4350 km dall’Italia a Gijon e ritorno in moto

Bellissimo viaggio in moto a tappe dal 10 agosto al 28 agosto attraverso la Francia e la Spagna per scoprire e rivedere paesaggi, città, sapori.
 
Partenza il: 10/08/2019
Ritorno il: 27/08/2019
Viaggiatori: 2
Spesa: 2000 €

Bellissimo viaggio in moto a tappe dal 10 agosto al 28 agosto attraverso la Francia e la Spagna per scoprire e rivedere paesaggi, città, sapori.

Abbiamo, per la maggior parte delle volte soggiornato per una notte in hotel della catena Mercure – IBIS: catena più che collaudata da noi, che offre degli standard qualitativi buoni, e che (scoperto quest’anno) offrono, su prenotazione, colazione senza glutine (pane e maddeleines oltre a tutti i prodotti naturalmente senza glutine già presenti nel buffet)in tutte le strutture. Il costo medio a notte a camera colazione compresa è di 90/95 euro, escluso il parcheggio per la moto che varia da città a città (a Barcellona 19 euro a Aix en Provence 7 euro).

1° GIORNO – Siamo partiti il 10 agosto (sabato da bollino nero sulle autostrade), presto per evitare il grande traffico. Con la strada che abbiamo fatto abbiamo sempre viaggiato praticamente da soli : abbiamo preso la A21 verso Torino,transitato fuori Cuneo – Vinadio – Colle della Maddalena – Col de Larche (Francia) – siamo passati sopra ad un grosso lago chiamato La Duranche – Gap – Aix en Provence (534 km). Aix en Provence in agosto è una città fantasma, 34 gradi umidissimi, per cui dopo 500 km abbiamo deciso di non andare tanto in giro e ci siamo rilassati nella piscina dell’hotel IBIS – AIX EN PROVENCE a 2 km dal centro.

2° GIORNO 11/08 – Aix en Provence – Carcassonne (circa 300 km): 2 notti al IBIS Centre la Cité a due passi dal centro di Carcassonne e dal Chateau Comtal. Stranamente (ma forse solo per noi italiani) una città che grazie al Chateau Comtal richiama turisti da tutta Europa, siccome era domenica molti esercizi erano chiusi e molti negozi e bar chiusi per ferie…. Il centro di Carcassonne stanno cercando di rivitalizzarlo, con ristrutturazioni e aperture di negozi con nomi della moda prèt à porter di richiamo internazionale. Ma quanti cartelli con “vendesi” e “affittasi”….! Abbiamo cenato alla Brasserie Au 4 Temps appena fuori le mura del centro : uno dei rari ristoranti in Francia che non fa finta di niente e conosce il problema della celiachia. Cenato divinamente, personale gentile e disponibile, bello l’arredo, cucina a vista, prenotato anche per la sera dopo. Temperatura pomeridiana sui 23 gradi (alla mattina 10), ma vento sempre freddo.

3° GIORNO 12/08 – Carcassonne – Chateau Comtal : assolutamente da visitare se si passa in zona. Andatelo a vedere passando a piedi sul Pont Neuf prima di andare a visitarlo : è una visione da fiaba, un tuffo nel passato, sembra di essere entrati in un libro di storia medievale. La visita è gratuita, all’interno delle mura del castello una piccola cittadina con negozietti di artigianato, ristoranti che offrono il Cassoulet, zuppa di fagioli e carne (mangiata da mio marito : buona, ma bella tosta da digerire). Da pagare la visita nel castello vero e proprio (da fare-10 euro gli adulti). Consiglio spassionato: il castello apre alle 10 o 10,30, alzatevi prima e passeggiate per le viuzze che fino alle 10,30 restano praticamente deserte: che pace, che silenzio, facendo il giro di una parte delle mura (l’altro e dall’alto lo si fa da dentro il Castello) ti aspetti di veder spuntare qualcuno vestito con abiti da principessa o da semplice contadina, un cavaliere a cavallo…..e si fanno delle foto meravigliose… Dopo è il delirio : arrivano vagonate di autobus che scaricano orde di turisti, nelle vie non si passa tanto agilmente, ma soprattutto, non si riesce a vedere niente.

