Il Golfo dei Poeti e Le Cinque Terre a 5 Stelle

Le Cinque Terre, riconosciute dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, sono oggi Parco Nazionale ed Area Protetta. I cinque paesini di Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso, dislocati su un’area di 10 km, sono incastonati tra le rocce a strapiombo sul mare ...

  • di giogio77
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Le Cinque Terre, riconosciute dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità, sono oggi Parco Nazionale ed Area Protetta. I cinque paesini di Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monterosso, dislocati su un’area di 10 km, sono incastonati tra le rocce a strapiombo sul mare in un susseguirsi e alternarsi di promontori rocciosi, colline verdissime, terrazzamenti sul mare, baie e piccole spiagge. Le Cinque Terre sono riuscite a mantenere nel tempo valori naturali e ambientali incomparabili e di straordinaria bellezza. Qui nasce il noto vino da tavola DOC Cinque Terre, la Vernaccia di Corniglia e il raro e pregiato Sciacchetrà, vino dolce e liquoroso prodotto da uve passite. Quindi le Cinque Terre sono un paesaggio unico al mondo dove uomo e natura convivono, da sempre, in straordinaria armonia. L'Ente Parco Nazionale delle Cinque Terre per regolare il flusso turistico nella zona e mantenere intatto il territorio ha "regolamentato" la fruizione dei servizi offerti al turista. Tra le tante iniziative c’è l’introduzione della Cinque Terre Card, uno strumento utile per semplificare la visita alle Cinque Terre e un aiuto per preservare il territorio delle Cinque Terre visto che i proventi così ricavati dall'ente parco sono destinati al recupero del territorio per salvare le Cinque Terre. La Card costa 5, 40 € al giorno e consente un numero illimitato di viaggi sui treni del tratto Levanto – La Spezia, e viceversa, e l’accesso a tutti i percorsi pedonali compresa la Via dell’Amore (il cui transito costa normalmente 3 €).

Il primo giorno, arrivati a La Spezia, dopo aver parcheggiato l’automobile, siamo andati in Stazione. Qui abbiamo fatto la Cinque Terre Card e siamo saliti sul treno che collega tutti e cinque i paesini delle Cinque Terre. Prima destinazione: Riomaggiore. Per raggiungere le Cinque Terre, infatti, conviene affidarsi ai comodi e frequenti collegamenti ferroviari. Inoltre il treno non è assolutamente invasivo dal punto di vista ambientale dal momento che passa quasi tutto il tempo in galleria ed è una specie di metropolitana che fa la spola da una paese all’altro.

In circa 10 minuti arriviamo alla Stazione di Riomaggiore e facciamo un breve giro del paese che a nostro avviso è il meno bello fra i cinque. Riomaggiore è tutto raccolto in una stretta vallata sviluppatosi verticalmente su una scogliera degradante verso il mare. Il paese si sviluppa lungo la via principale ottenuta coprendo il torrente Rivus Major che dà il nome al borgo mentre le alte case color pastello di pietra e ardesia tutte addossate le une alle altre sono intersecate da ripide scale e scalinate. Terminato il nostro giretto, da Riomaggiore, nei pressi della stazione, imbocchiamo la celebre Via dell’Amore, il sentiero più famoso delle Cinque Terre che collega Riomaggiore a Manarola. La “Via dell’Amore” è una passeggiata lastricata di circa 1 km, a picco sul mare circondata dalle verdi colline e in parte scavata nella roccia, con dei fantastici scorci sulla costa sottostante e sul mare aperto. La Via dell’Amore è una meta fissa ed irrinunciabile per coppie di innamorati e turisti ma anche di chiunque metta piede in questi fantastici posti. Il sentiero non presenta alcuna difficoltà, è comodo, curato, si percorre passeggiando in 30 minuti e di solito è pieno zeppo di turisti. Il pedaggio per attraversarla è di 3 €, se però si possiede la Cinque Terre Card non si pagherà altro. Nei punti più panoramici del percorso sono state sistemate delle panchine che consentono piacevoli soste e anche noi ne approfittiamo per mangiare il nostro pranzo a sacco. Dalla via dell’Amore una scalinata scende fino alla Stazione di Manarola, da dove, attraverso un tunnel, si arriva in paese

  • 8818 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social