Dubai, Singapore, Malesia, Thailandia

Tre indimenticabili settimane nell'affascinante Sud Est Asiatico

  • di Marzia Paolo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

E’ il 20 dicembre e partiamo per un viaggio al caldo: Dubai, Singapore, Malesia e Thailandia tutto rigorosamente fai da te.

Voliamo a Dubai con Emirates, lasciamo Malpensa immersa nella neve. Mentre stiamo atterrando a Dubai è l’alba e scorgiamo la mitica Vela, l’hotel a sette stelle simbolo di questa città. A Dubai l’aeroporto è davvero impressionante: pavimento di marmo scintillante, orologi marcati Rolex, ci accorgiamo subito di essere entrati in un altro mondo! Prendiamo un taxi che ci porta al nostro hotel, prenotato su Expedia: Arabian Park Hotel103 euro in totale per una camera doppia per 3 notti. L’hotel, con piscina, è munito di navetta gratuita che ad orari stabiliti accompagna gli ospiti in alcuni punti strategici della città. Dubai è un cantiere, stanno costruendo ovunque, manca qualche giorno all’inaugurazione del più alto grattacielo al mondo che noi vediamo spiccare da tutta Dubai.

Questa città è una meta strategica per spezzare il fuso orario (3 ore avanti rispetto all’Italia) prima di giungere nel Sud Est Asiatico, si può fare shopping nei vari Mall sparsi per la città, dove si può anche sciare. Si possono visitare i vari suk, attraversare in barca il Creek, la zona più caratteristica, il museo, l’Heritage Village, passare qualche ora nella spiaggia pubblica che è super attrezzata, andare nel deserto con la Jeep con una guida ovviamente, visitare Abu Dhabi con il taxi che dista solo un’oretta e mezza da qui.

Dubai è la classica città moderna in espansione; la zona del Creek è popolata soprattutto da indiani (sembra proprio di stare in India) o da popolazioni provenienti dal Sud Est Asiatico, i veri ricchi vivono ad Abu Dhabi e vanno a Dubai per fare affari o per fare shopping. E’ molto difficile visitare la città a piedi; le maggiori attrazioni turistiche sono distanti tra loro e durante la nostra permanenza la linea della metropolitana non era ancora stata completata. Abbiamo viaggiato utilizzando i mezzi pubblici, che tra l’altro abbiamo scoperto essere utilizzati solo dai lavoratori immigrati, oppure con i taxi che sono comunque economici.

Per quanto riguarda l’aspetto culinario nei Mall, che sono una vera e proprio opera d’arte, è possibile mangiare qualsiasi cosa proveniente da ogni parte del mondo. La città è pulita e sicura, forse l’unica pecca è che non è ancora così ben organizzata per i turisti, è difficile trovare dei centri informativi e anche all’aeroporto le informazioni scarseggiano, ma forse è meglio così!

Dopo 7 ore di volo con Emirates arriviamo a Singapore, è sera, è la vigilia di Natale è fa caldissimo!!!Ci facciamo portare in taxi in Orchard Road dove una marea di gente sta aspettando la mezzanotte per poter festeggiare. La via è chiusa al traffico e milioni di persone si accalcano. La polizia è ovunque e non è possibile attraversare la strada, si rimane accalcati sul marciapiede. Scoccata la mezzanotte è Natale e tutti iniziano a spruzzare stelle filanti o schiuma da barba come di solito si fa da noi a Carnevale! Il mattino dopo siamo pronti a visitare la città, fa davvero caldo. Visitiamo China Town , Little India e il quartiere Malese per poi spostarci verso l’Hotel Fullerton, l’Esplanade e la zona trendy di locali e ristoranti Clarke Quay. Singapore, città stato, è bellissima, curata, pulita, sicura e molto verde, ci sono piante e vasi di fiori ovunque, sembra di stare in un giardino privato. La maggior parte degli abitanti di Singapore è di origine cinese. La città è molto elegante, donne e uomini che si recano al lavoro al mattino sono vestiti in modo impeccabile. Non è una città a buon mercato, per i turisti è una delle più care in Asia, ma è possibile apprezzare cucine da tutto il mondo nei centri commerciali a prezzi stracciati. Alla sera è bello passeggiare nella zona della ruota panoramica. Se si hanno più giorni a disposizione è possibile visitare il giardino botanico e andare all’isola di Sentosa o anche nelle vicine isole indonesiane Bintan o Batam, attenzione però lì ci vuole il visto e un’escursione di un giorno non è proprio a buon mercato.

Il mattino seguente prendiamo un pullman (sedile con massaggio incorporato) e partiamo per la Malesia! Dopo 8 ore di viaggio di cui circa un paio fermi al confine tra Singapore e Malesia arriviamo stremati a Kuala Lumpur sotto una temporale tropicale. Saltiamo giù dal pullman, le strade sono allagate, prendiamo il primo taxi e ci facciamo portare al Renaissance Hotel di fronte alle Petronas Towers: vista spettacolo. Hotel 4 stelle, prenotato su Expedia, circa 35 euro a camera, un vero affare. Visitiamo subito le torri, sono mastodontiche ed impressionanti. Attorno alle Petronas c’è un bellissimo parco, ben curato, dove è possibile trovare alberi tropicali centenari. Questa zona è sicuramente la più bella e la più recente della città. All’interno delle torri c’è un super moderno centro commerciale a più piani. Qui, come in tutti i centri commerciali, è possibile mangiare spendendo veramente poco, ma se avete stomaci forti e siete avventurosi, vi consigliamo di assaggiare il cibo da strada!!!!!Per il resto è possibile visitare Little India, dove sembra veramente di essere in India, China Town, il palazzo reale, fotografare le moschee, e salire sulla torre di Menara. Noi abbiamo preferito arrivare alla torre a piedi, passando letteralmente dentro la giungla, una bellissima esperienza. KL è immersa nel verde, la zona dell’aeroporto, dove si trova anche il famoso circuito di Sepang, è stata disboscata per fare spazio a questi servizi. La Malesia è un paese musulmano, molto moderno e tollerante dove molte donne però vanno ancora in giro con il velo; ovunque è possibile sentire il richiamo alla preghiera del Muezzin. Durante i nostri 3 giorni a KL visitiamo, con escursioni organizzate prenotate in loco, Batu Caves, molto affascinante e Malacca di cui siamo rimasti un po’ delusi

  • 13258 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social