La Jamaica tutta per noi

Siamo tornati dalla Jamaica da pochi giorni e già stiamo morendo di nostalgia..Durante il nostro viaggio abbiamo incontrato pochi turisti perchè dopo l'uragano pare che molti abbiano avuto paura ad andarci ma in realtà non abbiamo visto danni: solo qualche ...

  • di marzietta.c
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Siamo tornati dalla Jamaica da pochi giorni e già stiamo morendo di nostalgia..Durante il nostro viaggio abbiamo incontrato pochi turisti perchè dopo l'uragano pare che molti abbiano avuto paura ad andarci ma in realtà non abbiamo visto danni: solo qualche albero caduto e molta, molta tranquillità. Arrivati a Kingston abbiamo passato due giorni in città ma non è tanto facile muoversi se non sai bene dove andare perchè ci sono zone pericolose. Ma la sera siamo andati a ballare all'Asylum, discoteca famosa a New Kingston e è stata una esperienza fantastica! Certo che i giamaicani si vestono in modo elegantissimo e vistoso ...Specialmente certe ragazze...Da restare sbalorditi! E ancora più sbalorditi a vederle ballare! Da Kinston ci siamo spostati a Port Antonio, o meglio a Drapers, dove abbiamo avuto una botta di fortuna trovando Drapers San, una guest house che ci ha fatto passare dei giorni molto insoliti. La guest house è pulita e piena di fiori, proprio sul mare. E che cenette. Con il loro aiuto abbiamo visitato un parco naturale ai piedi delle Blue Mountains con una guida maroons che ci ha fatto assaggiare la frutta e ci ha insegnato l'uso di alcune erbe per curarsi. La guida ci ha portato ad una cascata fantastica, Scatter Falls, che abbiamo risalito con mani e piedi e meno male che ci aiutava lui! In cima al monte abbiamo visitato le Foxy Caves con in testa un elmetto con la pila incorporata e poi siamo scesi per il Rio Grande su raft, una zattera di bambu. Una giornata da non dimenticare. Ma nel nostro cuore è rimasta soprattutto Winnifred Beach, una spiaggia pubblica dove la domenica arrivano pulmini carichi di gente da Kingston con il picnic e le radio e tanti bambini che giocano in acqua. Finalmente lontani dai resort, insieme ai giamaicani a divertirsi. Sulla spiaggia abbiamo mangiato l'aragosta fresca da Cynthia in un ristorantino tutto di bambu Buonissima e costa poco e la signora chiacchiera e racconta la storia della spiaggia.

Uno degli ultimi giorni pioveva e ci hanno consigliato di visitare il paese dove abbiamo scoperto mille posti carini. Uno shopping centre con le magliette di Bob Marley, la Marina dove abbiamo passeggiato e mangiato il gelato, il mercato dove un venditore, Rock Bottom, ci ha fatto passare un'oretta a intagliare i pappagalli di legno.E infine un piatto di riso e verdure dal rasta dietro al mercato: si chiama Little John e cucina da dio. E se avete occasione andate a mangiare una sera da Dickie's, una casetta sulla scogliera dove un vecchio rasta apparecchia con sei forchette e coltelli tutti diversi e serve una gran cena con tanto di dolce, e poi vi porta a vedere le sue sculture e lo strapiombo sugli scogli.

L'ultima sera nel giardino pensavamo già a quando tornare..Speriamo presto, anzi subito. La Jamaica ci ha lasciato troppe belle sensazioni e pensiamo anche di avere molto da imparare rispetto ad una cultura e un modo di vivere cosi diversi dal nostro.

  • 709 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social