Celticando qui e lì per L'Irlanda

30/07 Ho mal di pancia. Lo so non è la situazione di partenza ideale ma ho mal di pancia. Per questo vi do il primo consiglio del giorno per una buona vacanza in Irlanda. Consiglio del giorno: mai mangiare cinese ...

  • di Proudence
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro

30/07

Ho mal di pancia.

Lo so non è la situazione di partenza ideale ma ho mal di pancia. Per questo vi do il primo consiglio del giorno per una buona vacanza in Irlanda.

Consiglio del giorno: mai mangiare cinese a domicilio la sera prima di partire.

Siamo all'aeroporto di Orio al Serio, sono le 10,14, e il nostro aereo tarda di 1h e 5 minuti.

Poco male, non avevamo avuto tempo di far colazione, ed io di cominciare a scrivere questo resoconto. Il titolo? Celticando qua e là per l'Irlanda, si, si può fare.

Dunque, a parte la delusione costante di chi non impara mai che i menu colazione in areoporto sono una sòla, eccoci in partenza per Dublino.

Vacanza fai da te di 10 giorni. Volo Ryanair da 130 euro A/R preso a Marzo.

Oltre all'aereo ci siamo preoccupati come al solito di prendere solo il primo alloggio. Un college a Dublino che d'Estate affitta camere per turisti. Non ho idea di come sia riuscito a trovarlo a 15 euro a testa con bagno in camera. Lo abbiamo prenotato attraverso il sito della Tui, che già conosciamo per un minitour in Tunisia dell'anno scorso con un decente rapporto qualità-prezzo. Ma si sa, noi siamo viaggiatori che si adattano..

Il giro su internet comunque mi ha fatto intendere che non dormiremo con meno di 25 euro a testa in tutta l'Irlanda.

Altra cosa prenotata da casa (non ancora pagata) è la macchina a noleggio che ritireremo a Dublino giorno 1, anche questa una novità visto che per la prima volta abbiamo utilizzato un motore di ricerca per compagnie di autonoleggio. Il sito si chiama economycarrentals.com ed immettendo i dati di riferimento ricerca la compagnia con il miglior rapporto qualità prezzo tra tutte quelle presenti sulla rete.

Per il resto ci affideremo al mio portatilino da 9 pollici che ci seguirà in questa avventura fornendoci ove possibile gli alloggi, i pub e tutto ciò che potrebbe servirci, oltre ad aver l'onore di prendere il posto di retro di ricevute e fogli vari recuperati e mai arrivati assieme a casa. Probabile che quest'anno il nostro resoconto sia completo. U_u

Ultima informazione. Abbiamo una guida quest'anno, trovata l'ultimo giorno utile in una libreria della Giunti. Si chiama Irlanda ed è una guida della collana low cost proprio della Giunti, essenzialissima ma completa al prezzo di €11,90.

Arrivati a Dublino, la navetta Terravision (biglietto acquistato in aereo a 7 euro) ci porta in centro città.

Il nostro alloggio è centralissimo, lo raggiungiamo a piedi con facilità in meno di 10 minuti.

Vale esattamente quanto l'abbiamo pagato, ma è ordinato e pulito, e noi sinceramente non chiediamo altro.

Tra una cosa e l'altra ci riduciamo a mangiare alle 15,30 (che dato il cambio italiano sono le 16,30 italiane), non abbiamo troppa voglia di cercare per cui optiamo per Chick King, fast food di solo pollo. 21 euro per due menu abbastanza sostanziosi di panino, alette, fagioli in salsa e patate fritte con aceto e sale e la bibita.

La nostra guida low cost per Dublino ci propone tre itinerari a piedi.

Il primo ci mostra il trinity college, le case georgiane e tutti gli istituti con l'attributo “National”, quindi la National Gallery, la National Library ed il National museum.

Il trinity è visitabile gratuitamente fino alla biblioteca antica che ospita il Book of Kell, primo manoscritto miniato riportante il vangelo, non lo vediamo perché ci chiedono 10 euro per accedere alla sala dove è conservato. In compenso dallo shop riusciamo a vedere la biblioteca posta al piano superiore, tantissimi libri in scaffali sottili e molto alti. Una bella visuale, sembra Hogwarts

  • 2556 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico