Cosa c'e' oltre il circolo polare ARTICO?

Cosa c'e' oltre il circolo polare Artico? Periodo : Agosto 2009 Consigli utili : GUIDA Lonely Planet Cosa portare :Abiti primaverili e invernali e la Carta di credito...hhihihi 1- Giorno : Partiamo con volo di linea SAS da Milano Mpx ...

  • di Izzi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

Cosa c'e' oltre il circolo polare Artico?

Periodo : Agosto 2009

Consigli utili : GUIDA Lonely Planet

Cosa portare :Abiti primaverili e invernali e la Carta di credito...hhihihi

1- Giorno :

Partiamo con volo di linea SAS da Milano Mpx alle 20.00, con scalo a Copenaghen, raggiungiamo Oslo alle 23.55 con zeroritardizero.

L'aeroporto ha una struttura in legno.Ci sembra l'IKEA.

Alle 23.56 praticamente hanno già riconsegnato tutti i bagagli,tranne il nostro, che grazie alle letture di turistipercaso, sappiamo essere a Copenaghen, a causa del breve periodo intercorso tra un volo e il successivo.

La gentilissima, quasi prossima alla pensione, signorina del servizio bagagli smarriti della SAS, dopo le semplici pratiche burocratiche, con un affabile sorriso, ci informa che l'indomani avremmo ricevuto il nostro bagaglio in hotel e ci consegna due kit per la notte, scusandosi del disagio.

Percorriamo 50metri e prendiamo il flytoget (treno alta velocità) che in 25 minuti, con zeroritardizero, ci lascia al National Theater in centro a Oslo per 140 NOK/cad. Dove in 5 minuti, con un prelievo di sangue pari a 154 NOK in taxi ci rechiamo al Thon Hotel.

Forse il portiere di notte e' svenuto?Forse dorme?E' in bagno?Suoniamo e dopo qualche minuto, senza affanno ci apre le porte e subito dietro una piccola folla di turisti stranieri corre alle proprie stanze.

Sono l'1.30 di notte.

2- Giorno:

Nonostante il meteo dicesse sole, la giornata si apre con delle nubi minacciose all'orizzonte.A piedi raggiungiamo palazzo reale (kongelige slott), ma le prime gocce ci fanno capire subito che sara' una giornata autunnale.

Passeggiamo in centro e mentre curiosiamo nei centri commerciali, ci rendiamo subito conto che solo H&M e' alla nostra portata per un eventuale acquisto di abiti.

Chiamo l'aeroporto, e un certo Jason mi dice che alle 16.00 avremo il nostro bagaglio.Perfetto!

Pranziamo fra decine di mamme contornate da figli, biondi e ben educati! in un self del centro.

Con il bus raggiungiamo Aker Brygger (porto), ma il diluvio universale ci suggerisce di berci un the caldo in un baretto con delle simpatiche coperte di lana di pecora sulle sedie per riscaldare gli avventori infreddoliti.

Rientriamo a piedi in Hotel e siamo costretti ad asciugare gli abiti con il phono.

Ceniamo all'Olivia, li vicino, vista la pioggia.

Ore 2.00, siamo a letto. DRIN-DRIN :Chi suona il campanello? Dopo 5 minuti, capiamo che e' l'allarme antincendio e non il telefono!!Mi vesto, e vado a vedere cosa succede.Tutti indossano abiti di fortuna.La porta taglia fuoco e' gia' chiusa.Abbiamo 120 min di soppravvivenza!Penso...La apro e scendo le scale antincendio, dal settimo piano alla reception, a piedi nudi e con un pigiama della Benneton, con disegnata una mucca fluorescente.

Gli altri sono vestiti peggio!Sono gia' arrivati i Pompieri.Falso allarme.Torniamo a dormire.

3- Giorno :

Ci svegliamo di buon ora per recarci all'aeroporto, dove alle 8.30 ci imbarchiamo per Tromso.Capitale del Nord.Il taxsita ci informa che a Luglio c'erano 26 gradi, non si direbbe!

In 5 minuti a 60 Km/h raggiungiamo l'hotel Radisson per soli 140 NOK.

Sarebbe meglio noleggiare subito l'auto e non il giorno successivo per risparmiare sui costi dei trasporti, elevati!!

Lasciamo i bagagli e ci avventiamo in un baretto del centro.I turisti si sono ridotti dai 100 di Oslo a 15.

Nel pomeriggio dopo aver percorso tutta la cittadina a piedi, il birrificio piu' a nord d'europa e' chiuso perche' domenica;con il 26 andiamo a prendere la funivia per ammirare dall'alto la citta',la chiesa artica e il panorama prima del tramonto.Favoloso.Finalmente sole e un po' di caldo

  • 4653 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico