Copenhagen, freddo accogliente

Da giovani studenti universitari i Paesi del Nord Europa non possono che affascinarci e nel periodo di "vacanza" post esami ci siamo concessi circa 4 giorni a Copenhagen, efficientissima capitale della Danimarca. Il viaggio, dalla prenotazione del volo e dell'hotel ...

  • di Valevoo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Da giovani studenti universitari i Paesi del Nord Europa non possono che affascinarci e nel periodo di "vacanza" post esami ci siamo concessi circa 4 giorni a Copenhagen, efficientissima capitale della Danimarca. Il viaggio, dalla prenotazione del volo e dell'hotel all'itinerario, l'abbiamo organizzato noi interamente tramite internet, i siti www.Visitcopenhagen.Com e www.Visitdenmark.Com ci sono stati molto utili. Inizialmente sembravamo aver gettato la spugna a causa dei costi esorbitanti degli alberghi, soprattutto dopo aver testato il favorevole cambio euro-dollaro negli States l'estate scorsa. Ma poi abbiamo trovato un'ottima offerta e ci siamo convinti: Copenhagen non ci sfugge!! Il volo diretto da Milano è della SAS e dura circa 1.30 nonostante segnino un viaggio di 2 ore, ma questo per proteggersi da vari ritardi. Arriviamo a Copenhagen in perfetto orario, dopo circa 15 minuti arrivano le valigie e siamo pronti ad avviarci verso il centro della città! Per cambiare gli euro in corone danesi abbiamo aspettato di arrivare all'aeroporto di Copenhagen: in effetti, il cambio delle banche italiane e di Malpensa non era certamente favorevole! Molto più onesto invece quello in Danimarca. Ci sono un buon numero di posti dove cambiare gli euro ma a noi è stato sufficiente acquistare la CPHcard in aeroporto per avere sufficienti spiccioli per i giorni seguenti: lì è possibile pagare in euro e il resto è in corone. La CPHcard è una carta che ti dà accesso completo a tutti i mezzi di trasporto per tutto il Paese e molti ingressi gratuiti in diversi luoghi d'arte, oltre a sconti in diversi ristoranti, e può avere durata di 24h o 72h (noi abbiamo acquistato questa a costo di circa 57euro, la si può anche acquiastare in Italia e farsela inviare a casa). Ci è stata molto utile soprattutto per l'accesso ai mezzi di trasporto e la possibilità di rifugirci in qualche luogo caldo quando faceva troppo freddo. Se si vuole visitare qualche museo e si pensa di aver bisogno spesso dei mezzi è convieniente e ti fa risparmiare tempo.

L'aeroporto è ben collegato al centro da treno e metro: la nostra scelta è ricaduta sulla metropolitana in quanto il nostro hotel è a 600m dalla fermata Kongens Nytorv, una delle piazze principali della città. La metro è pulitissima, senza guidatore e molto frequente. Il viaggio fino al centro dura 12 minuti! Di notte poi è sempre in funzione, seppur sia meno frequente. Dotati della cartina della città richiesta proprio sul sito visitdenmark e arrivata a casa dopo qualche settimana non abbiamo avuto problemi ad arrivare all'hotel. E' della catena Best Western e l'abbiamo scelto perchè abbiamo trovato un'ottima offerta (Scand.Holidays 3for2) che su pernottamenti di 3 notti permette di pagarne solo 2, la colazione è inclusa. L'hotel è molto carino, pulito e in centro e la colazione è davvero ricca e buona, con connessione ad internet gratuita. Costo: circa 90euro a notte.

Una volta arrivati in albergo abbiamo un pomeriggio da sfruttare, l'itinerario previsto è una passeggiata fino alla statua della Sirenetta.

Costeggiamo il Nyhavn, il canale pittoresco di Copenhagen, in tipico stile nordico: case variopinte si specchiano nell'acqua del canale. La prima cosa che ci è chiara della città è la presenza massiccia delle biciclette, nonostante il freddo. Moltissime persone prediligono questo mezzo per spostarsi in una città che effettivamente è a misura d'uomo e ci sono delle apposite corsie proprio per le bici. Costeggiamo l'Amalienborg Pladz, con i suoi giardini curati anche se, dato la temperatura, gli alberi erano un po' spogli...! Incontriamo poi la Chiesa di marmo (Frederikckirken) con la sua cupola che svetta dallo skyline della città e che è chiaramente ispirata alla chiesa di San Pietro a Roma. Prima di incontrare la Sirenetta si passa attraverso i giardini di Kastellet, una fortificazione ormai aperta al pubblico caratterizzata da immensi spazi verdi: la passeggiata è interamente interna e pedonale, e forse anche grazie ad un insolito sole la prima impressione di Copenhagen è decisamente affascinante! La Sirenetta, monumento in onore di Hans Christian Andersen, è forse il simbolo più famoso della città nonostante le sue dimensioni siano un po' inferiori a quello che ci si aspettava...! Il ritorno verso l'abergo prevede la camminata nello Stroget, la via dello shopping, costellata da mille insegne luminose dei negozi più alla moda. Arrivati poi nuovamente a Kongens Nytorv restiamo affascinati dalla pista di pattinaggio che si trova in mezzo alla piazza: è un anello di giaccio circondato da alberelli pieni di luci che creano un'atmosfera fiabesca! La giornata purtroppo finisce presto a causa del freddo che comincia a farsi sentire sempre di più dopo il tramonto e verso le 6 di sera dobbiamo tornare nella nostra camera

  • 16595 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social