvio in candidi cunicoli scavati dalle acque sulfuree è un’esperienza unica ed accattivante. Un pomeriggio di relax e coccole al centro termale di Fonteverde a San Casciano Bagni ti rimette a nuovo. Non è male anche se più informale l’Antica Querciolaia di Rapolano Terme. Lasciate il cuore a Bagno Vignoni. Fermatevi per un aperitivo o un caffè in questo minuscolo paesino dove al posto della piazza centrale c’è un’ampia vasca d’acqua termale tanto calda da ribollire in alcuni punti. Immaginate una piccola cappella dedicata a Santa Caterina da un lato, un grazioso giardino incantato dall’altro lato. Intorno, case in pietra antica, bistrot e cafè, una libreria accogliente come il salone di casa nostra. D’inverno il calore dell’acqua crea una nebbiolina sottile e irreale…opera di fate…

Fate tappa a Montalcino o a Pienza per sorseggiare un Brunello o un Nobile di Montepulciano dal colore rubino e le sfumature carminio e lasciatevi trasportare dal dolce sali scendi della strada lungo le Crete Senesi. Prima di lasciare la Val D’Orcia, tra Pienza e Montepulciano, giratevi a destra: incorniciata da una fila di cipressi e da migliaia di papaveri, una cappella perfetta nella sua semplicità e austerità, Vitaleta.

Poco più avanti, una deviazione sempre a destra vi porterà a Monticchiello, un borgo tanto speciale quanto piccolo, sede di un teatro sperimentale e di cultura d’avanguardia. Si può scegliere di raggiungerlo dalla strada principale, ma farlo attraverso i campi, superando cascine e costeggiando vigne limitate da roseti ha un suo perché a parer mio irrinunciabile. Può capitarvi di incontrare un vecchio cane da guardia, o un asino placido e silenzioso, o, come è successo a me, una lepre, agile ed elegante che saltava da una pezza di stoffa all’altra, superava il quadrato di tessuto rosso di San Quirico e ricompariva nel verde dell’Abbazia di Sant’Antimo. L’ho seguita poi su a Nord, nel Chianti, una terra ricca, generosa e gaudente. Allegra come i suoi abitanti, ospitali e sinceri. Centri come Greve, Radda, Gaiole lungo la strada del vino Chianti riconoscibile dal simbolo del gallo nero, con gli insaccati, le carni, i formaggi, le verdure, rendono il soggiorno indimenticabile. Un tocco di classe poi, per una selezione di vini speciali, al castello di Volpaia, alla tenuta di Verrazzano e al castello di Brolio della famiglia Ricasoli, solo per citarne alcuni, in un viaggio dalle sorprese continue e dalle scoperte infinite.

Annunci Google
  • 2469 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social