Paesi Baschi 2

Weekend lungo tra Santander, Bilbao e San Sebastian
Scritto da: walterego74
paesi baschi 2
Partenza il: 21/02/2020
Ritorno il: 25/02/2020
Viaggiatori: 3
Spesa: 500 €

Avevamo già provato a visitare i Paesi Baschi nel 2017. Volevamo fosse il primo viaggio all’estero di nostro figlio che, all’epoca, aveva 6 mesi, ma la Ryanair si è messa di traverso e ci ha comunicato la cancellazione del volo con un sms inviato alle 19.00 del giorno precedente alla partenza, quando i bagagli erano già ammassati accanto alla porta di casa, con la scusa di un fantomatico sciopero dei controllori di volo francesi.

L’occasione si è ripresentata quando, con i miei storici compagni di viaggio Edu e Gir, abbiamo deciso di rompere il digiuno, che durava da troppi anni, e di programmare una nuova short adventure insieme, da qualche parte in Europa. Hanno chiesto a me di proporre una meta et…voilà, la scelta è caduta su Bilbao e San Sebastian.

Partendo da città differenti (io da Roma, loro da Torino), abbiamo organizzato l’andata in maniera indipendente. Io ho trovato un volo Ryanair (ebbene sì, ho ceduto nonostante mi fossi imposto di snobbare le loro offerte, sono troppo allettanti), con partenza da Ciampino il 21 febbraio 2020 alle ore 12.45 e arrivo a Santander alle 15.15; al ritorno, invece, tutti insieme da Bilbao a Bergamo il 25 febbraio, con l’intento di trascorrere un’ultima notte a far baldoria a Torino, da dove avrei preso il treno il giorno dopo. Costo totale dei miei voli €44,98. (€20,99 + €23,99).

21 febbraio 2020 – da Roma a Santander

Partito!

Da Ostia a Ciampino in poco più di 1 ora, comodissimo il servizio combinato treno/bus di Trenitalia, Ciampino Airlink, che collega Roma Termini all’aeroporto G.B. Pastine di Ciampino con soli €2,70. All’arrivo in aeroporto mi sono imbattuto in due ragazzi che, appena entrati nell’ampia sala d’attesa, hanno indossato una mascherina FFP2. Una scena che non mi aspettavo di vedere, all’epoca non si parlava ancora di pandemia, anche se non posso negare che, nei giorni precedenti alla partenza, la preoccupazione per quello che stava succedendo in Cina a causa del Covid-19 ci ha fatto più volte dubitare se non fosse il caso di rinviare il viaggio. In ogni caso, ne avevo anch’io una nello zaino, che ero intenzionato ad usare in aereo.

Arrivo a Santander in perfetto orario. Poiché i miei amici sarebbero atterrati solo dopo le 19.00, avevo oltre 4 ore di tempo da impiegare ed ho deciso di raggiungere il centro della cittadina cantabrica in autobus (ogni 30min, costo 2,90€, con arrivo alla centralissima stazione dei bus adiacente a Calle Cadiz). Ho lasciato il trolley nel deposito della stazione per pochi euro e mi sono incamminato su Calle Cadiz, in direzione del lungomare.

Santander mi ha subito stupito per la pulizia e la sua particolare architettura, che hanno ben poco in comune con quelle del resto delle città spagnole. La qualità della vita riflette tutta la ricchezza economica della zona. Nella mia veloce passeggiata ho potuto ammirare l’interessante struttura dell’Oficina de Turismo de Sentander, il suggestivo Paseo Maritimo de Santander, il Palacio de Festivales de Cantabria, il Museo Maritimo del Cantabrico, la spiaggia de Los Pelegrinos e, risalendo la collina della penisola della Magdalena, lo splendido Palacio de la Magdalena. Purtroppo, dato il poco tempo che avevo, non ho potuto visitare l’interno di nessuno di questi magnifici palazzi ma mi sono fatto un’idea delle bellezze che Santander è in grado di offrire a chi decidesse di trascorrervi un weekend. E pensare che ho sempre pensato fosse poco più di uno scalo Ryanair!!

