Quando si dice il caso...

Weekend di Pasqua nel Monferrato

  • di serialsoffia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 1
    Spesa: Fino a 500 euro
 
Annunci Google

Perché, in fondo, a Camino è così che ci sono capitata, prendendo la macchina e decidendo di fermarmi quando e dove mi sarebbe andato più a genio, senza una meta prefissata, pensando di fare una Pasqua "on the road" e macinare chilometri, ma ho scoperto che tutto sommato, il paese delle meraviglie, non era poi troppo lontano da casa.

Così arrivo in Monferrato convinta di dovermi arrampicare giù per l'Italia e inchiodo dopo nemmeno 30 chilometri di fronte alla parola "castello" e mi dico: "Perché no?". Così accetto di lasciarmi distrarre dal mio proposito, da una direzione precisa, il castello, e da uno scopo, visitarlo. "Dopotutto" mi dico, "Quanto ci metterò a vederlo?". Beata ignoranza!

Sarà stata la guida che, pur essendo volontaria, ha una passione autentica (come biasimarla?!), saranno stati quei luoghi congelati nel tempo, fatti di stanze intime e grandiose, oscure e piene di storia, così ben conservati da impedirti di capire "chi", "dove" e "quando" ti trovi; gira e rigira, il castello me lo gusto pezzo per pezzo, ogni mobile, quadro, vetrata e affresco, leggo gli stemmi dei casati nel corridoio delle mogli, guardo il Monferrato squarciare lentamente il sudario di nebbia che lo avvolge dal terrazzo vicino al ponte levatoio e poi scendo a esplorare il parco, decisa a perdermici il più a lungo possibile. Quando finalmente torno verso l'entrata della proprietà, guardo l'orologio e scopro che è così pomeriggio che "dall'ora di colazione sono quasi saltata all'ora di cena".

Incontro la guida, Emanuela, che mi sorride. Non è solo un sorriso di cortesia, ma un sorriso complice, da anima stregata ad anima stregata: ricordando a quanto aveva accennato durante la visita riguardo una foresteria annessa al castello, le chiedo se ci si può cenare; lei mi dice che è un bed & breakfast e il mio sorriso si allarga a dismisura. Forse è da folli pagare per una camera d'albergo quando sei a mezz'ora dal letto di casa tua, o forse non sapete cosa vi state perdendo.

La foresteria è calda e luminosa, accogliente, restaurata da poco e senza denaturarne la naturale rusticità. Nella sala comune così come lungo i corridoi trovo ad aspettarmi il Monferrato, i cui colori sono imprigionati in splendide immagini che, appese ai muri, danno l'impressione di tante piccole finestre sulle meraviglie del luogo.

Prendo la chiave della mia stanza e salgo per darmi una rinfrescata, fermamente intenzionata a passare un po' di tempo in paese prima di cena. E' confortevole, arredata con gusto e tinta di colori morbidi, intima a tal punto da farmi venir voglia di avere un fidanzato per il puro gusto di rapirlo e portarlo lì per una piccola fuga romantica, circondati solo da storia, natura e silenzio.

Invece mi gusto la solitudine che mi permette di giovare della vasca da bagno in santa pace, immergendomi in acqua calda e schiuma fino ad avere il cuore leggero e soddisfatto; quando esco mi acciambello felice fra le lenzuola per un sonnellino che, a dispetto di ogni mia intenzione, si protrae fino al giorno dopo.

Al mio risveglio mi aspetta una mattina pallida ma con un sole che ha voglia di sorridere, in fondo è Pasqua anche per lui, così mi preparo e scendo in fretta, perché dopo i digiuni del giorno prima, il mio stomaco comincia a farsi troppe domande.

Sulla colazione della Foresteria dovrei aprire un diario a parte, sui deliziosi biscotti di riso (siamo pur sempre vicini a Vercelli!), i muffin belli e mostruosamente buoni, il plumcake pesca e cioccolata che, lo sento, porterò sui fianchi per il resto della mia vita, finché morte non ci separi. Ho mangiato così bene che ho mangiato oltre misura, accidenti a loro, e invece del pranzo pasquale ho fatto la colazione Alla reception trovo Emanuela, oltre a essere guida volontaria del castello è anche responsabile alla foresteria e si vede, perché la passione è la stessa e la ritrovi proprio nei dettagli. Mentre faccio il check-out scambiamo due chiacchiere, mi parla dei dintorni, mi dà due dritte sui posti e mi dice che, secondo lei, con tutto quello che c'è da vedere non uscirò nemmeno dalla provincia.

"Tsé" dico fra me e me, "Non mi conosce bene..." Mentre raccolgo armi e bagagli pronta a ripartire, altri ospiti escono dalla sala ristorante dichiarandosi pronti a fare la loro visita al castello. Emanuela mi chiede se voglio unirmi a loro per un altro giro. La guardo per un attimo, incerta, poi appoggio il mio borsone a terra. Forse, dopotutto, quella donna mi conosce benissimo.

Annunci Google
  • 946 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social