4° GIORNO 13/08 – Carcassonne – Andorra la Vella: da qui comincia il freddo e la pioggia…. Abbiamo fatto una parte dei Pirenei, con la Route des Cols: sul Col de Chioula (1431 mt) c’erano 8,5 gradi…!, Les Gorges de Galamus e l’Eremo di Galamus (raffiche di vento che ti portavano via). Abbiamo notato una cosa : i paesini sui Pirenei erano praticamente paesini fantasma, tantissimi i cartelli “vendesi”, per un bar aperto dove prendere un caffè caldo abbiamo fatto fatica…! Sul Passo d’Envalira (Andorra) c’era la nebbia così fitta che le auto avevano gli anti nebbia accesi e si viaggiava a 30 km orari. 9 gradi non di più ! Ad Andorra la Vella abbiamo soggiornato al Best Andorra Center un 4 stelle in buona posizione, ma non ha un servizio da 4 stelle – 84 euro più il parcheggio. Diciamo che ci è venuto un dubbio : gli hotel tengono un piano con camere che sarebbero da ristrutturare, pulite appena la decenza, cieche o con finestra su dove sono posizionate tutte le macchine dei condizionatori di tutto l’hotel (e quindi come se fossero cieche), per chi soggiorna 1-2 notti. Le camere sono quasi sempre posizionate all’ultimo piano…. Tranne che negli IBIS ci è capitato spesso…. E diciamo che il dubbio è legittimo : prima di internet e dei siti di prenotazione, le camere per una notte si faceva fatica a trovarle : o ti dicevano di no o te la facevano pagare carissima…. Adesso se prenoti con internet nessuno ti può dire di no o sparare prezzi a caso, i prezzi sono pubblicati e si vedono…

Comunque, Andorra è sempre il solito mega outlet in mezzo alle montagne con vista mozzafiato, pulita e piena di turisti. Abbiamo cenato al Restaurant Versaille – buon ristorante, che a dispetto del nome, serve piatti di cucina spagnola, a conoscenza del problema celiachia, gentilissimi; abbinamenti di cibo un po’ pesanti (pesce con sformato di verdura ma a base di uova), buon consiglio sul vino : bianco di Rijoa.

5° GIORNO 14/08 : da Andorra a Lourdes passando per il Col du Tourmalet. Avremmo dovuto fare un giro un po’ più lungo sempre su e giù dai Pirenei, ma c’era troppo freddo (10 gradi in partenza da Andorra alle 8,30 del mattino) per cui abbiamo tagliato il giro e abbiamo fatto solo il Tourmalet. Giornata meravigliosa, con sole, ma ventosa e fredda : mai sopra i 15 gradi (ho rimpianto i 36 gradi della pianura padana).



    Commenti

    Lascia un commento

    Leggi i Diari di viaggio su Barcellona
    Diari di viaggio
    con me partirò: in crociera da sola nel mediterraneo

    Con me partirò: in crociera da sola nel Mediterraneo

    Sono partita da Napoli con la nave italiana MSC Seaview, ipertecnologica e glamour, con le sue scale di Swarovsky su cui tutti si sparano...

    Diari di viaggio
    port vell, il luogo che mi ha fatto innamorare di barcellona

    Port Vell, il luogo che mi ha fatto innamorare di Barcellona

    Barcellona con amore Non ci possono essere sensazioni buone o cattive durante un viaggio, tutto dipende come al solito da quanto la nostra...

    Diari di viaggio
    a barcellona per l'epifania con i bimbi al seguito

    A Barcellona per l’Epifania con i bimbi al seguito

    Barcellona per me significa una tappa di una vacanza con i miei genitori, da ragazzina (e ancora conservo la maglietta Hard Rock con la...

    Diari di viaggio
    camminando per barcellona

    Camminando per Barcellona

    Barcellona, 5/6/7 dicembre, Fuga mamma e figlio 5 DICEMBRE Visitare Barcellona in due giorni si può, occorre mettere in conto lunghe...

    Diari di viaggio
    il primo viaggio non si scorda mai: spagna

    Il primo viaggio non si scorda mai: Spagna

    Quando ho iniziato a lavorare mi sono detta che avrei speso i miei soldi in viaggi... e non scherzavo. Lo stipendio non era alto e così,...

    Diari di viaggio
    4350 km dall'italia a gijon e ritorno in moto

    4350 km dall’Italia a Gijon e ritorno in moto

    Bellissimo viaggio in moto a tappe dal 10 agosto al 28 agosto attraverso la Francia e la Spagna per scoprire e rivedere paesaggi, città,...

    Diari di viaggio
    spagna del sud

    Spagna del Sud

    Volevamo fare una vacanza un po’ diversa dalle solite spiagge, mare ed appartamenti. Un po’ di visite in rete ad hotel e sistemazioni...

    Diari di viaggio
    crociera tra barcellona e marsiglia

    Crociera tra Barcellona e Marsiglia

    Io e Donatella il 15 ottobre 2018 compiamo trentanni di matrimonio (ho scoperto che sono le nozze di perla), per festeggiare l'evento ci...

    Diari di viaggio
    in spagna tra alicante, valencia e barcellona

    In Spagna tra Alicante, Valencia e Barcellona

    Per l'estate 2018 avevamo progettato un bel tour, con la macchina, nel nord della Spagna, da Santander a Barcellona, passando per i paesi...

    Diari di viaggio
    barcellona con gli occhi di un bambino

    Barcellona con gli occhi di un bambino

    Di Barcellona sono state scritte centinaia di guide e migliaia di post. Si conosce ormai tutto della bellissima città Catalana: la sua...