Islanda 2007, sulle tracce di saknussem

.…Si precipitò sul foglio di carta e con occhi scintillanti e voce commossa lesse interamente il documento, risalendo dalle ultime lettere alle prime. Ecco che cosa c’era scritto: "...Discendi nel cratere di Yocul dello Sneffels che l’ombra dello Scartaris viene ...

  • di Ram
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
 

.…Si precipitò sul foglio di carta e con occhi scintillanti e voce commossa lesse interamente il documento, risalendo dalle ultime lettere alle prime. Ecco che cosa c’era scritto: "...Discendi nel cratere di Yocul dello Sneffels che l’ombra dello Scartaris viene a lambire prima delle calende di Luglio, viaggiatore ardito, e perverrai al centro della terra. E questo ho fatto io. " Arne Saknussem. Da "Viaggio al centro della Terra" di Jules Verne.

Un luogo fantastico, di quelli che non vedi tutti i giorni. Ai confini dell'europa, lassu' dove pensi che il ghiaccio e il freddo la facciano da padroni, ecco che fiumi di lava, pozze bollenti, fango gorgogliante e quant'altro assomigli piu' all'inferno diventano altrettanto protagonisti. Questa e' l'islanda, una terra dove ghiaccio e fuoco sono tanto vicini d'aver dato vita a grandi disastri, a vere e proprie dimostrazioni di forza della natura. E' una terra che con le sue bellezze emoziona chi la va a visitare. Non e' una vacanza adatta a tutti: per le condizioni climatiche, che quando sono avverse, sono veramente difficili da affrontare. Per la strada da percorrere: tanta se si vogliono vedere le principali locations, e allontanarsi un po' dalla ring road, piuttosto trafficata in agosto. L'islanda infatti non è piccola, e visti anche i limiti di velocita' e la tipologia delle strade da affrontare, spesso i tempi si dilatano. Per i costi: è risaputo che non sia proprio un paese economico. Tutte queste cose messe insieme fanno si che, dovendo stare attenti al budget, si finisca o per togliere qualche giorno di visita, o cercare sistemazioni piu' spartane per risparmiare qualcosa e quindi, di conseguenza, adattarsi. Ovviamente se non si hanno problemi di budget questi problemi non sussistono ! INGREDIENTI PER IL VIAGGIO. GUIDE: Ne abbiamo portate 2, le solite che usiamo quando andiamo in giro, Lonely e Rough. Entrambe ben fatte. Conviene in ogni caso sempre averne un paio dietro, per sopperire alle eventuali mancanze di una o dell'altra. ITINERARIO: C'e' voluto un po' per decidere l'esatto itinerario, siccome le guide riportano molte cose da vedere. Alla fine, seguendo consigli di altri visitatori, ne abbiamo creato uno su misura per noi, tenendo conto dei 14 giorni che avevamo a disposizione ( compresi andata e ritorno ). Abbiamo saltato completamente la visita alla capitale, ritenuta poco interessante dalla gran parte della gente che c'e' stata. Non amando la vita notturna ed i musei, siamo convinti di aver fatto la scelta giusta. Nel giro abbiamo inserito anche i fiordi occidentali, da molti sconsigliati perche' lontani. Scelta ampiamente ripagata ! VOLI : Ad oggi ci sono 2 alternative x arrivare in islanda via aerea: volo diretto con IcelandAir da Milano ( costo sugli 800 euro a testa a/r ), oppure l'ormai conosciuta IcelandExpress che pero' non vola dall'italia. Alla fine troviamo una buona soluzione via Londra Stansted con Ryanair in coincidenza col volo di IE per Keflavik, il tutto andata e ritorno ci viene a costare 400 euro tondi tondi a testa. Non malaccio ! ALLOGGI: Una volta definiti i voli di andata e ritorno, bombardiamo di email guesthouses, hotels, b & b, per cercare le tariffe piu' convenienti nei luoghi in cui avevamo deciso di soggiornare. Nel giro di una settimana, abbiamo ricevuto tutto sommato gran parte delle risposte, e abbiamo effettuato le prenotazioni. Per alcuni e' bastata un email di conferma, per altri e' stato necessario inviare il numero di carta di credito. Abbiamo cercato alloggi dignitosi ( niente lusso quindi ) ma con bagno in camera. Comunque 3 notti le abbiamo fatte con bagno in comune perche' non c'era altro. Andando su questi standard medio-bassi, abbiamo speso in media 120 euro a notte per una doppia, sempre con prima colazione inclusa. Non poco ! AUTO : L'altra grossa mazzata arriva dal noleggio auto. Un'utilitaria per 13 giorni sta intorno ai 700 / 800 euro, dipende dalle offerte, dal noleggiatore etc..... Siccome tutti quelli che son tornati da la' rimpiangevano il fatto di non aver preso un fuoristrada, alla fine abbiamo fatto la pazzia,e per 1530 euro tondi tondi, compresa SCDW, abbiamo noleggiato un Suzuki Jimny dalla Geysir, una compagnia che non ha ufficio all'aereoporto internazionale di Keflavik, ma in un paese a pochi chilometri

  • 1690 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico