Firenze - Capo Nord (la parte riguardante Danimarca, Svezia e Finlandia)

Danimarca, Svezia e Finlandia, luoghi di passaggio verso Capo Nord. Natura e bellezze da riempirsi gli occhi...

  • di Nicola27
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Lunedì 13 luglio (da Lubecca in rotta verso la Scandinavia...)

Ci sentiamo come se il nostro viaggio cominciasse oggi. Linda è l'ultima amica che ci ospita in Germania e la settimana trascorsa qui è veramente volata. D'ora in avanti fino al nostro ritorno in terra teutonica ce la caveremo da soli. (Se volete potete leggere il diario della prima settimana di questo viaggio nella sezione Germania)

Solita mega-colazione con annesso stock di vivande, marmellate e altri generi di prima necessità che ci serviranno durante il nostro pellegrinaggio.

Meno di cento chilometri e siamo all'imbarco dei traghetti per la Danimarca. Giornata splendida e serena come non ne abbiamo mai avute finora. Il nostro ferry-boat è un gigantesco Giano bifronte. Nella mezz'ora di traversata troviamo il tempo di scambiare due chiacchiere con un paio di coppie di "anziani" coniugi liguri. Loro passeranno un paio di settimane in giro per la Danimarca. All'uscita dalla pancia della nave osservano la nostra auto stracarica e ci augurano buon viaggio.

Da queste parti per fortuna l'incontro con l'italiano medio si fa molto più difficile. In effetti queste sono zone che l'italiano medio difficilmente batte. Sbarchiamo a Rodby e da qui in poco più di un'ora arriviamo a Frederiksborg. (Copenhagen ce la lasciamo per il ritorno) Il castello e la natura intorno hanno un'aria molto...molto...insomma molto! Il cielo è sempre più blu e comincia a farsi più basso. (concetto che riprenderò più avanti). All'ingresso del castello ci accoglie un angelo biondo e riccio dalla pelle burrosa. Uno di quelli che di solito si sistema sull'albero di Natale in bella vista. Probabilmente la più incantevole ragazza vista durante tutto il viaggio. Le danesi si riveleranno le migliori. Mi dispiace, ma ho perso l'attimo giusto per scattarle una foto. Pensando alla ragazza (almeno io) ci perdiamo nelle infinite stanze del maniero. Ricordo un'enorme tavola imbandita... Peccato le vivande fossero di plastica. Sulla strada che ci porta all'imbarco di Helsingor c'è tempo per una sosta alla residenza estiva della regina (piccola residenza con piccolo parco...).

Arriviamo poi al castello di Amleto e da lì, oltre lo stretto di Oresund, già scorgiamo le coste della Svezia. Si comincia a respirare un'aria diversa...un'aria del nord... Mi piace. C'è tempo anche per un giro in paese per capire che i danesi non lavorano poi molto. Negozi aperti dalle dieci alle quattro del pomeriggio. Poi si va a bere birra. Altro traghetto di giornata per sbarcare in Svezia. Decidiamo di non fermarci a Helsingborg e prendiamo la direzione di Stoccolma. Sono circa le otto e c'è ancora tanta luce quando decidiamo di fermarci per cena. Il tempo di intaccare le nostre prime razioni in scatola e ripartiamo. Sono quasi le undici e il sole sta cominciando a scendere.

Poco prima di Granna decidiamo di fermarci a piantare la tenda in una splendida area di sosta di fronte a un grandissimo lago. Bagni puliti e perfino riscaldati. (Tanto da ustionarsi il sedere)

Il tramonto visto dalla nostra tenda è difficile da descrivere. Rosso, arancione, forse perfino un rosa pompelmo. Una giornata senza fine: la prima di una lunga serie. Martedì 14 luglio (Da candycity a Stoccolma) Non so a che ora si sia fatto giorno, ma credo molto presto. Siamo a due passi da Granna meglio conosciuta come candycity. Sono un appassionato di dolci, ma le caramelle non sono il mio forte. Una sosta però la merita questo piccolo paesino in cui più della metà dei negozi fabbricano e vendono caramelle. Potrei chiamarla anche la città degli Umpa-Lumpa visto che la maggior occupazione dei giovani abitanti ruota intorno al caramello, allo zucchero e a ogni tipo di chicca masticabile. Solo che mentre nella fabbrica di cioccolato sono tutti nani qui sono dei biondini di almeno un metro e ottanta. Credo che durante il periodo estivo molti ragazzi per arrotondare vengano in questo paesino a lavorare

  • 7272 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social