The last frontier... Alaska

Alaska on the road. Tutto fai da te

  • di ale74
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Gli amanti delle grandi città, dello shopping, del mare e del sole scelgano altre destinazioni. Chi invece ama la natura, la montagna, la guida in libertà e non si preoccupa di un cielo spesso grigio non può fare a meno di pensare all’Alaska, l’ultima frontiera non solo degli Stati Uniti, ma del turismo in generale. L’apparente assenza di controllo nei parchi, il dominio quasi incontrastato dell’ambiente naturale e delle condizioni climatiche, il generale senso di vastità e le infinite giornate estive sono solo alcuni dei fattori che rendono il viaggio in Alaska un’esperienza decisamente singolare. La stagione turistica è molto breve e dura praticamente da giugno a settembre; l’inverno è durissimo con temperature a 40 sotto zero e pochissime ore di luce. Sono questi i motivi per cui le tariffe degli hotel e i costi di ogni servizio sono, in media, ampiamente superiori a quelli che si trovano nel resto degli Stati Uniti. Tuttavia, con un’attenta pianificazione, è possibile ridurre i costi fino ad un livello accettabile. Anche tutte le attività come crociere ed escursioni guidate sono molto care, ma per godersi la vacanza pensiamo sia inevitabile partecipare ad alcune di queste.

La stessa conformazione del territorio statale non aiuta perchè la capitale Juneau si trova nel cosiddetto “panhandle” (il manico della padella) ed è collegata al resto dello stato solo per via aerea. E’ possibile partecipare a crociere che partono da Seattle o da altre località del panhandle, ma sono soluzioni, seppur belle, che richiedono molti giorni e risultano molto costose. Per questo una visita che comprende almeno in parte la zona meridionale costringe il visitatore ad acquistare voli interni che si aggiungono al già lungo volo intercontinentale.

Noi approfittiamo di una favorevole combinazione di voli e tariffe che troviamo a dicembre 2010 su orbitz.com: Milano-Londra-Seattle-Juneau-Anchorage-Seattle-Londra-Milano a circa 916 euro a testa, con British Airways e Alaska Airlines. Alla fine il viaggio, per due persone tutto compreso, ci è costato circa 7000 dollari (di cui 1100 per gli hotel, 850 per auto e benzina, 550 per i pasti e 1850 per escursioni e ingressi), che al cambio di 1,42 fanno circa 4900 euro, per poco più di 3200 km percorsi.

Il viaggio è come sempre organizzato in totale fai da te con il fondamentale contributo degli utenti di forumviaggiatori.com e il buon sostegno dei diari di viaggio trovati in rete. E come sempre viaggiamo col solo bagaglio a mano, consuetudine ormai irrinunciabile per tutti i nostri spostamenti.

lunedì 27 giugno. MILANO – JUNEAU

L’Alaska è lontanissima. L’ottima tariffa British ci ha fatto rinunciare alla breve rotta artica di Condor e ci ha costretto ad uno scalo in più a Seattle. Qui il controllo passaporti è interminabile, con una fila chilometrica e ufficiali per niente disposti ad accelerare le procedure. Sembra quasi una cosa all’italiana. Alla fine comunque il margine tra i nostri voli è tale da non farci temere troppo. Arriviamo a Juneau in perfetto orario sfiorando le montagne a picco sul mare e sulla città. Veramente impressionante. Lì per lì non ci facciamo caso, ma ci rendiamo conto di aver visto le montagne e il mare dall’aereo alle 22: c’è ancora luce! Sapevamo di poter contare su una giornata più lunga del normale, ma non pensavamo a notti così luminose.

Lungo il percorso per raggiungere il banco Alamo notiamo tantissimi manifesti che pubblicizzano le Hawaii, ma non ci facciamo troppe domande; ci sorprendono di più i trofei di caccia appesi a tutte le pareti. Ritiriamo la nostra Toyota Yaris senza problemi e sempre senza problemi percorriamo i pochi chilometri che ci separano dal nostro B&B (noleggio auto Alamo 185,37$, alamo.com)

  • 29744 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. gianna3010
    , 10/4/2012 16:37
    dico solo che è un posto magnifico

    http://alaskaguida.altervista.org/

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social