Tour Brasile

L’8 Marzo ’04 siamo andati a Malpensa ed abbiamo preso l’aereo delle 18:40 con arrivo a Roma Fiumicino alle 19:55, poi abbiamo cambiato ed abbiamo preso il jumbo delle 21:50. Il giorno 9 alle 5:50 (ora brasiliana) dopo 11 ore ...

  • di Carmine Pasquariello
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in gruppo
 

L’8 Marzo ’04 siamo andati a Malpensa ed abbiamo preso l’aereo delle 18:40 con arrivo a Roma Fiumicino alle 19:55, poi abbiamo cambiato ed abbiamo preso il jumbo delle 21:50.

Il giorno 9 alle 5:50 (ora brasiliana) dopo 11 ore di viaggio siamo arrivati all’aeroporto internazionale di San Paolo. Abbiamo trovato una lunga fila alla dogana per il controllo dei passaporti. Siamo andati in giro per l’aeroporto ed abbiamo trovato la compagnia aerea VARIG, quindi siamo partiti di nuovo con il volo per Rio de Janeiro dopo sei ore d’attesa. Nel pomeriggio siamo arrivati lì, la guida si chiamava Halena che ci ha accompagnato all’hotel. Eravamo stanchi e ci siamo riposati. Dopo cena abbiamo visitato il mercatino artigianale.

Il 10 marzo ‘04 Abbiamo preso la cremagliera che in venti minuti ci ha permesso di raggiungere Corcovado nel parco nazionale di Tijuca. Siamo saliti in balconata situata ai 710 metri d’altitudine dove c’era il monumento del Cristo Redentore con le braccia aperte in segno di benedizione e accoglienza per la città e i suoi visitatori. E’ alto 30 metri e pesa 1145 tonnellate. Il monumento del Cristo Redentore fu inaugurato nel 1931 dopo 5 anni di costruzione, dal presidente Vargas e dal Cardinale Leme. E’ costruito in cemento ed è rivestito da piccoli triangoli di pietra saponaria. Abbiamo ammirato il bellissimo panorama in cui si vedeva la grandissima città di Rio piena di lussuosi e torreggianti edifici e miserabili capanne, sull’Oceano Atlantico e sui circostanti monti ricoperti di foresta verde. La maestosa statua sovrasta e abbraccia il suo simbolo della città. La guida ci ha portato all’altra spiaggia deserta e protetta dalla zona di atterraggio e abbiamo osservato verso l’alto gli appassionati delle paracadutiste con le coloratissime paracadute grandi che si sono precipitati dalla vetta. L’accompagnatore è venuto a prenderci e siamo andati al ristorante a mangiare un favoloso churrasco di carne buonissima con ricco buffet di contorni. Dopo mangiato siamo andati ad assistere alle diverse scene di spettacolo brasiliano per un’ora e mezzo. Eravamo stanchi morti e siamo saliti sul pullman per rientrare all’hotel. Il 11 marzo ‘04 Ci siamo diretti a prendere due funivie arrivando al famoso monte costiero detto Pan di Zucchero con suoi 395 metri di altezza affacciato sull’Oceano Atlantico e sulla baia di Guanabara, separando la zona centrale da quella sud di Rio. Purtroppo le nuvole basse hanno avvolto il Corcovado e i monti dandoci poco sole e qualche acquazzone qua e là. Siamo usciti dalla stazione e abbiamo visto da lontano gli scalatori attrezzati di imbracature che si arrampicavano sulle pareti verticali rocciosi. Dopo aver visitato Pan di Zucchero siamo andati direttamente alla mostra dei costumi di Carnevale che sono fatti e cuciti a mano dalle esperte sarte. Inoltre abbiamo visto foto e filmati di sfilate di feste mascherate. Siamo andati a visitare la cattedrale a forma piramide che è stata costruita nel 1976 ed è alta 96 metri, ha vetrate colorate e in cui il Papa ha celebrato la Santa Messa nel 1980 e a cui hanno partecipato complessivamente 20000 fedeli. Nel pomeriggio siamo andati a visitare il Centro di Rio (zona CINELANDIA) con la metrò. Abbiamo proseguito a piedi fino al lungomare circondato dal parco ricco di diversi alberi ed numerosi attrezzi di legno per far allenare gli sportivi, con una bella veduta verso il Pan di Zucchero con le spalle verso la città e il centro commerciale. Abbiamo continuato a camminare a piedi fino all’hotel per un totale di 20 chilometri dal Centro

  • 3306 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social