Al ritorno sono stato costretto a prendere un autobus al volo o rischiavo di perdere quello per l’aeroporto e di far tardi all’appuntamento con i ragazzi.

Una volta raggiunto lo scalo, ho ritirato l’auto che avevamo noleggiato con Rentalcars (per tre giorni, con copertura completa e riconsegna in un aeroporto diverso, €161,00). Poi mi sono accomodato ad aspettare Edu e Gir, emozionato come un bambino davanti al lunapark.

22 febbraio 2020 – Bilbao

Abbiamo raggiunto Bilbao ieri sera, direttamente dall’aeroporto di Santander.

Dopo una bella dormita ed una deliziosa e nutriente colazione al Patri Martin Berasategui Gastrobar , ci siamo incamminati in direzione del Guggenheim Museum. Questo museo è già spettacolare dall’esterno, grazie alla sua struttura particolare e alle originali sculture giganti che stanno al suo ingresso (un cane di fiori, Puppy, e un ragno di metallo) che ne sono diventati il simbolo. La visita del Guggenheim è un’esperienza sensoriale fatta di installazioni ed opere che coinvolgono il visitatore completamente, costringendolo ad assecondare le sue strane forme ed a provare ad interpretare le strane opere d’arte che contiene: si tratta di arte moderna e contemporanea prodotta da artisti di tutto il mondo che riesce a meravigliare e a disorientare qualunque spettatore. La visita richiede almeno 3 ore e costa 13€ (10€ se si acquistano i biglietti on line).

Usciti dal museo abbiamo deciso di vagare liberamente tra le stradine della fantastica capitale basca, non prima di aver messo qualcosa sotto i denti. La nostra scelta è caduta sul ristorante La Batea Mejillonerias , un ottimo ristorante di pesce con prezzi appena sopra la media.

Nel pomeriggio abbiamo camminato per il Casco Viejo (quartiere vecchio, con la cattedrale di Santiago, Mercado de la Ribera e la vicina chiesa di Sant’Antonio, le siete calles (sette stradine parallele), la chiesa di San Nicola); poi sosta nella piazza delle feste, Plaza Nueva, circondata da splendidi portici che ospitano una miriade di pintxos bar, dove è impossibile non fare una sosta per assaggiare qualcosa. Infine, sulla strada dell’hotel, ci siamo fermati a mangiare al La Ribera Market, un mercato coperto dove è possibile mangiare qualsiasi tipo di pintxos in una contagiosa atmosfera festaiola, resa ancor più allegra dagli eventi organizzati per l’Aratusteak , il carnevale basco nel quale abbiamo avuto la fortuna di imbatterci e che ricorre proprio in questi giorni.

23 febbraio 2020 – San Juan de Gaztelugatxe e San Sebastian

Il programma di oggi prevede il viaggio verso San Sebastian, comprensivo di due tappe per visitare due delle attrazioni più irrinunciabili per chi viene da queste parti, per motivi diversi: lo stadio San Mames, la storica casa dell’Athletic Club, e la favolosa isola di San Juan de Gaztelugatxe, sormontata dal pittoresco eremo dedicato a San Giovanni Battista, costruito nel X secolo.

Guarda la gallery
santander-dtqzx

San Juan de Gaztelugatxe - 2

santander-gvcn4

Bilbao - Carnevale Plaza Nueva

santander-qbs1m

San Sebastian - Città vecchia

santander-7njy2

San Sebastian - La Concha

santander-cdh76

San Sebastian - La Concha 2

santander-aasww

San Sebastian - Panorama

santander-7kgwm

San Sebastian - Cena

santander-fkjbe

Santander 1

santander-j83f1

Santander 2

santander-qwuys

San Juan de Gaztelugatxe

santander-qper7

Bilbao - Guggenheim

santander-usnew

Bilbao - parco Guggenheim

santander-5gk13

Santander- Palacio de la Magdalena

santander-2uzmt

Santander 3

santander-3jb5w

Bilbao - Noi

santander-uxytr

Bilbao - San Memes



    Commenti

    Lascia un commento

    Bilbao: leggi gli altri diari di viaggio

    Video Itinerari