Bilbao e la Costa Atlantica-Parte 1

Premessa: questo viaggio l’ho fatto da solo e in moto (un enduro stradale di 650cc) . Il periodo è stato dal 18 al 26 Agosto 2008 (eh, si….esigenze di ufficio!). L’itinerario di massima è stato questo: Cuneo, Nimes, Andorra Le ...

  • di Umbe63
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Premessa: questo viaggio l’ho fatto da solo e in moto (un enduro stradale di 650cc) . Il periodo è stato dal 18 al 26 Agosto 2008 (eh, si...Esigenze di ufficio!). L’itinerario di massima è stato questo: Cuneo, Nimes, Andorra Le Vella, Pamplona, Bilbao, Gernika/Lumo, Costa Atlantica, Pau, Carcassonne..Casa.

Da Cuneo a Nìmes (400 Km) Parto con calma, verso le dieci del mattino..Dopotutto sono già in vacanza. Ho previsto di fare la prima tappa a Nìmes in Francia. E’ l’ultima città della “rotta storica della Bassa Provenza” che mi manca (dopo Avignone, Orange e Arles). Fa un caldo allucinante, viaggio in autostrada con passo “vacanziero” cioè nei limiti di velocità, con molte soste..Con addirittura riposino sotto gli alberi all’ombra e arrivo così verso le 17 del pomeriggio. A caso scelgo un alberghetto e dopo una doccia visito la città. Negozi chiusi, poca gente..Ideale per rilassarsi. La città non è enorme; è raccolta attorno un centro storico dove sembra di essere in liguria, con “carrugi” stretti e attorno lunghi viali alberati. L’Arena è uno spettacolo: insieme a quello di Orange e Arles è uno dei monumenti romani meglio conservati. Purtroppo non mi posso godere la Maison Carrè (altro non è che un Tempio romano dei tempi di Augusto, anch’esso in perfetto stato)..Era ingabbiato per restauri. Mi immergo nella città vecchia dove mi sorseggio la prima birra, giusta ricompensa dopo la fatica. Trovare locali dove mangiare non è difficile. Nìmes è una cittadina molto conosciuta e anche per i francesi è un luogo di vacanza, quindi bar, birrerie, ristoranti (anche esotici) sono dovunque.

Da Nìmes ad Andorra Le Vella (360 Km): Caldo, asfalto rovente che ne aumenta la sensazione, la mia testa nel casco è tipo uovo bollito, l’autostrada sarebbe veramente da evitare..Ma ho voglia di vedere posti che non conosco!! Passo Perpignan e finalmente lascio l’autostrada. La statale N116 che porta ad Andorra è molto bella, ma piena di traffico. In lontananza vedo i Pireni..Wow..Inizia la vacanza vera e propria! Boschi, carreggiata ampia, è proprio un bel viaggiare. Iniziamo a salire, Ci sono alcuni Passi da superare. In particolare è molto bello Mont Luis con una fortificazione tutta ancora completa. C’è molta gente, fa fresco, immagino che sia una meta “ristoratrice” per i francesi. Pranzo e conosco una coppia di motard francesi, dopo aver chiacchierato un po’, mi indicano una strada alternativa per evitare il traffico, segue le loro indicazioni. Lascio la N116 e imbocco la N260 e poi la N145. Poi invitabilemente il traffico aumenta..Mi sa che sto arrivando..Infatti ecco il confine (non ero più abituato a vederne!!) con tanto di dogana, poliziotti e sbarre.

Lo ammetto non mi ero informato, mi immaginavo Andorra La Vella tipo San Marino un posto antico, bello da vedere...Invece mi trovo..Come dire...In un enorme outlet a cielo aperto!!! Profumerie, Abbigliamento, Apparecchi Fotografici, Scarpe...È praticamente un enorme centro commerciale all’ennesima potenza. Mi sembra di essere ad Aosta (cioè in una valle con le montagne che circondano la città) ma...Con miglia di negozi..Tutti enormi..Luccicanti..Pieni di musica..Sono un po’ deluso.. Però se amate lo shopping, ma quello vero, quello hard, quello sincopato, senza compromessi, dovete andarci, oltretutto i prezzi non sono niente male (non so però cosa dichiarano alla dogana le tante persone che ho visto con cinque borsoni di roba per braccio).

Se dello shopping non vi frega nulla..Beh, evitate alla grande!!! Terzo Giorno da Andorra a Pamplona (400 km): I Pirenei. A scuola li associavo ad Annibale che li aveva attraversati con gli elefanti, adesso ci sono sopra. Sono letteralmente felice. Il paesaggio è verdissimo e molto vario. Boschi, Valli. Guido anche con ..Il naso..È pieno di odori; ti verrebbe da fermarti ad ogni curva. E’ un paesaggio così inebriante che d’instinto lascio la statale C14 e mi invento di passare dalla regionale L511. Che magnifica idea. Praticamente sto attraversando i Pirenei in senso longitudinale. Faccio il colle di Boixols (1400 mt), mi fermo a guardare il panorama in uno slargo.. Non sono bravo a descrivere con le parole..Dovete provare

  • 9799 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social