Portogallo l'amore per la malinconia

SULLE ORME DEL SACRO. FATIMA Quando il viaggiatore arriva a Fatima inutilmente sbircia un po’ di qua’ ed un po’ di la’ alla ricerca di un qualunque nucleo originario; dopo un po’ si fa’ l’idea che il villaggio in origine ...

  • di Marino Pancheri
    pubblicato il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

SULLE ORME DEL SACRO.

FATIMA Quando il viaggiatore arriva a Fatima inutilmente sbircia un po’ di qua’ ed un po’ di la’ alla ricerca di un qualunque nucleo originario; dopo un po’ si fa’ l’idea che il villaggio in origine era piccolissimo visto che adesso non fa’ che vedere solo alberghi e case nuove.

Il santuario e’ un po’ fuori citta’ immerso nel verde di un boschetto al centro del quale c’e’ ina grande spianata in cemento grigio chiaro il leggera discesa un grande rettangolo della larghezza di circa duecento metri e della lunghezza di un chilometro.

Da sopra si vede in lontananza la chiesa che e’ piccola e che ha un doppio colonnato come S.Pietro il tutto naturalmente nelle debite proporzioni.

Alla sinistra della chiesa c’ in padiglione in vetro dove si celebrano le messe.

Scendendo lentamente non si possono non notare pellegrini che fanno la stessa cosa del viaggiatore ma in ginocchio, alle due parti della spianata gli alberi danno una sensazione di tranquilla serenita’ a tutto il luogo.

Il viaggiatore legge sulla guida che in occasione del giorno della ricorrenza delle apparizioni la spianata che ora e’ vuota e silenziosa e’ colma di un milione di pellegrini che arrivano da tutto il mondo.

Una volta arrivato in fondo tra la chiesa ed il padiglione di vetro c’e’ una grande vasca Meglio non si potrebbe definirla dove vengono poste le candele , non si puo’ non notare la particolarita’ tutta portoghese della cosa; il pellegrino una volta acquistata la candela la getta direttamente tra alte fiamme tanto che la cosa al viaggiatore sembra un retaggio di qualche antico rito pagano.

L’interno della chiesa non e’ di particolare menzione se non per il fatto che in occasione delle messe e’ stracolma di persone.

La percezione del viaggiatore in tutto questo luogo e’ di calma e di serenita’ molto dopo questa visita al viaggiatore sono venute sotto gli occhi alcune notizie in cui sembra che il luogo che ha visitato sia solo uno dei luoghi dove vi sono state le apparizioni mariane oppure neanche questo Il viaggiatore si e’ ripromesso di approfondire la cosa in vista di un suo futuro ritorno.

NAZARE’ Nazare’ e’ sul mare ma quello che ha portato qui’ il viaggiatore e’ una antica leggenda che racconta la vicenda successa sulla rupe sopra la cittadina che racconta di un cavaliere che combatte’ contro il diavolo e dopo una lotta feroce lo fece precipitare giu’ dalla rupe; se si ha la curiosita’ di salire alla parte alta di Nazare’ nella bella piazza c’e’ la chiesa edificata Santo al quale il cavaliere si appello’ durante la sua lotta.

In questa piazza talvolta c’e’ un colorito mercato composto prevalentemente da anziane e scorbutiche donne che protestato se le si fotografa che vendono ricordini o prodotti locali.

TOMAR Al viaggiatore che va’ a Tomar interessa vedere una sola cosa:il convento del Cristo.

Il convento e’ in uno stato di abbandono totale e di pericolo di crollo imminente.

E’ stato costruito sull’area della antica fortezza dei Templari e per raffiungerlo bisogna attraversare le mura del castello.

Personaggi famosi hanno attraversato i corridoi,i chiostri adornate da bei azulejos Come Vasco de Gama o famosi re ed imperatori.

Pur tra tanto abbandono non si possono non notare le tracce di un grande passato e di una grande potenza, si potrebbe dire che questo luogo e’il simbolo stesso della storia del Portogallo.

BATALHA.

Gironzolando per trovare alloggio per la notte ad un tratto al viaggiatore appare una grande piana grigia,brulla al centro la sua attenzione e’ catturata da una strana costruzione: e’ un monastero? Una chiesa? o qualcosa d’altro? S.Maria da Vitoria ha una forma talmente particolare che e’ difficile definirla Puo’ sembrare anche una fortezza, il suo colore ambrato frutto del tempo la stacca dal luogo dove e’ collocata

  • 1194 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social