Vacanze natalizie in Medio Oriente

In giro tra Gerusalemme, Nazareth, Petra, Tel Aviv e il Mar Morto

  • di maya83
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Prenotiamo i voli per questo viaggio invernale pochi giorni prima che si incrinassero nuovamente le relazioni tra Israele e Hamas; con un pizzico di incoscienza e andando contro alle opinioni dei più decidiamo comunque di non rinunciare alle nostre vacanze natalizie in Terra Santa e oggi, col senno di poi, non possiamo che essere felici della nostra decisione e ancora di più della scelta dei paesi visitati che si sono rivelati unici ed affascinanti sotto molti aspetti.

Il principale consiglio che mi sento di dare nell’organizzare un viaggio del genere è di studiare bene i giorni della settimana in cui bisogna trovarsi in un determinato luogo: ovvero la domenica evitare Nazareth, il venerdì pomeriggio ed il sabato le città dove lo shabbat è particolarmente sentito (non vi rientra Tel Aviv) perché, anche se vivere il Muro del Pianto il venerdì sera sarà una bellissima esperienza, dovete tener conto che se per esempio volete noleggiare un auto ed è sabato mattina con molta probabilità non riuscirete a farlo e che comunque tutti i ristoranti ebrei ed addirittura i mezzi pubblici in quelle giornate nn funzionano.

Suggerisco comunque il giro come da noi ipotizzato ovvero atterrare in Israele e ripartire dalla Giordania in modo da nn dovervi recare in aeroporto con 3 ore e più di anticipo (cosa che invece dovrete fare se partite dall’Israele).

Per quanto riguarda il clima noi siamo stati fortunati: una settimana prima del nostro arrivo pioveva, la settimana successiva al nostro rientro a Gerusalemme nevicava, noi invece camminavamo con i giubbini in mano e praticamente a mezzogiorno eravamo in tenuta estiva.

il viaggio

Siamo partiti il 26 dicembre da Napoli con la Turkish Airlines; Il nostro itinerario prevede un lungo stop a Istanbul e così ne approfittiamo per visitare per la 3 volta questa meravigliosa città. Abbiamo deciso di alloggiare al Wow Airport Hotel avendo il volo per Tel Aviv all’alba ed è stata una felice scelta.

Bella e ampia la camera, dista dall'aeroporto solo pochi minuti e in determinate fasce orarie ha la navetta per l'aeroporto e per la zona nuova della città gratuita; non usufruendo di questo servizio l’aeroporto si raggiunge con una corsa in taxi al costo di 10 lire turche (circa 5€), mentre il centro città è facilmente raggiungibile in metro: prendete la linea rossa (la fermata è subito all'uscita dell'hotel), scendete alla fermata Zeytinburrnu e quindi cambiate con il tram linea blu che vi farà fare una piacevole passeggiata (anche se un po’ lunga... circa 30 min.) attraverso la parte vecchia della città arrivando fino a superare il ponte di Galata (il taxi vi costerà circa 50 lire turche ma dipende dal traffico).

27 dicembre

Alle ore 6.30 ci imbarchiamo sul nostro volo per Tel Aviv. Contrariamente ai racconti letti e sentiti superiamo i controlli doganali velocemente, cambiamo i soldi e ci dirigiamo verso l’esterno dell’aeroporto per prendere uno degli shuttle che fanno la spola tra Tel Aviv e Gerusalemme. È una soluzione abbastanza comoda: si comunica all’autista il nome dell’hotel e vi porterà quanto più vicino possibile alla vostra destinazione; la compagnia che effettua questo servizio si chiama Neshertour ed il costo è di 62 NIS per persona (circa 13 €); l’inconveniente è che il minibus da 9 posti parte solo quando è pieno e noi abbiamo atteso circa un’ora. Le due città distano meno di un’ora l’una dall’altra e lungo il percorso abbiamo la possibilità di apprezzare l’organizzazione di questo paese.

L’hotel scelto a Gerusalemme è il Lutheran Guest House. Avevamo letto commenti più che positivi e quindi, quasi ad occhi chiusi, l’abbiamo prenotato… rimanendo però delusi. Nulla da dire per la location: a due minuti a piedi dalla porta di Jaffa, in una stradina in salita (St. Mark’s Road) che ne garantisce la tranquillità e che ti permette di ammirare questa fantastica città dall’alto. La struttura è bella, tutta nella tipica pietra bianca di Gerusalemme, un grande giardino ed una terrazza da cui si gode di una bella vista sui tetti della città. Il problema è stato la camera: la prima assegnata era al secondo piano e con vista, peccato che avesse un letto da una piazza e mezzo e lo spazio solo per un comodino… dovendo trascorrere qui 3 notti chiediamo di sostituirla, in quanto lì mancava lo spazio vitale. Ci viene riferito che tutte le stanze matrimoniali sono di quelle dimensioni e ci viene quindi data una camera con letti uniti, al piano terra, subito dietro la reception e con una piccola finestra che da sul giardino dell’albergo. Accettiamo lo scambio!

Delusi poi anche dalla colazione: uova fritte e sode, pomodori, qualche salsa, del pane, prosciutto e formaggio, thè e caffè, nulla di dolce! Il personale non ci è sembrato molto socievole, ma comunque disponibile a fornire le informazioni richieste. Wi fi presente nella struttura e gratis. Il tutto per 90 € a notte.

Per non perdere tempo avevamo fissato subito la prima visita della città accompagnati da Giordana Moscati, una ragazza italiana, trasferitasi a Gerusalemme e che qui lavora come guida turistica: un’ottima scelta che mi sento vivamente di consigliare. Con Giordana abbiamo visitato i siti di maggiore interesse all’interno delle mura della città antica, partendo ovviamente dal Muro del pianto, passando per il Quartiere Ebraico e quello Armeno, dove abbiamo assistito alla particolare messa delle 15 e avuto la possibilità di toccare la chiave con cui il custode di questa “città nella città” chiude ogni sera alle 22.15 la porta di ingresso, finendo poi nel Quartiere Cristiano, con la Basilica del Santo Sepolcro e percorrendo alcune stazioni della Via Crucis. Questa giornata con Giordana è stata utilissima perché ci ha dato dritte importanti per vivere la città ma soprattutto informazioni su questo paese e sulle sue popolazioni così vicini ma così diversi da noi ma anche e soprattutto tra loro

  • 10222 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social