Normandia, Bretagna, Valle Loira, dintorni Parigi

19 agosto. La nostra vacanza comincia oggi con partenza da Roma-Fiumicino alle 11.55, volo Air France e arrivo puntuale a Parigi-Charles de Gaulle alle 14.00. Ci dirigiamo verso il punto Hertz dell’ aeroporto con il quale abbiamo prenotato tramite agenzia ...

  • di Labila
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

19 agosto. La nostra vacanza comincia oggi con partenza da Roma-Fiumicino alle 11.55, volo Air France e arrivo puntuale a Parigi-Charles de Gaulle alle 14.00. Ci dirigiamo verso il punto Hertz dell’ aeroporto con il quale abbiamo prenotato tramite agenzia una macchina. Ci assegnano una Renault Clio ultimo modello, un bidone a benzina che consumerà un bel po’. Per la prima volta, invece della formale registrazione della carta di credito ci vengono congelate € 270,00 a titolo di deposito cauzionale. La cosa ci lascia molto perplessi perché come tutti sappiamo le carte di credito hanno un limite di spesa e noi siamo appena arrivati!! Ma non finisce qui. Una volta saliti a bordo notiamo che nonostante avessimo pagato € 73,00 per il pieno, la lancetta della benzina è a metà serbatoio. Sotto la grandine torno dalla ragazza che ci ha consegnato le chiavi e le spiego il problema. Lei mi dice di non preoccuparmi perché al ritorno avremmo dovuto riconsegnare l’auto così come l’avevamo trovata. Un errore da parte nostra è stato quello di non farci lasciare nulla di scritto, ma questo ve lo racconterò al momento opportuno, ora occupiamoci del vero VIAGGIO. Prima tappa Rouen capoluogo della Normandia. Notiamo con piacere che le strade francesi sono tenute benissimo, sono larghe e non c’è per niente traffico soprattutto perché al posto dei semafori ci sono le rotatorie. Prendendo quelle secondarie inoltre è possibile ammirare l’immensa campagna e i piccoli paesi curati in ogni particolare e poi comunque, dettaglio da non sottovalutare, le autostrade non costano poco. Arriviamo a Rouen e cerchiamo subito un albergo dove passare la notte. La scelta (sbagliata) ricade sull’ hotel Alba in posizione centrale ma per niente confortevole: quattro piani a piedi, letto piccolo, bagno senza tavoletta. (€ 60 in due). Pazienza tanto non siamo qui per restare chiusi in camera! Dopo aver ammirato la grande cattedrale gotica facciamo un tuffo nel 1400 visitando il museo di Giovanna D’arco: ricostruzione della vita della “pulzella d’Orléans” raccontata da una voce tradotta in 5 lingue e rappresentata da statue immerse in una scenografia che fa calare il visitatore nella storia di quanto accaduto. Il museo si trova proprio nel pieno centro nella Place du Vieux-Marché dove fu arsa viva l’eroina di Francia e che oggi si presenta come una piazza colorata dalle tipiche case a graticcio e animata da ristorantini in uno dei quali decidiamo di cenare. Il locale si chiama La Taque D’or e vi abbiamo mangiato divinamente. La crema di cozze è fantastica, per non parlare del salmone. Il pesce è freschissimo una vera delizia. Un consiglio è di scegliere sempre i menù fissi si risparmia e le porzioni sono molto abbondanti, mentre per quanto riguarda l’acqua è meglio chiederla in caraffa (eau en carafe) una bottiglia da ½ litro può costare anche € 5,00. Tanto l’acqua liscia che ti danno in bottiglia è peggio di quella del rubinetto! Dopo cena assistiamo ad un suggestivo spettacolo di luci e suoni (visibile tutte le sere d’estate) dedicato alla pittura di Monet: vengono proiettati sulla cattedrale i colori con i quali egli l’ha rappresentata in tutte le sue sfumature a seconda del momento della giornata. Tipico di Monet fu proprio il continuo calarsi nei paesaggi da dipingere per non lasciarsi sfuggire le quasi impercettibili variazioni di riflessi e colori che lo stesso soggetto poteva assumere.

20 Agosto.

Prima di lasciare Rouen visitiamo la cupa Tour Jean D’Arc dove la stessa fu imprigionata prima di essere uccisa con una targa all’entrata che ricorda tale evento. Da far venire i brividi. Ci dirigiamo quindi alla volta di Fécamp, diamo un’occhiata anche qui alla cattedrale e decidiamo di fare uno spuntino in un bar proprio di fronte al mare

  • 2421 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social